Israele ammette: Hezbollah potrebbe lanciare 2000 missili al giorno in una guerra

Israele ammette: Hezbollah potrebbe lanciare 2000 missili al giorno in una guerra

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

"A maggio, città come Tel Aviv e Ashdod hanno registrato il maggior numero di missili sparati nella storia di Israele", ha riconosciuto  il comandante del fronte interno delle forze israeliane, il generale Uri Gordin, in riferimento all'offensiva militare israeliana contro la Striscia di Gaza tra il 10-21 maggio.

In quel periodo, la Resistenza Palestinese ha dato una lezione indimenticabile, lanciando migliaia di razzi da Gaza contro città e insediamenti nel sud e nel centro dei territori occupati che hanno costretto Israele a dichiarare, il 21 maggio, che il suo governo aveva accettato un  cessate il fuoco  "senza condizioni " con i gruppi della Resistenza Palestinese nell'enclave di Gaza, attraverso l'Egitto.

Sottolineando che il fatto che furono lanciati oltre 400 razzi ogni giorno contro Israele, "l'alto comando militare israeliano ha ricordato che " in caso di conflitto o guerra con Hezbollah, stimiamo più di cinque volte il numero di razzi lanciati giornalmente dal Libano” verso i territori occupati dal regime israeliano.

Secondo il capo militare israeliano, il regime di Tel Aviv avrebbe a che fare con  tra i 1.500 ei 2.500 razzi che il  Movimento di resistenza islamica libanese (Hezbollah) lancerebbe ogni giorno .

Diversi funzionari e militari israeliani hanno espresso la loro paura per lo scoppio di una nuova guerra con il Libano e hanno chiesto alle loro autorità di fermare l'escalation delle tensioni con Hezbollah e altri movimenti di resistenza, poiché, in caso di guerra, città come Tel Aviv e Haifa, all'interno dei territori palestinesi occupati, potrebbe affrontare una pioggia di missili.

Sulla stessa falsariga, un rapporto preparato dall'esperto israeliano di affari militari Eli Bar-On ha evidenziato il "massiccio arsenale" di Hezbollah di "170.000 razzi e missili" avvertendo che  il movimento libanese "può lanciare fino a 4.000 missili al giorno" .

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso) di Marinella Mondaini La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

La decadenza finale dell'occidente (con un intruso)

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO