Iraq. Ricorso annullamento elezioni. Manifestanti assediano Zona Verde

Iraq. Ricorso annullamento elezioni. Manifestanti assediano Zona Verde

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I manifestanti iracheni che respingono i risultati delle elezioni parlamentari in Iraq hanno marciato verso la zona verde ultraprotetta di Baghdad.

Centinaia di manifestanti si sono radunati dalle prime ore della giornata nei pressi della Zona Verde di Baghdad - che ospita le sedi del Governo e del Parlamento, oltre ad ambasciate occidentali come quelle degli Stati Uniti e del Regno Unito - per denunciare i brogli dei risultati della le elezioni parlamentari del 10 ottobre in Iraq.

Secondo i media locali, i manifestanti hanno bloccato diverse strade della città, mentre la polizia e le forze di sicurezza irachene sono state dispiegate in strada per mantenere la calma.

 

 

La tensione si è acuita quanto è arrivato il verdetto pronunciato dalla Corte Federale. Come ha riferito l'agenzia ufficiale di stampa irachena (INA) "la Corte Federale, durante la sua sessione tenutasi oggi, ha respinto il ricorso contro i risultati delle elezioni."

Nel frattempo, le forze irachene hanno cercato di impedire alla folla di entrare nella Zona Verde, provocando scontri tra le forze di sicurezza e la folla che cercava di entrare nell'area.

Violenze da parte di manifestanti e incendi dei pneumatici sono stati segnalati anche davanti a uno dei cancelli della Green Zone, dove le autorità irachene hanno imposto severe misure.

Il 10 ottobre sscorso,  25 milioni di iracheni delle 18 province sono stati convocati alle urne  per eleggere i 329 deputati.

Secondo i dati ufficiali resi noti dalla Commissione elettorale irachena, il movimento Sadr, guidato da Muqtada al-Sadr, ha conquistato 73 dei 329 seggi del parlamento iracheno. La coalizione guidata dall'ex legislatore Muhamed al-Halbusi seconda, con 34 seggi, e il partito dell'ex primo ministro Nuri al-Maliki, il partito islamico Dawa, terzo con 34 seggi.

Tuttavia, la capitale irachena e diverse grandi città sono state teatro di massicce proteste da parte di varie fazioni politiche e dei loro sostenitori, comtro i risultati definiti come "fraudolenti".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti