/ "I ridicoli ruoli dei commissari europei di Von der Leyen sono es...

"I ridicoli ruoli dei commissari europei di Von der Leyen sono esattamente il motivo per cui le persone odiano la burocrazia di Bruxelles"

 
Articolo di Di Danielle Ryan*
 
Ursula von der Leyen ha presentato la sua nuova squadra di commissari UE. Le descrizioni delle loro responsabilità e di lavoro sono nebulose, stranamente sovrapposte e destinate a creare confusione. Questa è il volto peggiore della burocrazia europea.
 
La maggior parte degli europei presta scarsa attenzione ai meccanismi interni dettagliati della politica di Bruxelles, proprio a causa della natura sconcertante della sua goffa burocrazia. 
 
Von der Leyen, presidente della Commissione europea, ha peggiorato le cose.
 
L'ex ministro della Difesa tedesco si è allontanata dai tradizionali titoli ministeriali e ha optato per altri nomi dal suono orwelliano - tipo che devi cercare su Google per decifrare ciò che realmente significano.
 
Invece di ottenere un commissario per la difesa o la politica estera, ad esempio, vediamo un "commissario per un'Europa più forte nel mondo". Ci sarà anche un "commissario per le relazioni interistituzionali e la previsione" che apparentemente tratterà con l'elaborazione delle politiche e la regolamentazione e un "Commissario per un'economia che lavora per le persone".
 
È tutto molto "Ministero della Verità".
 
Un titolo particolare è risultato spettacolare. Il "Commissario per la protezione del nostro stile di vita europeo" si occuperà in parte della politica di immigrazione. Il nome è già stato definito "fascista", "grottesco" e, il mio preferito, una "scelta semantica infelice" a causa della presunta implicazione che gli europei devono essere "protetti" dagli immigrati.
 
Anche se l'indignazione sembra un po' frettolosa, non solo perché von der Leyen (che ha trascorso 14 anni nel governo di Angela Merkel) difficilmente ha una storia di posizioni anti-immigrati estreme sotto il suo dicastero - ma perché anche il commissario "Stile di Vita" dovrà occuparsi di potenziare la forza lavoro nell'era digitale, nell'istruzione, nella cultura, nello sport e nella ...
sicurezza. 
 
Lo "stile di vita" non comprenderà tuttavia i "valori" europei. È stato introdotto con "Trasparenza".
 
Ancora confusione?
 
Si scopre, quindi, che la responsabilità principale per le questioni relative all'immigrazione ricadrà effettivamente sul commissario "Affari interni". Si occuperà di migrazione, sicurezza interna, radicalizzazione e terrorismo.
 
Non diversamente dal commissario "Europa forte", che si concentrerà anche su questioni di sicurezza, oltre alla politica estera.
 
Tutto questo sembra l'opposto di efficiente. 
 
Ad ogni modo, dovremmo essere felici e grati perché von der Leyen è una donna e la sua squadra è “equilibrata per genere” - come se fosse la soluzione rapida per la pletora di problemi dell'Europa. 
 
Non importa che stia cercando un "esercito europeo" o che lei e l'ex capo della BCE, trasformata in capo del FMI, Christine Lagarde, non si stiano rompendo la schiena per affrontare la disuguaglianza dilagante o distruggere lo status quo neoliberista.
 
Oh bene. Almeno con questi nuovi portafogli di lavoro dal suono fantasioso e mal definiti, avremo l'apparenza di cambiamenti e riforme, ma non la sostanza.

* scrittrice freelance irlandese. Il suo lavoro viene pubblicato da Salon, The Nation, Rethinking Russia, teleSUR, RBTH, The Calvert Journal e altri media.
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa