I paesi dell'OPEC+ che taglieranno la produzione di petrolio

I paesi dell'OPEC+ che taglieranno la produzione di petrolio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il ministero dell'Energia saudita ha annunciato la sua decisione di ridurre "volontariamente" la produzione di greggio di 500.000 barili al giorno in coordinamento con altri membri dell'Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio Plus (OPEC+), ha riferito l'agenzia statale Saudi Press.

Il provvedimento entrerà in vigore a maggio e durerà fino alla fine dell'anno. Anche gli Emirati Arabi Uniti hanno aderito all'iniziativa e nello stesso periodo taglieranno 144mila barili al giorno.

La diminuzione "volontaria" della produzione giornaliera di petrolio sarà effettuata anche da Oman (40mila barili), Kuwait (128mila barili), Iraq (211mila barili) e Algeria (48mila barili).

Anche la Russia attuerà un taglio volontario di 500.000 barili di greggio al giorno, mentre il Kazakistan farà lo stesso con un totale di 78.000 barili.

L'annuncio della riduzione della produzione petrolifera avviene proprio oggi, con la Riunione del Comitato congiunto ministeriale di monitoraggio (Jmmc).

La crisi bancaria negli Stati Uniti e in Europa

"Il mercato petrolifero mondiale sta attualmente attraversando un periodo di elevata volatilità e imprevedibilità, a causa della crisi bancaria negli Stati Uniti e in Europa, dell'incertezza economica globale e di decisioni di politica energetica imprevedibili e sconsiderate", ha affermato il vice primo ministro russo., Aleksandr Novak.

Il portavoce della Sicurezza Nazionale della Casa Bianca , John Kirby, ha ricordato che la misura adottata dall'OPEC+ non è conveniente data l'incertezza che esiste nel mercato

I Paesi OPEC+ che hanno adottato questa decisione spiegano che si tratta di una misura "precauzionale" aggiuntiva al taglio adottato nell'ottobre 2022 e che il suo obiettivo è "mantenere la stabilità del mercato petrolifero".

A marzo, il prezzo del petrolio è sceso al minimo di 15 mesi a causa delle turbolenze causate dal crollo della banca statunitense Silicon Valley Bank e dal salvataggio dell'istituto finanziario svizzero Credit Suisse. Il valore del greggio è rimbalzato mentre la crisi bancaria ha mostrato segni di stabilizzazione, con l'idrocarburo a marchio Brent che ha chiuso venerdì scorso sotto gli 80 dollari al barile, come riportato da Bloomberg.

Rapporti tra Riyad e Washington

Questo nuovo taglio probabilmente alimenterà un aumento del prezzo del petrolio, mettendo ulteriormente a dura prova le relazioni tra Arabia Saudita e Stati Uniti , mentre le economie di diversi paesi affrontano un'inflazione elevata, avverte il Washington Post.

Riad aveva già irritato l'amministrazione del presidente Joe Biden con la riduzione attuata lo scorso ottobre, alla vigilia delle elezioni di midterm Usa. A quel tempo, Biden aveva annunciato che avrebbe rivisto le relazioni bilaterali tra i due paesi e ha minacciato la parte saudita di "conseguenze".

Intanto,  secondo il Financial Times che, ha consultato persone vicino ai vertici della Casa Saudita, Riad ha mostrato irritazione la scorsa settimana per fatto che l'amministrazione Biden l’avesse pubblicamente escluso nuovi acquisti di greggio per ricostituire le scorte strategiche che erano state prosciugate l'anno scorso mentre la Casa Bianca combatteva per domare l'inflazione.


Per il Financial Times, è stata quella è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso dell'OPEC.

La dichiarazione del segretario all'Energia Jennifer Granholm secondo cui potrebbero volerci “anni” per riempire la riserva ha fatto scendere brevemente i prezzi del petrolio. La Casa Bianca aveva precedentemente rassicurato l'Arabia Saudita che sarebbe intervenuta per effettuare acquisti per la sua riserva strategica se i prezzi fossero scesi.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Meloni al contrattacco di Pasquale Cicalese Meloni al contrattacco

Meloni al contrattacco

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba di Andrea Puccio La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

La rete di ingerenza creata dagli Stati Uniti contro Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti