I "ribelli" cercano di convincere gli Stati Uniti ad attaccare l'esercito siriano

I "ribelli" cercano di convincere gli Stati Uniti ad attaccare l'esercito siriano

Mentre l'esercito siriano continua ad avanzare contro i terrorismo nel sud, i "ribelli" cercano di convincere gli Stati Uniti ad attaccare le postazioni delle forze siriane.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il portale statunitense di informazione Al Monitor ha riferito che "l'ufficio degli affari del Vicino Oriente del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti Sembra pronto a lasciare la zona di de-escalation nella Siria sudoccidentale che è già stata violata in modo significativo a causa delle recenti vittorie di Assad a Daraa (sud-ovest). "
 
Dal momento che il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, nel 2017 ha interrotto un programma di formazione per i cosiddetti "ribelli" siriani per combattere le forze siriane, il Dipartimento della Difesa ha mancato di una politica militare per effettuare operazioni sul territorio siriano, secondo il media statunitense.


 
Il numero di "ribelli" schierati nelle aree meridionali della Siria, un tempo operava sotto un'alleanza di 40.000 membri, è stato ridotto a 8.000 c, che sono rimasti pesantemente dipendenti dall'appoggio straniero prima che le truppe siriane iniziassero le operazioni per recuperare la città di Daraa, si legge nell'articolo.
 
"Il destino della città era chiaro quando i funzionari dell'ambasciata degli Stati Uniti. ad Amman  hanno inviato un messaggio tramite WhatsApp ai "ribelli" schierati nella Siria sud-occidentale, dicendo loro di non aspettare che gli aiuti militari per arrivare ad una tregua", secondo Al Monitor.
 
In uno sforzo disperato, indica Al Monitor, i "ribelli" stanno cercando di offrire opzioni militari al governo di Donald Trump.
 
La fonte assicura che i rappresentanti dei "ribelli" hanno fornito all'amministrazione Trump un elenco di possibili obiettivi militari nel caso in cui Assad ricorresse all'uso di armi chimiche a Daraa.
 
Le proposte dei "ribelli" cercano di convincere la Casa Bianca a compiere attacchi contro la base aerea di Jaljalah nella città di Al-Sweida, nel tentativo di fermare le operazioni dell'esercito siriano, secondo il portale.
 
Il 19 giugno scorso, le forze armate siriane hanno lanciato un'importante offensiva nella provincia strategica si Daraa per riprenderne il pieno controllo. Nelle offensive lanciate nei giorni scorsi, le truppe siriane sono riuscite a prendere il controllo di oltre l'80% della provincia.
 
Dopo gli eccezionali risultati ottenuti a Daraa, le forze siriane si stanno preparando a continuare le loro operazioni militari in altre regioni meridionali del paese. Il prossimo obiettivo è la provincia di Al-Quneitra, che confina con la Giordania, il Libano e le aree occupate del Golan.
 

Potrebbe anche interessarti

Il servilismo di un paese praticamente fallito di Paolo Desogus Il servilismo di un paese praticamente fallito

Il servilismo di un paese praticamente fallito

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA di Giorgio Cremaschi 80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

80 ANNI FA L’INFAMIA DELL’ITALIA VERSO LA JUGOSLAVIA

Mosca condanna le azioni di Israele di Marinella Mondaini Mosca condanna le azioni di Israele

Mosca condanna le azioni di Israele

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia di Thomas Fazi Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Rai, ma quale "lottizzazione" si chiama democrazia

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea di Gilberto Trombetta Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Caos in Rai per un servizio critico dell'Unione Europea

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi di Pasquale Cicalese Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Lavoratori manganellati: gli anni '90 finiscono oggi

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti