I punti chiave della conferenza stampa internazionale di Nicolás Maduro

I punti chiave della conferenza stampa internazionale di Nicolás Maduro

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha dichiarato che in nessuna circostanza tradirà la Rivoluzione Bolivariana e non darà mai il potere a chi ha storicamente aggredito il popolo venezuelano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

Il presidente venezuelano Nicolás Maduro ha dichiarato in una conferenza stampa con i media internazionali che «il governo degli Stati Uniti ha minacciato il Venezuela per imporre i suoi obiettivi (…) si tratta una violazione della Costituzione e dei trattati che abbiamo con gli Stati Uniti dove è vietato usare minacce nelle relazioni bilaterali».

 

Inoltre, il presidente ha ribadito di sostenere il dialogo per la civiltà, perché questo è il fulcro della Rivoluzione Bolivariana e perché "siamo attualmente al momento peggiore con gli Stati Uniti a causa del presidente Donald Trump che non ha stabilito un dialogo efficace per la cooperazione tra entrambi i popoli».

 

Maduro ha dichiarato che invierà una lettera a Trump per chiedere un dialogo rispettoso tra i due paesi. «Ho intenzione di inviare una lettera al Trump molto presto, perché sono sicuro che se la legge con un po 'di buona volontà molto può cambiare in meglio e possiamo cancellare tensioni, conflitti e problemi che danneggeranno entrambi i popoli». 

 

D’altra parte ha denunciato che le agenzie di intelligence statunitensi finanziano tre gruppi golpisti per la destabilizzazione del Venezuela. 

 

«C’è una cospirazione permanente da Miami diretta contro il Venezuela. Tutti i catturati per l'attacco contro Fort Paramacay (il 6 agosto) hanno confessato e sappiamo chi li finanzia e i loro legami. Un altro gruppo è collegato ai vecchi militari golpisti del 2002, che fuggirono dal paese. Un altro gruppo ancora è il cosiddetto ‘golpe azul’, che cerca di fare rumore nonostante la maggior parte dei membri siano imprigionati. Questi gruppi sono finanziati dagli Stati Uniti con molto denaro, ma la FANB ha sviluppato una strategia antigolpe molto efficace», ha spiegato Maduro. 

 

Richiesta di cattura per l’ex procuratrice Ortega Díaz

 

Nicolás Maduro ha dichiarato che verrà spiccata una richiesta di cattura all’Interpol per l’ex procuratrice Luisa Ortega e suo marito Germán Ferrer, attualmente latitanti dopo la denuncia per aver commesso diversi reati attraverso una rete di estorsione e corruzione che operava dal Ministerio Público (Fiscalía). 

 

Maduro ha denunciato che l’ex procuratrice Ortega Díaz lavorava per gli Stati Uniti per colpire il Venezuela, assicurando che presto saranno presentate delle prove inconfutabili. «Questo perché gli Stati Uniti sono riusciti a ricattare suo marito, Germán Ferrer, quando hanno scoperto che possedeva milioni di dollari in conti nei paradisi fiscali di tutto il mondo. Luisa Ortega non ha agito correttamente davanti all’evidente colpo di Stato degli ultimi mesi perché era già compromessa, in bancarotta morale». 

 

Il presidente ha indicato che il sostegno dei governi del Brasile e della Colombia all'ex procuratrice risponde al loro appoggio alla destabilizzazione del Venezuela. «Dimmi con chi vai e ti dirò chi sei: vai con l'oligarchia colombiana e i golpisti brasiliani», questo il messaggio di Maduro a Ortega Diaz, che è fuggita in Colombia e per poi trasferirsi in Brasile.

 

Ha ribadito che i governi dell'Argentina, del Brasile e del Paraguay (la triplice alleanza del Mercosur) attaccano il Venezuela per espellere illegalmente la nazione sudamericana da questo meccanismo di integrazione regionale.

 

Il sostegno del Papa al dialogo

 

Il presidente Maduro ha chiesto che Papa Francesco continui a sostenere il processo di dialogo con l'opposizione venezuelana e che non permetta agli Stati Uniti di realizzare le minacce di un intervento militare nel paese sudamericano.

 

«Io, chiedo a Papa Francesco di aiutarci. Siamo vittime, noi venezuelani, delle stesse persone che attaccano il popolo argentino. Che il Papa ci aiuti per un dialogo rispettoso, per la verità, per aiutarci a impedire che Trump lanci le sue truppe contro il Venezuela. Chiedo aiuto al Papa per la minaccia militare degli Stati Uniti», ha esclamato Maduro. 

 

Non consegneremo il potere all’oligarchia e l’imperialismo

 

Il presidente della Repubblica, Nicolás Maduro, ha poi dichiarato che in nessuna circostanza tradirà la Rivoluzione Bolivariana e non darà mai il potere a chi ha storicamente aggredito il popolo venezuelano.

 

«Siamo qui in piedi. Non abbiamo consegnato e non consegneremo il potere all'oligarchia o all'imperialismo, affinché vengano a distruggere il nostro popolo».

Potrebbe anche interessarti

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire di Francesco Erspamer  Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Proporzionale puro. La prima lotta politica da cui ripartire

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale di Giorgio Cremaschi Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Oggi Alitalia chiude. 10000 licenziamenti, un massacro sociale

Covid 19: la situazione in Russia di Marinella Mondaini Covid 19: la situazione in Russia

Covid 19: la situazione in Russia

Per me questa è resistenza di Savino Balzano Per me questa è resistenza

Per me questa è resistenza

Caffè: i prezzi andranno alle stelle di  Leo Essen Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Caffè: i prezzi andranno alle stelle

Il Nodo gordiano dei Taleban Il Nodo gordiano dei Taleban

Il Nodo gordiano dei Taleban

Camilla e la città di Omelas di Antonio Di Siena Camilla e la città di Omelas

Camilla e la città di Omelas

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund di Gilberto Trombetta "Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

"Avanzi primari". Inizia la fase 2 del Recovery Fund

I migranti in Libia: “Riportateci a casa” di Michelangelo Severgnini I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

I migranti in Libia: “Riportateci a casa”

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti