/ La difesa antimissile degli USA ha fallito in Arabia Saudita cont...

La difesa antimissile degli USA ha fallito in Arabia Saudita contro i missili yemeniti?

 

Pur essendo stato presentato come un grande successo, ovvero aver intercettato i missili yemeniti grazie al sistema statunitense 'Patriot' in dotazione alle forze saudite, il quotidiano 'The New York Times', esprime seri dubbi in proposito.


Il successo delle forze della difesa aerea saudita, che il 4 novembre ha annunciato l'intercettazione di un missile balistico lanciato dagli Houthi dallo Yemen, sembra infondato, secondo il quotidiano statunitense 'The New York Times'.
 
Il giornale ha parlato sull'argomento con diversi esperti e ha messo in dubbio il fatto che il sistema di difesa missilistica Patriot utilizzato dall'Arabia Saudita sia stato in grado di intercettare il missile yemenita.
 
Ufficialmente, l'intercettazione è stata presentata come un grande successo del sistema anti-missile statunitense e delle forze di difesa aerea dell'Arabia Saudita. Persino il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha elogiato il sistema Patriot sul suo account personale su Twitter.
 
"Il nostro sistema ha raggiunto il missile nell'aria, è una testimonianza di quanto siamo bravi, nessuno produce ciò che produciamo e ora lo vendiamo in tutto il mondo", scrisse Trump.
 
"Tuttavia, l'analisi di video e foto [della zona di intercettazione] del missile, disponibile sui social network, suggerisce che questa storia non è completamente vera, e che i dati analizzati dal gruppo di esperti in tecnologia missilistica sembra indicare che la testata del missile è volata liberamente sul sistema di difesa saudita e ha quasi centrato l'obiettivo, l'aeroporto di Riyadh.
 
La testata è esplosa così vicino al terminal dei voli nazionali che le persone [che erano lì] sono saltate fuori dai loro posti ", si legge sul giornale.
 
Argomenti degli analisti
 
I rappresentanti sauditi non hanno ancora risposto alle richieste di commentare i fatti. Nel frattempo, alcuni funzionari degli Stati Uniti hanno anche messo in dubbio la difesa antiaerea dell'Arabia Saudita sia riuscita a raggiungere almeno una delle parti del missile yemenita, che probabilmente si è diviso in più parti.
 
"I governi [da diversi paesi] mentono circa l'efficacia di questo sistema [Patriot].
O sono male informati. E questo dovrebbe preoccupare molto", ha sostenuto un analista del 'Middlebury Institute of International Studies a Monterey (California), Jeffrey Lewis, che ha analizzato insieme ai suoi colleghi tutti i rapporti sul missile presumibilmente abbattuto.
 
A giudicare da diversi video apparsi sui social network, i resti del missile caddero in diverse zone vicino al centro di Riyadh. Ma questi frammenti, come stabilito dagli esperti, non contenevano i componenti della testa esplosiva, indicando che è caduto da qualche altra parte.
 
Le autorità locali hanno riferito che una parte dei resti del missile è caduto vicino all'aeroporto, a una distanza di 20 chilometri dalla suddetta area. Ma una tale dispersione di frammenti non può essere possibile, sottolineano gli esperti. Inoltre, i resti caduti nell'area aeroportuale sono esplosi.
 
Conclusioni
 
Per tutti questi motivi, gli analisti del Middlebury Institute hanno suggerito che il missile, lanciato all'inizio dello scorso novembre dallo Yemen, l'Arabia ha superato con successo la difesa missilistica e non ha impatto contro Riyadh solo perché è deviato dal suo obiettivo.
 
Quando si avvicina all'aeroporto, secondo questa versione, il missile è stato diviso tra carcassa e testata, e il secondo senza impedimenti ha continuato il suo volo. Il guscio potrebbe essere stato colpito dalle forze anti-missilistiche saudite, ma è più probabile che sia semplicemente caduto a terra, dicono gli esperti.
 
Il New York Times ha notato che "relazioni su carta" sull'efficacia del sistema Patriot non sono un fenomeno nuovo.
 
"In precedenza, i governi sovrastimavano anche l'efficacia della difesa missilistica [statunitense], compresa la sua resistenza ai missili Scud." Durante la prima guerra del Golfo, gli Stati Uniti pubblicarono un rapporto quasi perfetto sulla sconfitta della versione irachena dei missili Scud, tuttavia, in seguito gli analisti hanno scoperto che quasi tutti i tentativi di intercettare questi missili erano falliti", ha concluso il giornale.
 
Fonte: The New York Times
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa