Iran e Siria promettono di rispondere all'aggressione israeliana

Iran e Siria promettono di rispondere all'aggressione israeliana

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il 2 luglio, il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha incontrato il suo omologo siriano, Faisal Mekdad. I due hanno ribadito la determinazione dei loro paesi a risolvere le questioni regionali, giurando di rispondere alle frequenti minacce e aggressioni israeliane.

Entrambi i ministri degli Esteri hanno espresso osservazioni in una conferenza stampa congiunta tenutasi nella capitale siriana, mentre i due discutevano dell'avanzamento delle relazioni bilaterali tra Teheran e Damasco, di questioni geopolitiche, degli sforzi antiterrorismo e delle misure per far fronte agli attacchi israeliani.

Amir-Abdollahian ha dichiarato: "Abbiamo discusso questioni di interesse comune tra i due paesi e i modi per rafforzare la cooperazione permanente ea lungo termine al servizio delle persone dei due paesi".

Ha proseguito ricordando che la Siria è in prima linea nello scontro con Israele, aggiungendo che Damasco non permetterà a Israele di compromettere la sicurezza regionale così come la sicurezza del loro paese.

Abdollahian ha aggiunto: "Continuiamo a offrire un sostegno incrollabile alla resistenza per garantire una sicurezza duratura nella regione contro le minacce poste dal falso regime israeliano".

Dopo aver condannato l'aggressione israeliana contro la Siria, ha sottolineato che Teheran continuerà a sostenere Damasco nella lotta al terrorismo e promettendo il sostegno delle Repubbliche islamiche per mantenere l'integrità, l'unità e la sicurezza del territorio siriano.

Questo incontro è avvenuto lo stesso giorno in cui l'aviazione israeliana ha lanciato un attacco alla città di Tartous, in Siria.

Secondo una fonte militare che ha parlato con l'agenzia di stampa statale siriana SANA, due civili sono rimasti feriti, tra cui una donna, e sono stati segnalati anche alcuni danni materiali.

Settimane prima, l'aggressione aerea israeliana contro la Siria ha preso di mira  l'aeroporto internazionale di Damasco il 10 giugno.

L'attacco ha portato alla paralisi dell'intero aeroporto ed è rimasto fuori servizio per diverse settimane fino a quando non è stato  completamente ripristinato .

Secondo i media israeliani, la decisione di interrompere le operazioni all'aeroporto è stata un tentativo di negare all'Iran l'accesso alle infrastrutture che potrebbero essere utilizzate per il trasferimento di armi.

Tuttavia, a differenza dei precedenti attacchi aerei - in particolare, quando l'esercito israeliano ha danneggiato la punta della pista il 3 febbraio 2021 per ostacolare l'atterraggio di aerei da carico pesante - il danno inflitto il 10 giugno ha colpito sei diverse località per centinaia di metri su due piste separate.

L'aeroporto internazionale di Damasco è un'ancora di salvezza fondamentale tra la Repubblica islamica dell'Iran e i vari gruppi di resistenza in Libano e Palestina, che ricevono supporto militare, finanziario e di altro tipo con la Siria come tappa di transito.

Il mese scorso, in una lettera all'ONU, il Ministero degli Affari Esteri siriano ha chiesto all'ONU una condanna “chiara” dei frequenti attacchi aerei di Israele sul suo territorio.

La lettera è stata inviata al segretario generale dell'ONU e al presidente del Consiglio di sicurezza dell'ONU, i quali hanno affermato che Damasco sperava che i due organi delle Nazioni Unite "adottassero una posizione chiara sugli attacchi israeliani alla sovranità siriana".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori di Giorgio Cremaschi Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Il golpe economico del 1992 e i suoi autori

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo di Francesco Santoianni Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Gianni Riotta e il fondo del water del giornalismo

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano di Savino Balzano Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Cara Meloni, i veri patrioti non strisciano

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino di Alberto Fazolo Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Gli aiuti non sono per il popolo ucraino

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato di Pasquale Cicalese Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

Recensione alla seconda edizione del libro Piano Contro Mercato

La nuova psicologia del Totalitarismo di Damiano Mazzotti La nuova psicologia del Totalitarismo

La nuova psicologia del Totalitarismo

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"... di Antonio Di Siena In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

In Germania siamo già al "razionamento dell'acqua calda"...

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti