Il Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio alle politiche sociali

Il Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio alle politiche sociali

In occasione della firma del primo contratto nazionale collettivo del settore salute, Maduro, ha inoltre specificato che le risorse serviranno a garantire i più alti standard in ambiti quali salute, educazione, casa, alimentazione e tempo libero

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!



di Fabrizio Verde
 

La Repubblica Bolivariana del Venezuela destinerà il 72,5% del proprio bilancio alle politiche sociali. Questo è quanto annunciato dal presidente Maduro dopo aver consegnato la proposta all’Assemblea Nazionale Costituente. 

 

In occasione della firma del primo contratto nazionale collettivo del settore salute, Maduro, ha inoltre specificato che le risorse serviranno a garantire i più alti standard in ambiti quali salute, educazione, casa, alimentazione e tempo libero. 

 

La stessa nazione dipinta dai media mainstream per mesi come una sorta di lager caraibico a cielo aperto decide di destinare i tre quarti del proprio bilancio alle politiche sociali, mentre in Europa si procede con sempre maggiori tagli che vanno a colpire le già misere condizioni di vita delle classi popolari, e quegli stessi media tacciono sull’argomento. L’opinione pubblica deve associare il Venezuela alla violenza e alla repressione (falsa) da loro descritta, non all’attenzione che riceve il popolo attraverso le politiche implementate dalla Rivoluzione Bolivariana. 

 

«Niente fermerà lo sviluppo della nostra patria (…) qui c’è la pace economica e sociale della nostra nazione», ha dichiarato Maduro dal palazzo presidenziale Miraflores a Caracas. 

 

La proposta presentata da Maduro ha trovato il consenso di Delcy Rodriguez, la presidente dell’Assemblea Nazionale Costituente. «Faremo in modo che nelle prossime ore questo disegno di legge di bilancio sia sottoposto alle relative commissioni e alla prossima sessione dell’Assemblea Nazionale Costituente», ha spiegato la dirigente socialista. 

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra