Intervista esclusiva a Stefania Maurizi: "Su Assange la stragrande maggioranza informazione inginocchiata agli Usa"

Intervista esclusiva a Stefania Maurizi: "Su Assange la stragrande maggioranza informazione inginocchiata agli Usa"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

 


"L'estradizione è sempre più vicina con la concessione dell'Alta Corte inglese di ieri. Ora il team legale farà appello alla Corte suprema inglese. Assange ha di fronte a sè un lungo processo legale che vivrà in una cella singola di un carcere di massima sicurezza per terroristi in condizioni fisiche e psicologiche drammatiche. Il rischio più serio è quello del suicidio, come non ha potuto smentire la stessa Alta Corte". Lo ha dichiarato a l'AntiDiplomatico la giornalista e scrittrice Stefania Maurizi, autrice di "Il potere segreto. Perché vogliono distruggere Julian Assange" (Chiarelettere, 2021), nel commentare la sentenza di ieri sul caso del fondatore di Wikileaks che ha perso la libertà 11 anni fa dopo aver rivelato al mondo i crimini degli Stati Uniti e della Nato in Afghanistan e in Iraq. 

"Negli Stati Uniti rischia una condanna che nessuna può seriamente pensare non sia a vita. Chi dice il contrario diffonde solo falsità: negli Usa non ha nessuna speranza di uscirne vivo", ha proseguito.

Sulle condizioni di Assange, Stefania Maurizi sottolinea di averlo rivisto via video conferenza il 27 e 28 ottobre quando era in Aula dopo molto tempo dal giudizio di primo grado. "Era irriconoscibile stentavo a riconoscerlo io che l'ho incontrato nel corso di 10 anni. Era drammaticamente dimagrito. Il rischio suicidio è molto reale. Se verrà trasferito negli Usa: o non ci arriva vivo o il rischio suicidio è altissimo".

Parole durissime sul ruolo dell'informazione italiana nel raccontare la vicenda. "Noi del Fatto Quotidiano abbiamo seguito la vicenda in modo fattuale prendendo la sentenza, assistendo all'udienza, seguendo tutto il procedimento. Oggi ho letto l'informazione di Repubblica. Sono indignata per lo stravolgimento sul caso". Sui motivi della parzialità dei giornali italiani pochi dubbi: "Questo è per l'interesse degli Stati Uniti, che decidono molto carriere nel giornalismo e nel mondo degli affari. Oltre alla loro potenza c'è il sistematico inginocchiamento della maggior parte dell'informazione. L'ho visto nel corso di questi ultimi 10 anni".

Può spiegarlo sulla sua pelle Stefania Maurizi quanto afferma. "Nessun giornalista delle migliaia che ha scritto sul caso in questi anni ha cercato di ottenere i documenti. Mi sono ritrovata da sola a mettere in piedi una battaglia legale con 4 paesi. Come è possibile che un uomo che ha mostrato i crimini degli Stati Uniti in  Afghanistan e in Iraq ha perso la libertà? Nessuno cerca i documenti. C'è voluta una giornalista italiana da sola a mettere in piedi una battaglia legale su 4 giurisdizioni, perché nessuno l'ha fatto. Questo è lo stato della nostra informazione", ha sottolineato.

"La mobiitazione pubblica è l'unica cosa che può salvare Assange. Il processo legale non lo salverà.", ha concluso.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti di Andrea Puccio Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

Zelensky: gli aiuti occidentali non sono sufficienti

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti