I giornali guerrafondai degli Agnelli al fianco di Trump

I giornali guerrafondai degli Agnelli al fianco di Trump

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Giorgio Cremaschi


Sarà un caso, non lo è naturalmente, ma da quando John Elkann Agnelli ha preso possesso definitivo di Stampa e Repubblica, con relative nomine di direttori di famiglia, questi due giornali sono diventati i portavoce dei più aggressivi falchi dell’amministrazione USA e della NATO. E della loro campagna guerrafondaia contro la Cina e la Russia.

In particolare Repubblica fa un inserto mediatico speciale contro la Cina, dove sue ex illustri firme raccolgono tutta la feccia dei deliri di Trump. Sì proprio quelli di un presidente che nasconde, dietro alle accuse alla Cina, le immani colpe sue e del suo sistema sui 100000 morti già provocati nel suo paese dal Covid, sui 50 milioni di persone senza assistenza sanitaria, sui 30 milioni di disoccupati. Questo mentre a Wall Street la speculazione finanziaria dilaga e gli amici vecchi e nuovi di Trump intascano miliardi. Tra gli amici nuovi c’è evidentemente la famiglia Elkann Agnelli, i cui affari americani sono sempre più importanti per il bilancio di casa, casa che come sapete paga (?) le tasse in Olanda e Gran Bretagna. La famiglia ha probabilmente deciso che le conviene stare nel solco del presidente USA, così i suoi giornali italiani si schierano con Salvini e Meloni, anzi li scavalcano a destra. Del resto la grande stampa italiana lo ha già fatto sul Venezuela e su ogni scenario nel quale si trattasse di sostenere le fakenews della CIA e della NATO. È la funzione in Italia dei grandi editori, quelli che la pubblicità di Berlusconi esalta come unici depositari della verità. D’altra parte La Repubblica è sempre stato un giornale liberista di destra, la cui collocazione in un altro campo è però ben servita a costruire una sinistra finta.

Gli operai di Torino chiamavano la Stampa “la busiarda”, ora il termine può essere volto al plurale e con la campagna filo Trump di Repubblica possiamo dire: LE BUSIARDE.
 

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti