/ Il figlio di Gheddafi può "unire i libici sulla base degli intere...

Il figlio di Gheddafi può "unire i libici sulla base degli interessi nazionali"

 

Uno dei figli dell'ex presidente libico, assassinato nell'ottobre del 2011, ha un ampio sostegno tra "la gente comune", ha dichiarato il suo avvocato in un'intervista.


Saif al Islam, figlio del leader libici assassinato nel 2011, Muammar Gheddafi, che è in corsa per le elezioni presidenziali libiche di quest'anno, "ha molti sostenitori, che sono la gente comune", ha dichiarato il suo avvocato, Khaled Al-Ghwail nel corso di un'intervista a RT. Anche "coloro che sono stati impegnati [nella primavera araba] ora sostengono la sua visione globale", ha preoseguito il suo avvocato.
 
Il giurista ha confermato nell'intervista la candidatura del figlio di Gheddafi alle elezioni e ha assicurato che ha molte possibilità di vincere. Secondo lui, Saif al Islam "ha la capacità di unire i libici intorno a sé sulla base degli interessi nazionali e delle decisioni che i libici stessi prenderanno". "Questo è un progetto di riforma che dovrebbe portare la Libia in un porto pacifico", ha aggiunto Al-Ghwail.
 
Nel 2015, il figlio di Gheddafi è stato condannato a morte da un tribunale di Tripoli per crimini commessi durante i giorni della rivolta nel 2011. Tuttavia, nel giugno 2017 è stato rilasciato.
In questo momento la sua ubicazione è sconosciuta.
 
Al-Ghwail ha riferito che la sua attuale ubicazione "non è stata divulgata per motivi di sicurezza". "Se Saif al Islam venisse alla luce oggi, sarà sicuramente ucciso", ha spiegato. Tuttavia, quando arriverò il momento "giusto", il figlio di Gheddafi si rivolgerà ai libici in televisione, ha ipotizzato.
 
La "parola decisiva" l'avranno i libici stessi, ha sottolineato l'avvocato. "È il popolo libico che deve decidere, sulla base della sua costituzione, un sistema statale e un potere statale che ritengono più appropriato per loro stessi", ha affermato.
 
Dal momento che il leader libico Muammar Gheddafi è stato ucciso il 20 ottobre 2011 per mano dei ribelli con il supporto delle truppe della NATO, la Libia è immersa nel caos totale e la questione dell'unità nazionale resta di vitale importanza. Secondo l'avvocato, l'agenda politica principale di Saif Al-Islam è di unire il paese ed espellere gli estremisti.
 
Fonte: RT
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa