Israele colpito dal "più grande attacco informatico di sempre"

Israele colpito dal "più grande attacco informatico di sempre"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Dal 2 gennaio la nostra pagina Facebook subisce un immotivato e grottesco blocco da "fact checker" appartenenti a testate giornalistiche a noi concorrenti. Aiutateci ad aggirare la loro censura e iscrivetevi al Canale Telegram de l'AntiDiplomatico

 

I siti web dei ministeri israeliani dell'interno, della salute, della giustizia e del welfare, così come l'ufficio del primo ministro, sono stati messi offline oggi in quello che una fonte della difesa ha affermato essere stato il più grande attacco informatico mai avvenuto contro Israele. Le autorità ritengono responsabile un attore statale o una grande organizzazione.

Il quotidiano israeliano Haaretz ha riportato l'attacco informatico, citando una "fonte dell'establishment della difesa" la quale ha ricordato che è stato il peggiore che abbia mai colpito lo stato ebraico. Secondo quanto riferito, l'attacco ha preso di mira siti che utilizzano il dominio "gov.il", che serve tutti i siti web del governo israeliano ad eccezione di quelli relativi alla difesa.

Il database del governo è uno di questi siti e un potenziale obiettivo per i criminali informatici.

In serata è stato ripristinato l'accesso ad alcuni dei siti colpiti, ma l'establishment della difesa israeliano e la National Cyber ??Directorate hanno dichiarato lo stato di emergenza mentre è possibile controllare i siti web di importanza strategica, come quelli relativi alle infrastrutture idriche ed elettriche del Paese. segni di compromesso.

Il funzionario citato da Haaretz ha spiegato che il governo ritiene che "un attore statale o una grande organizzazione abbia effettuato l'attacco", ma ha precisato  che il colpevole non è ancora stato identificato.

Tuttavia, i giornalisti israeliani hanno già ipotizzato che la colpa sia dell'Iran. Israele e Iran si sono scambiati per anni attacchi informatici e il mese scorso il Corpo delle Guardie Rivoluzionarie Islamiche (IRGC) ha violato le telecamere a circuito chiuso e i database dei dipendenti nei porti di Haifa e Ashdod. 

Anche il conflitto tra Teheran e Tel Aviv è diventato cinetico negli ultimi giorni, con Israele che ha ucciso due ufficiali dell'IRGC in un attacco aereo in Siria la scorsa settimana e l'IRGC ha risposto con un attacco missilistico balistico contro un presunto "centro strategico" israeliano a Erbil, in Iraq, sabato scorso.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti