Israele bombarda strutture civili a Gaza. Hamas risponde con 130 razzi su Tel Aviv

Israele bombarda strutture civili a Gaza. Hamas risponde con 130 razzi su Tel Aviv

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Ai pesanti bombardamenti aerei israeliani su Gaza, il movimento di Hamas ha risposto con il lancio di 130 razzi su Tel Aviv. Uno schiaffo a Israele senza precedenti, scrive l’emittente Al Manar

Il servizio di emergenza israeliano, la Stella Rossa di David, ha riferito che 3 persone sono rimaste ferite a causa della caduta di razzi nella regione di Holon, nel sud di Tel Aviv. Le sirene di allarme hanno suonato in molte regioni da Ashdod nel sud di Israele ad Haifa nel nord.

Il bilancio delle vittime causate da Israele è salito a 30 persone, bambini compresi, con i sionisti che hanno effettuato attacchi da terra, aria e mare. Un blocco residenziale di 13 piani nella Gaza assediata è crollato dopo essere stato colpito da un attacco aereo israeliano. Le immagini mostrano tre pennacchi di fumo denso e nero che si alzano dall'edificio, i suoi piani superiori ancora intatti mentre la struttura cede. A tarda notte, i residenti di Gaza hanno riferito che le loro case tremavano e il cielo si illuminava di attacchi israeliani quasi costanti.

I raid israeliani hanno quasi voluto infierire sulle strutture civili, inclusa una scuola gestita da un’associazione benefica nella Striscia di Gaza. "I raid israeliani hanno preso di mira una scuola gestita dalla Al-Salah Charitable Society affiliata ad Hamas situata nella città di Deir Al-Balah nel centro di Gaza", ha riferito un corrispondente dell'Agenzia Anadolu (AA) che cita testimoni oculari. 

Gli attacchi aerei dei sionisti hanno anche preso di mira una fabbrica di plastica a est di Gaza City, provocando fiamme all'interno del complesso. Altri testimoni oculari hanno riferito che un certo numero di case nella Striscia di Gaza sono state prese di mira dai raid israeliani. Non si conosce il numero esatto degli edifici colpiti. Aerei da guerra israeliani hanno bombardato un’abitazione nel quartiere di al-Rimal nella striscia occidentale, uccidendo due palestinesi e ferendone altri.

Gli aerei hanno anche preso di mira varie località della città di Khan Yunis a sud di Gaza assediata, inclusa una casa abbandonata.

L'esercito israeliano ha affermato di aver finora preso di mira 130 postazioni a Gaza e ucciso 15 membri del gruppo Hamas in attacchi a Gaza.

Insomma, la narrazione di un Israele che agisce solo in risposta ad Hamas ed esclusivamente colpendo obiettivi militari fa acqua da tutte le parti. 

“Solo l’inizio”

Ma la fame di sangue palestinese del famelico premier israeliano Netanyahu non sembra volersi placare. In un discorso televisivo alla nazione nella tarda serata di martedì, ha affermato che Hamas "ha pagato e pagherà un prezzo molto alto".

Il premier ha poi aggiunto che Israele proseguirà con un'operazione intensa, ma che "ci vorrà tempo" per completare la missione.

Il ministro della Difesa israeliano Benny Gantz ha affermato che gli attacchi israeliani finora contro i palestinesi sono stati "solo l'inizio".

"Ci sono molti obiettivi" da colpire a Gaza, ha detto Gantz dopo gli attacchi israeliani su centinaia di siti nel territorio da lunedì sera.

Il leader di Hamas Ismael Haniya ha risposto che Gaza è "pronta" se Israele cerca l'escalation.

I palestinesi sono vittoriosi nella battaglia per difendere Gerusalemme e la moschea di Al Aqsa, ha aggiunto il dirigente del movimento islamico di resistenza.

Razzi su Tel Aviv

La risposta di Hamas è arrivata con il lancio di 130 razzi contro Tel Aviv. L'Autorità israeliana per gli aeroporti ha affermato di aver interrotto i decolli all'aeroporto Ben Gurion di Tel Aviv "per consentire la difesa dei cieli della nazione".

Sirene di raid aerei ed esplosioni sono state udite in giro per la città, e il cielo è stato illuminato dalle striature di molteplici missili intercettori lanciati verso i razzi in arrivo.

"Ora stiamo mantenendo la nostra promessa", ha detto l'ala militare di Hamas. "Le Brigate Qassam stanno lanciando il loro più grande attacco missilistico contro Tel Aviv e la sua periferia, con 130 razzi, in risposta all’abbattimento nemico delle torri residenziali".

Il servizio di ambulanza israeliano Magen David Adom ha detto che una donna di 50 anni è stata uccisa da un razzo che ha colpito un edificio nel sobborgo di Tel Aviv di Rishon Lezion e che due donne sono state uccise in attacchi missilistici sulla città meridionale di Ashkelon.

Ma l'esercito israeliano afferma che molti dei razzi lanciati da Gaza sono stati intercettati dal sistema antimissile Iron Dome.

Israele ha colpito Gaza dalla terra, dall'aria e ora dal mare dopo aver sguinzagliato le sue cannoniere, ha riferito il giornalista Nizar Sadawi dall'enclave palestinese.

Reazioni ai ‘bombardamenti’ israeliani

Israele ha inviato circa 80 aerei da guerra per bombardare Gaza e ammassato carri armati e cannoniere.

Il Comitato Internazionale della Croce Rossa ha esortato tutte le parti a fare un passo indietro e ha ricordato loro l'obbligo del diritto internazionale di cercare di evitare vittime civili.

La Casa Bianca ha condannato gli attacchi missilistici e ha affermato che Israele ha il diritto legittimo di difendersi, ma che l'obiettivo principale degli Stati Uniti è la riduzione dell'escalation.

"Tutti i musulmani, i cristiani e gli ebrei con buon senso e coscienza devono combattere insieme per fermare l'occupazione e la persecuzione di Israele e le violazioni degli ebrei fanatici”, ha affermato il portavoce presidenziale della Turchia Ibrahim Kalin.

Il presidente della commissione dell'Unione Africana ha condannato i "bombardamenti" israeliani a Gaza così come i "violenti attacchi" delle forze di sicurezza israeliane al complesso della moschea di Al Aqsa a Gerusalemme.

Chadian Moussa Faki Mahamat "ribadisce che le azioni dell'esercito israeliano, inclusi i continui sgomberi forzati e illegali di palestinesi dalle loro case a Gerusalemme Est, violano il diritto internazionale e aumentano ulteriormente le tensioni nella regione”, afferma l'UA in una dichiarazione. 

L'Imam Khamenei, leader della rivoluzione islamica in Iran, ha fatto riferimento ai crimini brutali e crudeli dei sionisti nella moschea di Al-Aqsa, nel Sacro Quds e in altre aree della Palestina, dicendo: “Questi crimini sono commessi davanti agli occhi del mondo e tutti devono fare il proprio dovere condannandoli”.

"I sionisti non capiscono altro che il linguaggio della forza, quindi i palestinesi devono aumentare il loro potere e resistenza per costringere i criminali ad arrendersi e fermare i loro atti barbari”.

L’Italia, tramite una nota della Farnesina, “ribadisce la sua preoccupazione per l’escalation di attacchi e violenze in particolare a Gerusalemme Est e nella Striscia di Gaza e chiede che cessi immediatamente. L’Italia condanna fermamente i lanci di razzi da Gaza verso il territorio di Israele e ritiene che non siano giustificabili in alcuna circostanza”. 

La solita visione distorta che mette sullo stesso piano aggressori e aggrediti. I colonizzatori al pari dei colonizzati. 

“Israele razzista”

Il primo ministro palestinese Mohammad Shtayyeh, ha affermato che le "pratiche israeliane nei territori palestinesi sono la forma più atroce di razzismo".

"Il tentativo di espellere la gente di Sheikh Jarrah (a Gerusalemme) dalle loro case non è una questione legale ma piuttosto politica, e la magistratura israeliana è politicamente diretta contro la presenza palestinese nella città", ha aggiunto Shtayyeh.

Quindi ha invitato la comunità internazionale ad "agire immediatamente per fermare le violazioni dell'occupazione israeliana contro il nostro popolo nella città di Gerusalemme e nei suoi luoghi santi, oltre a fermare i tentativi di confiscare le case dei cittadini ed espellerli”.

Shtayyeh ha poi affermato che "gli eventi di Gerusalemme e la rivolta del suo popolo di fronte al colonizzatore riflettono l'importanza della città santa per ogni palestinese e hanno riportato la questione palestinese all'ordine del giorno delle priorità mondiali".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

A voi che vi indignate per le parole di Renzi... di Paolo Desogus A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

A voi che vi indignate per le parole di Renzi...

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio! di Giorgio Cremaschi Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Laila stritolata. Non chiamatelo incidente, è un omicidio!

Lo Stato stratega, motore del successo cinese   di Bruno Guigue Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Lo Stato stratega, motore del successo cinese

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti