Jeffrey Sachs: "Il mondo è multipolare, gli Stati Uniti sono fuori fase"

Jeffrey Sachs: "Il mondo è multipolare, gli Stati Uniti sono fuori fase"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

L'economista Jeffrey Sachs, intervistato da Afshin Rattansi, sferra una dura critica all'unipolarismo americano, definendolo "fuori fase" di 25 anni e incapace di comprendere le dinamiche del nuovo ordine mondiale multipolare.

Sachs ha analizzato la guerra in Ucraina e il contesto geopolitico globale, sottolineando come il potere sia ormai distribuito tra diverse potenze, tra cui Stati Uniti, Cina, Russia e India.

 

"Il mondo non è più quello del XIX e XX secolo dominato dall'Occidente", ha affermato Sachs. "La mentalità dei leader delle grandi potenze non è allineata con la realtà".

L'economista ha puntato il dito contro gli Stati Uniti, accusandoli di non aver accettato la transizione verso un mondo multipolare e di continuare a perseguire una politica estera basata sull'idea di unipolarismo.

"Gli Stati Uniti pensano ancora di poter guidare il mondo da soli, con la Russia e la Cina come unici attori ostili", ha detto Sachs. "Questa visione è completamente fuori dalla realtà. Sono 25 anni che vivono in un mondo immaginario".

Sachs ha espresso delusione anche per l'Europa, che non ha una voce unita e una visione geopolitica chiara.

"L'Europa è una grande delusione", ha affermato. "Non ha un'idea di cosa vuole fare nel mondo".

L'economista ha poi parlato della guerra in Ucraina, definendola un "tragico evento marginale" rispetto alle questioni globali più importanti.

"La guerra in Ucraina è un sintomo dei limiti del potere statunitense", ha detto Sachs. "Non è una guerra tra democrazie e autocrazie, come alcuni vorrebbero farci credere. È una guerra tra due potenze regionali, Russia e Ucraina, con gli Stati Uniti che si sono intromessi in modo irresponsabile".

Sachs ha concluso il suo discorso con un appello alla cooperazione internazionale.

"Dobbiamo imparare a vivere in un mondo multipolare", ha affermato. "L'unica alternativa è il conflitto e la distruzione".

---------------------

NUOVA USCITA - TERZA GUERRA MONDIALE? IL FATTORE MALVINAS

LEGGILO

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti