I finanziamenti di USAID per il golpe in Nicaragua

I finanziamenti di USAID per il golpe in Nicaragua

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Da quando i sandinisti hanno vinto le elezioni del 2006, le loro politiche anti-povertà hanno avuto un enorme successo. Il Nicaragua è autosufficiente al 90% per quanto riguarda il cibo. Il novantanove per cento della popolazione ha l'elettricità nelle sue case, generata per il 70 per cento con energia verde. Le istituzioni finanziarie internazionali, come la Banca Mondiale, la Banca Internazionale di Sviluppo e la Banca Centroamericana di Integrazione Economica, lodano il Nicaragua per la sua eccellente ed efficiente realizzazione di progetti.

 

Ha uno dei migliori sistemi di infrastrutture sociali dell'America Latina, applaudito dal Fondo Monetario Internazionale, e con 20 nuovi ospedali moderni dal 2007, ha raggiunto uno dei tassi di mortalità Covid-19 più bassi del mondo. La povertà, la povertà estrema, la mortalità materna e infantile sono state ridotte di almeno la metà. Il Nicaragua è al primo posto nel mondo nella percentuale di donne in posizioni ministeriali e al quinto nella parità di genere dietro i paesi nordici.

 

I progressi per la maggioranza della popolazione in materia di istruzione, alloggi e infrastrutture sociali si sono tradotti in enormi vittorie per il FSLN nelle ultime elezioni (2011 e 2016) e i sondaggi indicano che nelle elezioni presidenziali del 7 novembre vinceranno almeno il 60% dei voti con un'affluenza di almeno il 70%. Circa il 95% della popolazione adulta ha la carta d'identità necessaria per votare. Se il pubblico americano sapesse cosa questa nazione, impoverita da quasi 200 anni di guerra e aggressione degli Stati Uniti, è stata in grado di fare in quattordici anni, sarebbe sicuramente incoraggiato a chiedere una migliore istruzione, infrastrutture e assistenza sanitaria universale negli Stati Uniti.

 

Per prevenire simili atti di sovranità da parte di piccole nazioni ancora considerate colonie dagli Stati Uniti, la CIA ha aperto la strada al tentativo di colpo di stato del 2018 e, da allora, non ha smesso di cercare di rovesciare il governo sandinista. La CIA usa agenti statunitensi, molti dei quali si spacciano per giornalisti o attivisti, così come quelli eternamente di stanza nell'ambasciata USA; ha fornito milioni di dollari a centinaia di nicaraguensi che sono agenti stranieri, così come alle loro organizzazioni non governative (ONG) che cospirano contro il governo sandinista, come quelli recentemente arrestati per riciclaggio di denaro, frode e richiesta di intervento estero.

 

Gli Stati Uniti creano media anti-sandinisti

 

Gran parte dell'apparato di propaganda è stato progettato e finanziato dagli Stati Uniti dopo che il FSLN ha vinto le elezioni del 2006, ponendo fine a 17 anni di tre governi a guida statunitense. Si è formato un fronte sovversivo di giornali, riviste, stazioni televisive e radio, siti web, agenzie di notizie e pagine di social media. Giornalisti e media sono stati pagati dagli Stati Uniti (milioni attraverso USAID, NED, IRI e fondazioni aziendali statunitensi) e gran parte di essi sono stati gestiti dal cartello mediatico della famiglia Chamorro, specializzato in campagne mediatiche false per cercare di promuovere l'odio antisandinista e la sfiducia nel governo.

 

Alcune di queste cose sono note da tempo. Ad esempio, nel maggio 2018, durante il colpo di stato, Tom Ricker dell'Istituto Quixote ha descritto 55 sovvenzioni NED concesse tra il 2014 e il 2017 per 4,2 milioni di dollari "come parte di una campagna finanziata dal governo degli Stati Uniti per fornire una strategia coordinata e una voce mediatica ai gruppi di opposizione in Nicaragua." Le sovvenzioni NED finanziano i media (radio, social media e altri media basati sul web). Inoltre, le strategie rivolte ai giovani ricevono finanziamenti significativi, insieme ai programmi che cercano di mobilitare le organizzazioni femminili e indigene. Mentre il linguaggio è quello del sostegno alla "società civile" e ai gruppi "pro-democrazia", l'obiettivo del finanziamento è specificamente quello di costruire un'opposizione coordinata al governo".

 

Gli Stati Uniti e la dinastia dei media Chamorro.

 

Il 2 giugno, il giornalista William Grigsby nel suo programma di analisi delle notizie, Sin Fronteras, ha rivelato (vedi sotto) documenti statunitensi che mostrano che la CIA ha apertamente incanalato 16,7 milioni di dollari per il tentativo di golpe, tra febbraio 2017 e luglio 2018, attraverso la Fondazione Violeta Barrios de Chamorro (FVBCH), la cui direttrice Cristiana Chamorro fa parte di una famosa famiglia di oligarchi che conta otto membri come precedenti presidenti; è anche la figlia dell'ex presidente Violeta Barrios de Chamorro installata dagli Stati Uniti nel 1990, attraverso i quali hanno smantellato lo stato.

 

Cristiana e suo zio possiedono l'unico giornale del paese, La Prensa, che è stato finanziato dagli Stati Uniti fin dagli anni '80 per mentire sui Contras. Suo fratello Carlos Fernando ha il suo conglomerato mediatico che riceve denaro dagli Stati Uniti. I finanziamenti statunitensi per la FVBCH sostengono queste imprese familiari. Inoltre, si ritiene che il defunto marito di Cristiana, Antonio Lacayo, nel suo ruolo di premier abbia esercitato un grande potere durante la presidenza di sua madre dal 1990 al 1997, supervisionando circa 7 miliardi di dollari di privatizzazione della proprietà statale, così come la privatizzazione dell'istruzione e della sanità. All'inizio degli anni '90 non si poteva nemmeno avere un'aspirina in un ospedale pubblico senza pagare.

 

I 16,7 milioni di dollari sono stati dati da agenzie e fondazioni statunitensi specificamente per finanziare il terrorismo mediatico (bugie, fake news e distorsioni per fomentare l'omicidio e l'odio, destabilizzare e creare il caos) per incitare e sostenere il tentativo di golpe.

 

La Fondazione Chamorro ha anche ricevuto 679.530 euro da organizzazioni europee finanziate dal governo durante questo periodo. Il tentativo di colpo di stato ha lasciato più di 200 famiglie in lutto, migliaia di persone traumatizzate, oltre a molta distruzione e gravi danni all'economia, con la perdita di almeno 130.000 posti di lavoro.

 

La direttrice della Fondazione, Cristiana Chamorro, è stata accusata dal Ministero Pubblico di riciclaggio di denaro e ha ricevuto gli arresti domiciliari il 2 giugno 2021. Ha chiuso la Fondazione nel febbraio di quest'anno dicendo che non voleva rispettare la legge "Foreign Agents" approvata nell'ottobre 2020, simile ma non così severa come la legge statunitense Foreign Agents Act del 1938. Secondo la legge del Nicaragua, le organizzazioni che ricevono finanziamenti stranieri devono riferire tali finanziamenti e come vengono utilizzati - migliaia di organizzazioni non profit lo fanno senza problemi.

 

Secondo William Grigsby e l'analista politico del Partito Liberale Enrique Quiñones, c'erano ancora almeno 7 milioni di dollari nel conto della Fondazione quando lei l'ha chiusa e questo denaro è apparso poco dopo in tre dei suoi conti bancari personali.

 

I 16,7 milioni di dollari consegnati dalla CIA durante quel breve periodo di tempo erano solo soldi consegnati per fake news, per finanziare i media, i programmi, i social media e per finanziare direttamente gli individui. Molti altri milioni sono stati dati ad altre ONG e organizzazioni per i "diritti umani". È rivelatore il fatto che in un paese di 6,3 milioni di persone ci siano quattro organizzazioni per i diritti umani, tutte finanziate dal governo degli Stati Uniti e una di esse addirittura fondata dal governo degli Stati Uniti negli anni '80 per coprire i Contras.

 

Di questi 16,7 milioni di dollari, 9.409.853 sono stati forniti da USAID per individui, progetti e media. Il National Endowment for Democracy ha dato al FVBCH 564.134 dollari per un progetto sulla "Promozione del giornalismo indipendente e della libertà di espressione" nel novembre 2017.

 

La Soros Foundations - di proprietà del magnate newyorkese George Soros - ha anche finanziato le fake news in Nicaragua attraverso diverse delle sue organizzazioni note per finanziare gli sforzi di destabilizzazione in tutto il mondo: 6.722 dollari. 325 sono stati dati da due delle Fondazioni Soros: 6.148.325 dollari dalla Fondazione Soros per il progetto "giornalismo indipendente e trasparente" dati nel marzo 2018 un mese prima dell'inizio del golpe, e 574.000 dollari nel luglio 2018, il mese in cui il golpe è stato sconfitto, dall'Open Society Institute per il progetto "giornalismo indipendente e cittadinanza".

 

Il finanziamento 2017-2018 ai media di opposizione e ai giornalisti attraverso la Fondazione Chamorro da parte di USAID, NED e fondazioni di Soros - 16.696.312 milioni di dollari forniti appena prima e durante il tentativo di colpo di stato - è una piccola parte dei finanziamenti forniti da agenzie come USAID, NED, IRI, Freedom House e fondazioni come quella di Soros con stretti legami con il Council on Foreign Relations.

 

160 milioni di dollari per cercare di rovesciare i sandinisti

 

Gli Stati Uniti hanno iniziato importanti tentativi di destabilizzazione dopo che i sandinisti hanno vinto le elezioni del 2006. Il quadro più ampio dei finanziamenti USAID per la destabilizzazione negli ultimi anni è che ha dato 160 milioni di dollari a organizzazioni e individui dell'opposizione tra il 2015 e l'inizio del 2021, informazioni che sono ancora disponibili online; tuttavia, molte informazioni sulle organizzazioni beneficiarie sono state rimosse. Anche la maggior parte delle informazioni sul denaro NED è stata rimossa.

 

I documenti ufficiali statunitensi presentati da Grigsby nel luglio 2020 forniscono prove più dettagliate di quali ONG e agenti hanno beneficiato di 30 milioni di dollari poco prima del colpo di stato del 2018.

 

Rompere l'apparato propagandistico degli Stati Uniti

 

USAID dice questo sul suo ruolo in Nicaragua: "USAID/OTI ha collaborato con media indipendenti per operare e produrre contenuti digitali più mirati durante la crisi politica. Il programma ha permesso ai media indipendenti di preservare e promuovere il discorso democratico in assenza di ulteriore destabilizzazione economica o di un drammatico intervento statale".

 

In un recente articolo Rita Jill Clark-Gollub scrive: "Chiunque abbia osservato il Nicaragua sa che questi presunti media "indipendenti" in Nicaragua sono stati la fonte primaria di notizie sul Nicaragua riportate qui negli Stati Uniti. In altre parole, nel mio paese la maggior parte della gente le informazioni sul Nicaragua le ottiene dalla CIA!

 

Le nuove leggi approvate nel 2020 sono la legge sugli agenti stranieri e una legge contro il terrorismo, i colpi di stato e l'incitamento all'intervento straniero; gli Stati Uniti se ne lamentano anche se sono meno severe e punitive di quelle statunitensi ed europee e i recenti arresti di agenti stranieri statunitensi sono azioni per cercare di limitare l'intervento degli Stati Uniti e impedire loro di destabilizzare ulteriormente il paese. Gli Stati Uniti continueranno a far arrivare denaro ai loro agenti, ma non sarà facile come prima e questo limiterà la loro capacità di compiere il tipo di azione terroristica che hanno fatto nel 2018.

 

William Grigsby ha descritto il 2 giugno ciò che sta accadendo proprio ora in Nicaragua:

 

"[Stiamo] spezzando il cuore dell'apparato di propaganda yankee in Nicaragua, che era il loro modo principale di intervenire ora per le elezioni: condizionare l'opinione pubblica, mentire, instillare paura e odio per cercare di sconfiggere il Fronte Sandinista e Daniel. Ecco di cosa si tratta. Tutta questa operazione che viene portata avanti dalla procura come punta di diamante è proprio questo, distruggere l'apparato di propaganda dell'imperialismo statunitense. Si chiedeva cosa faranno tutti gli agenti giornalistici in Nicaragua senza gli stipendi che ricevevano. "Sono abbastanza impegnati per fare davvero del giornalismo indipendente?”

 

RAIN: il piano di destabilizzazione della CIA è già in corso

 

Lo zio Sam continuerà i suoi sforzi per destabilizzare il paese. L'ambasciatore americano Sullivan è visto costantemente in riunione con gli agenti, anche denunciati dal presidente Daniel Ortega:

 

"Qui l'ambasciatore yankee va su e giù, vendendo i suoi candidati, come se fosse nicaraguense, non è nicaraguense, se vuole vendere candidati dovrebbe andare a venderli agli Stati Uniti, candidati nordamericani... Qui l'ambasciatore yankee non si immischi, postulando candidati, facendo pressione sui partiti politici affinché i partiti politici accettino il candidato che vuole lo yankee, che l'ambasciatore yankee se lo dimentichi, il Nicaragua è sovrano, il Nicaragua è di Sandino, il Nicaragua è di Darío".

 

Nell'agosto 2020 William Grigsby ha ricevuto un documento USAID trapelato dall'ambasciata. Dettaglia, in termini inventati, i piani di destabilizzazione degli Stati Uniti per la "transizione" in Nicaragua, e persino l'assunzione di una società statunitense per gestire il tutto. Il documento intitolato RAIN (Azione Responsabile in Nicaragua) è stato poi cancellato, ma non prima di essere stato archiviato. RAIN è un piano palese per destabilizzare e rovesciare il governo democraticamente eletto del Nicaragua. È probabile che molto di ciò che gli Stati Uniti hanno finanziato nell'ultimo anno faccia parte del piano RAIN.

 

Il documento di USAID delinea tre scenari che chiamano "transizione democratica in Nicaragua": "RAIN svolgerà queste attività di fronte a una varietà di scenari che generalmente rientrano in tre categorie: 1. Elezioni libere, eque e trasparenti portano a una transizione ordinata [il candidato americano vince] 2. Una transizione politica improvvisa si verifica dopo una crisi [un colpo di stato porta a un governo sostenuto dagli USA] 3. Il regime continua a resistere alla pressione interna e internazionale. È anche possibile che il regime rimanga al potere dopo riforme elettorali ed elezioni eque, ma senza cambiamenti allo stato di diritto o alla governance democratica [cioè, senza cambiamenti che avvantaggino le corporazioni statunitensi]".

 

È chiaro dal documento RAIN che il governo degli Stati Uniti è consapevole che i sandinisti vinceranno le elezioni del 2021 con un ampio margine: questo è un altro motivo per cui hanno fornito milioni ad agenti, organizzazioni e media di notizie false, nella speranza che possano ridurre il tasso di vittoria sandinista del 60% previsto dai sondaggi, o per distorcere o minare del tutto le elezioni.

Gli agenti stranieri indagati per crimini molto gravi non sono leader: non c'è stata una sola piccola protesta dall'inizio degli arresti, il 2 giugno, perché i detenuti non hanno "gente". La gente sa che gli Stati Uniti hanno finanziato il tentativo di colpo di stato molto violento attraverso di loro, e li ritengono responsabili del danno fatto al Nicaragua. I media stranieri li promuovono come candidati presidenziali, cosa che non sono. Quando alcuni di loro hanno visto che potevano essere arrestati sono corsi a cercare di registrarsi al partito CXL (Cittadini per la Libertà) come pre-candidati pensando che questo potesse proteggerli dall'arresto. Tutti loro hanno avuto l'opportunità di formare nuovi partiti politici, ma non ci hanno nemmeno provato perché non hanno abbastanza membri per soddisfare i requisiti minimi. Ancora più importante, 17 partiti che non ricevono finanziamenti stranieri parteciperanno alle elezioni del 7 novembre, compreso il più popolare partito di opposizione ai sandinisti, il Partito Liberale Costituzionalista (PLC).

 

E mentre gli Stati Uniti sprecano milioni di dollari dei contribuenti per destabilizzare il paese, il Nicaragua fa in modo efficace ed efficiente progressi sociali ed economici lodati dalle agenzie internazionali e dalle banche, come la salute universale, l'istruzione, gli alloggi a prezzi accessibili, le infrastrutture sociali, l'equità di genere, la conversione all'energia verde, la mitigazione dei disastri naturali e del cambiamento climatico, la ricreazione libera e la creazione di posti di lavoro con l'economia creativa e popolare. La maggioranza della popolazione più sicura dell'America Centrale, con il più basso tasso di mortalità di Covid, che è più sana e meglio istruita, il cui cibo è coltivato localmente e disponibile ad un prezzo decente, con parchi, fiere, piscine e stadi sportivi per godersi il tempo libero, difficilmente lascerà che lo zio Sam influenzi il loro voto a novembre.

 

fonte: Tortillaconsal.com - traduzione altrenotizie.org

 

(*) Nan McCurdy è una missionaria metodista unita e ha risieduto in Nicaragua per 36 anni. Attualmente lavora nelle zone rurali impoverite di Puebla, in Messico.

Potrebbe anche interessarti

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi di Giorgio Cremaschi I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

I diversi modi di licenziare e quello unico di essere servi

Thomas Piketty, la Cina e Noi   di Bruno Guigue Thomas Piketty, la Cina e Noi

Thomas Piketty, la Cina e Noi

La Stampa parla apertamente di "governo militare" di Thomas Fazi La Stampa parla apertamente di "governo militare"

La Stampa parla apertamente di "governo militare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare" di Antonio Di Siena L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

L'agenda politica dietro il "lasciapassare"

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti