Indian SU-30MKI vs Chinese SU-30MKK: India e Cina preparano i loro caccia Sukhoi per un possibile scontro aereo

Indian SU-30MKI vs Chinese SU-30MKK: India e Cina preparano i loro caccia Sukhoi per un possibile scontro aereo

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Uno scontro tra SU-30 MKI indiani e SU-30 MKK cinesi sarà un momento di prova della tecnologia russa. Nonostante i colloqui di de-escalation tra India e Cina, un potenziale scontro aereo tra i due giganti con armi nucleari rimane elevato.

 

Secondo gli esperti di EurAsian Times, sia l'India che la Cina hanno una grande quantità di hardware militare russo nel loro arsenale, compresi i caccia Sukhoi, con l'India che ha in forza SU-30 MKI e la Cina che utilizza SU-30 MKK.

 

L'aeronautica militare indiana ha già spostato in prima linea i caccia Sukhoi-30MKI e i jet Mirage 2000 in basi dove possono volare in brevissimo tempo per effettuare operazioni contro la Cina. Pechino non ha rivelato le sue carte, ma gli esperti affermano che la Cina avrebbe già schierato SU-30MKK, J-11 o J-16 vicino al LAC.

 

Sia l'India che la Cina hanno progettato i rispettivi jet da combattimento Sukhoi sull'SU-30. Il Sukhoi Su-30 è un aereo da caccia bimotore supermanovrabile a due posti sviluppato in Unione Sovietica dalla Sukhoi Aviation Corporation. È un caccia polivalente per missioni di interdizione profonda.

 

Il SU-30 si è rivelato immensamente popolare ed è stato ordinato sia da Nuova Delhi che da Pechino. Oggi, SU-30MKI e SU-30 MKK / MK2 sono una parte vitale dell'India Air Force (IAF) e della Forze Aerea dell’Esercito Popolare di Liberazione (PLAAF), rispettivamente.

 

Secondo i media indiani la versione dei caccia in forza a Nuova Delhi sarebbe superiore a quelli posseduti dalla Cina.

 

La versione indiana del Sukhoi possiede avionica avanzata israeliana e sistemi di guerra elettronica, rendendoli diversi dagli SU-30 standard. Inoltre, il caccia SU-30 MKI ha una varietà di missili nel suo arsenale tra cui i russi R73/77 e missili Astra e Brahmos sviluppati localmente.

 

I missili Astra sviluppati dall'Organizzazione per la ricerca e lo sviluppo della difesa (DRDO) aumenteranno il raggio d'azione del SU-30MKI e lo renderanno più letale che mai. L'MKI ha anche una tecnologia di vettore di spinta che lo rende più manovrabile rispetto alla sua controparte cinese, secondo gli esperti indiani.

 

Rispetto alla IAF, la PLAAF ha due versioni dell’SU-30, SU-30 MKK e MK2. Tuttavia, la versione cinese non è così competitiva come la versione indiana poiché Pechino ha restrizioni sull'uso della tecnologia israeliana e occidentale e deve dipendere solo dalle capacità russe o indigene.

 

Esperti cinesi respingono le affermazioni indiane e affermano che l’SU-30MKK è il più potente jet da combattimento della famiglia SU-30. La variante multi-ruolo offre capacità di combattimento potenziate contro bersagli aerei, terrestri e marittimi.

 

La Cina è stata anche in grado di potenziare il sistema di controllo del fuoco del Su-30MKK per dargli la possibilità di usare le sue armi indigene tra cui i micidiali missili da crociera anti-nave e di terra-attacco YJ-12 e YJ-18.

 

La Cina, a differenza dell'India, ha una ricca esperienza nell'aggiornamento indipendente degli aerei da combattimento russi. Pechino è stata in grado di trasformare con successo il sistema di controllo del fuoco dei SU-30MKK che ora sono diventati compatibili con i micidiali missili indigeni cinesi che non sono mai stati visti, analizzati prima, e quindi rappresentano una grande minaccia per gli avversari.

 

 

 

 

 

Potrebbe anche interessarti

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti