Il Forum di San Paolo in Venezuela ricorda la voce liberatrice di Hugo Chavez

Il Forum di San Paolo in Venezuela ricorda la voce liberatrice di Hugo Chavez

Con lo slogan 'Per la pace, la sovranità e la prosperità dei popoli', il Forum di San Paolo si è celebrato dal 25 al 28 luglio nella capitale venezuelana, dove si sono riuniti rappresentanti di oltre 100 movimenti sociali e partiti politici di sinistra del mondo.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


La XXV edizione del Forum di San Paolo ha ricordato la voce liberatrice del comandante Hugo Chávez in occasione della celebrazione, il 28 luglio, del 65° compleanno di colui che decise due decenni fa di iniziare la lotta per la sovranità del Venezuela.
 
Non per ragioni casuali si conclude questa domenica a Caracas il summit delle sinistre progressiste del mondo, uno spazio che fissa le linee guida per l'unità necessaria dell'America Latina e dei Caraibi, una delle premesse difese nella rotta politica del leader bolivariano.
 
Il Cuartel 4F, sito in cui riposano le spoglie del figlio di Sabaneta de Barinas, è il palcoscenico in cui il Forum sarà chiuso questa domenica in omaggio anche al comandante Fidel Castro e all'ex presidente brasiliano Luis Inacio Lula da Silva che hanno dato rilievo al Forum come modo per chiedere rispetto per la pace e l'autodeterminazione dei popoli.
 
A questo proposito, la Dichiarazione e il Piano di lotta del Forum, diffusi il giorno prima, ratificano il riconoscimento al legittimo governo venezuelano e al suo presidente costituzionale, Nicolás Maduro, contro l'attacco di colpo di stato degli Stati Uniti e dei suoi alleati.
 
Allo stesso modo, i partiti e le organizzazioni politiche dell'America Latina e della sinistra mondiale riuniti a Caracas hanno anche ripudiato le misure unilaterali coercitive di Washington contro il Venezuela e Cuba, come una forma di genocidio e una massiccia violazione dei diritti umani. Dopo i quattro giorni di dialogo, coloro che hanno partecipato al summit si sono impegnati a proseguire su un'agenda incentrata sulla difesa della pace e della democrazia nella regione, "impegnati a proclamare l'America Latina e i Caraibi come zona di pace."
 
Il piano d'azione riguarda anche la protezione dei diritti dei popoli per prevenire battute d'arresto nelle conquiste storiche, nonché la lotta contro l'imperialismo come espressione politica e militare delle multinazionali e riconoscere il potenziale di coloro che si mobilitavano per difendere il democrazia e sovranità popolare in Honduras, Portorico, Brasile - per la libertà di Lula -, Argentina, e resistenza dei processi democratici popolari in Bolivia, Nicaragua, Cuba e Venezuela.
 

Potrebbe anche interessarti

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti