Iraq, Migliaia di persone in piazza per ricordare Soleimani e Al-Muhandis uccisi dagli USA

Iraq, Migliaia di persone in piazza per ricordare Soleimani e Al-Muhandis uccisi dagli USA

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Questa mattina Bagdad ha vissuto una mobilitazione di massa alla vigilia del secondo anniversario del martirio dei due leader della lotta al terrorismo, il generale Qasem Soleimani, comandante della Forza Quds del Corpo dei Guardiani della Rivoluzione Islamica (IRGC) dell'Iran, e Abu Mahdi al-Muhandis, vice comandante delle Unità di mobilitazione popolare (Al-Hashad Al-Shabi, in arabo) dell'Iraq, uccisi insieme ai loro colleghi in un attacco terroristico perpetrato dagli Stati Uniti Uniti il ??3 gennaio 2020 nella capitale irachena.

In questa occasione, migliaia di manifestanti riuniti a Baghdad hanno chiesto il ritiro delle forze statunitensi dall'Iraq.

Alla marcia hanno partecipato le varie fazioni e clan della Resistenza Irachena. I manifestanti portano le bandiere dell'Iran e dell'Iraq e le immagini di questi comandanti della Resistenza.

 

 

"La presenza straniera non sarà vantaggiosa per gli iracheni, soprattutto nel campo della convivenza pacifica" , ha avvertito il leader delle forze popolari Al-Hashad Al-Shabi, Faleh al-Fayaz, nel suo discorso pronunciato alla marcia.

Secondo le autorità iraniane, l'assassinio di Soleimani e dei suoi compagni da parte degli Stati Uniti è "un vero esempio di attentato terroristico e terrorismo di stato" condotto in modo organizzato dal governo degli Stati Uniti.

Entrambi i comandanti erano ammirati dalle nazioni musulmane per aver eliminato il gruppo terroristico Daesh che stava dilagando in Iraq e Siria.

Dopo il suo assassinio a Baghdad, il parlamento iracheno ha risposto nel gennaio 2020 a questa flagrante violazione della sovranità nazionale, approvando una risoluzione che chiedeva l'espulsione delle truppe statunitensi dal Paese arabo.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti