I fascisti come sempre usati dalla grande borghesia nei momenti critici

I fascisti come sempre usati dalla grande borghesia nei momenti critici

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
di Alessandro Pascale
 
Quando i fascisti distruggono la sede di un sindacato è perché il Governo, il Ministero dell’Interno, le Forze dell’Ordine glielo lasciano fare.
 
Per inefficienza o per scelta politica?
 
Chi pensa che sia per inefficienza e che sia in atto il rischio di un regime fascista in Italia non ha capito nulla.
 
Un regime antidemocratico c’è già, e solo chi non ha occhi per vedere non ne ha consapevolezza.
 
I fascisti sono sempre stati uno strumento politico della grande borghesia da usare nei momenti critici in cui è a rischio la gestione dell’ordine pubblico. Quello che il regime ha ottenuto con i fatti di ieri è stato:
 
- rafforzare le forze di centro sinistra contro il centro destra, perpetuando questa idea illusoria che ci siano differenze concrete tra due blocchi uniti nel supporto alle politiche imperialiste di Draghi.
 
- ottenere una solidarietà diffusa per la cgil, un sindacato che ormai da decenni non rappresenta più gli interessi della classe lavoratrice e che non ha fatto nulla per opporsi ad una gestione drammatica e vergognosa della crisi sociale e pandemica in corso.
 
-colpire il sindacalismo di base, che in forme diverse aveva espresso sostegno al movimento no green pass e che da tempo aveva programmato uno sciopero generale per questo lunedì 11 ottobre.
 
-demonizzare l’unico movimento di massa che sta contestando apertamente questo governo e le sue misure.
 
Il movimento comunista è in crisi ed é giusto che sia così, dato che non ha saputo comprendere il valore di questa lotta e non ha fatto, salvo il Partito Comunista guidato da Rizzo e una serie di generosi compagni e gruppi, il minimo tentativo di sostenere e indirizzare questo movimento popolare di protesta. Si è lasciato che a partecipare a manifestazioni piene di lavoratori ci andassero i fascisti invece di organizzare spezzoni con striscioni, bandiere e volantini dai contenuti chiari.
 
Ormai è noto che molti gruppi che si definiscono comunisti non sono altro, in realtà, che la sinistra della NATO, una sinistra borghese che preferisce stare con il grande Capitale, l’UE e Draghi piuttosto che con il popolo lavoratore.
 
Siamo sempre aperti al dialogo con tutti, tranne che con i fascisti, ma le alleanze si possono fare solo con chi non si fa dettare la linea politica da Draghi.

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta di Antonio Di Siena Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Polizia, fascisti e Cgil: 3 domande senza risposta

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990 di Gilberto Trombetta Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

Italia unico paese europeo con i salari minori rispetto al 1990

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti