Israele colpito dal "più grande attacco informatico di sempre"

Israele colpito dal "più grande attacco informatico di sempre"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

I siti web dei ministeri israeliani dell'interno, della salute, della giustizia e del welfare, così come l'ufficio del primo ministro, sono stati messi offline oggi in quello che una fonte della difesa ha affermato essere stato il più grande attacco informatico mai avvenuto contro Israele. Le autorità ritengono responsabile un attore statale o una grande organizzazione.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha riportato l'attacco informatico, citando una "fonte dell'establishment della difesa" la quale ha ricordato che è stato il peggiore che abbia mai colpito lo stato ebraico. Secondo quanto riferito, l'attacco ha preso di mira siti che utilizzano il dominio "gov.il", che serve tutti i siti web del governo israeliano ad eccezione di quelli relativi alla difesa.

Il database del governo è uno di questi siti e un potenziale obiettivo per i criminali informatici.

In serata è stato ripristinato l'accesso ad alcuni dei siti colpiti, ma l'establishment della difesa israeliano e la National Cyber ??Directorate hanno dichiarato lo stato di emergenza mentre è possibile controllare i siti web di importanza strategica, come quelli relativi alle infrastrutture idriche ed elettriche del Paese. segni di compromesso.

Il funzionario citato da Haaretz ha spiegato che il governo ritiene che "un attore statale o una grande organizzazione abbia effettuato l'attacco", ma ha precisato  che il colpevole non è ancora stato identificato.

Tuttavia, i giornalisti israeliani hanno già ipotizzato che la colpa sia dell'Iran. Israele e Iran si sono scambiati per anni attacchi informatici e il mese scorso il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) ha violato le telecamere a circuito chiuso e i database dei dipendenti nei porti di Haifa e Ashdod. 

Anche il conflitto tra Teheran e Tel Aviv è diventato cinetico negli ultimi giorni, con Israele che ha ucciso due ufficiali dell'IRGC in un attacco aereo in Siria la scorsa settimana e l'IRGC ha risposto con un attacco missilistico balistico contro un presunto "centro strategico" israeliano a Erbil, in Iraq, sabato scorso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Alle armi siam... Von Der Leyen Alle armi siam... Von Der Leyen

Alle armi siam... Von Der Leyen

Lula e la causa palestinese di Fabrizio Verde Lula e la causa palestinese

Lula e la causa palestinese

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Sinistra o destra? Guerra di classe di Pasquale Cicalese Sinistra o destra? Guerra di classe

Sinistra o destra? Guerra di classe

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti di Andrea Puccio Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Cuba: dal primo marzo riforma del prezzo dei carburanti

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba di Hernando Calvo Ospina Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Le manovre USA per screditare le Forze Armate Rivoluzionarie di Cuba

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti