Il Comando Sud degli USA critica le "interferenze" della Cina in America Latina

 Il Comando Sud degli USA critica le "interferenze" della Cina in America Latina

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il capo del Comando meridionale degli Stati Uniti, Laura Richardson, ha nuovamente sollevato dubbi circa l'interesse della Cina per l'America Latina e ha insinuato che Pechino stia perseguendo obiettivi militari espandendo la sua presenza nella regione.

"Perché c'è così tanta attenzione sulle infrastrutture critiche cinesi in questo emisfero?", ha chiesto Richardson giovedì alla 9a Conferenza sulla sicurezza emisferica (HSC) a Miami.


All'apertura della nona Conferenza sulla sicurezza emisferica (HSC), l'ufficiale militare statunitense ha attaccato gli investimenti cinesi nel subcontinente e ha affermato – senza nemmeno arrossire come evidenzia il quotidiano argentino Pagina|12 - che "l'America Latina non beneficia delle risorse che la Cina estrae dalla regione".

Il generale statunitense ha sostenuto che l'influenza del gigante asiatico in America Latina sta crescendo attraverso progetti critici come la costruzione di grandi porti, che danno accesso alle preziose risorse naturali della regione a spese degli interessi delle popolazioni locali. "Siamo preoccupati per il potenziale uso militare [di tali infrastrutture]", ha aggiunto.

"Il primo mega-porto cinese in America Latina non farà altro che rendere più facile per i cinesi estrarre queste risorse dalla regione", ha detto Richardson, aggiungendo che l'America Latina è lontana dal beneficiare delle ricchezze naturali che possiede, mentre Pechino ha firmato diversi accordi con 21 Paesi della regione.

Secondo Richardson, la cooperazione dei Paesi latinoamericani con la Cina implica che le aziende statunitensi debbano sostituire quelle cinesi per prendere il loro posto. "Dobbiamo andare là fuori e competere per questi contratti nei Paesi in cui sono ancora in esame", ha affermato.

“Il generale Laura Richardson, capo del Comando Sud, parla dell'America Latina come se le appartenesse”, chiosa Pagina|12. 

In precedenza, il capo del Comando meridionale si era già scagliato contro la Cina in termini simili, e Pechino ha accusato Washington di "due pesi e due misure", ricordando che gli Stati Uniti "hanno circa 800 basi militari all'estero, con 173.000 militari di stanza in 159 Paesi". E ricordato agli Stati Uniti che i paesi dell’America Latina e dei Caraibi sono "sovrani e non sono il cortile degli Stati Uniti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti