Il Messico nazionalizza il litio

Il Messico nazionalizza il litio

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il presidente messicano Andrés Manuel López Obrador ha firmato, a Sonora, il decreto per la nazionalizzazione del litio, utilizzato nella produzione di batterie per auto elettriche. "Che la nazione sia proprietaria di questo minerale strategico", ha dichiarato il capo di Stato durante la sua visita al comune di Bacadéhuachi.

Dopo aver sottolineato che questo passo è stato fatto "a beneficio del popolo messicano", López Obrador ha annunciato che "inizierà un processo di esplorazione e sviluppo tecnologico per ottenere la materia prima, anche con l'obiettivo di creare impianti per la produzione di batterie".

Il decreto presidenziale consolida il litio come proprietà statale per l'estrazione dal sottosuolo messicano e il successivo sfruttamento. Poiché il minerale si trova sotto l'argilla, il processo di estrazione in Messico è diverso da quello di Paesi come Bolivia, Cile o Argentina, dove si trova nella roccia o in acqua salmastra.

"Il petrolio e il litio appartengono alla nazione"

"Quello che stiamo facendo ora, mantenendo le proporzioni e in un altro tempo, è nazionalizzare il litio in modo che non possa essere sfruttato dagli stranieri, né dalla Russia, né dalla Cina, né dagli Stati Uniti. Il petrolio e il litio appartengono alla nazione, appartengono al popolo messicano", ha concluso il presidente.

La nazionalizzazione del litio completa la riforma della Legge mineraria approvata nell'aprile dello scorso anno, che ha stabilito che l'esplorazione, lo sfruttamento e l'uso del minerale sono "di pubblica utilità", concedendo allo Stato messicano l'uso esclusivo di questa risorsa.

"C'è già una legge che è stata approvata dal Congresso, naturalmente ci sono gli amparos, sapete come sono i conservatori, che vorrebbero che il Messico diventasse una colonia di stranieri, non un Paese indipendente, libero e sovrano. L'unica cosa che non potranno fare sono i loro amparos, o le loro controversie nel sistema giudiziario", ha sottolineato López Obrador, concludendo: "La decisione è già stata presa, la legge è stata approvata nella legislatura e il litio appartiene alla nazione".

La nazionalizzazione è in linea con la tendenza di sinistra nei paesi dell'America Latina: la Bolivia ha già annunciato la creazione di un monopolio statale sul litio, il Cile prevede di creare una società statale del litio nel prossimo futuro. Questo metallo alcalino, splendidamente soprannominato "oro bianco" da alcuni media, potrebbe per la sua importanza già domani superare l'oro comune e trasformare l'America Latina in Arabia Saudita. Nel senso che permetterà ad alcuni Paesi, che hanno giacimenti di litio sul loro territorio, di aumentare il loro livello di prosperità in modo molto veloce.

La maggior parte delle riserve mondiali di litio (accertate) si concentra nel triangolo formato da Argentina, Cile e Bolivia. A onor del vero, va detto che i giacimenti di questo metallo sono stati scoperti in questa zona molto tempo fa, ma sono stati sviluppati molto lentamente, perché il fabbisogno di litio non era molto elevato. Ciò è indirettamente confermato dai seguenti dati: nel 1998 il prezzo per tonnellata di litio alla Borsa di Londra era di soli 1670 euro. Tuttavia, alla fine del 2016 il prezzo di questo metallo è "schizzato" a 7200 euro, a metà 2017 era quotato a circa 8600 euro e nel 2018 è aumentato di un altro 50%. Un balzo particolarmente notevole del prezzo dell'"oro bianco" si è verificato in Cina: a causa delle difficoltà logistiche, secondo Forbes, il prezzo di una tonnellata di litio si aggira già intorno ai 20.000 dollari nel mercato della RPC.

I tre Paesi dell'America Latina detengono il 58% delle riserve mondiali di oro bianco. La quantità totale esplorata è stimata in 14 milioni di tonnellate. La produzione annuale ammonta a 35-38.000 tonnellate. La maggior quantità di minerale (40%) viene utilizzata nella produzione di accumulatori, il 26% - nella produzione di vetro e ceramica, il 13% nella produzione di lubrificanti, il 7% nella metallurgia, il 4% - nella produzione di sistemi di condizionamento, il 3% - nella medicina e nella produzione di polimeri.

"L'impennata della domanda di litio dimostra che siamo sul punto di emergere e di consolidare nei prossimi 20 anni un nuovo polo energetico per il pianeta nel 'triangolo bianco d'oro'", ha osservato a metà 2017 Juan Carlos Suleta, esperto del mercato minerario boliviano. 

La domanda di questo metallo potrebbe aumentare di 2,5 o 3 volte nei prossimi anni rispetto ad oggi. Soprattutto se ricordiamo i tentativi attivi di creare autobus elettrici e le idee di convertire il trasporto pubblico urbano, e successivamente anche il trasporto personale, da motori a combustione termica a motori elettrici.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE di Fabrizio Verde Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

Gli attacchi ad Orban e il vero volto dell'UE

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta di Clara Statello Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

Attentato a Trump: tutti i "misteri" ancora senza risposta

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mannaia dell'austerity di Giuseppe Giannini La mannaia dell'austerity

La mannaia dell'austerity

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

La Russia e Trump: un esercizio di memoria di Andrea Puccio La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La Russia e Trump: un esercizio di memoria

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti