Jeremy Corbyn: l’attacco di Israele a Jenin è “vergognoso”

 Jeremy Corbyn: l’attacco di Israele a Jenin è “vergognoso”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

L'ex leader del Partito laburista del Regno Unito Jeremy Corbyn, ieri, ha condannato l'attacco di Israele al campo palestinese di Jenin, definendolo "vergognoso".

Corbyn ha elogiato la fermezza del popolo palestinese per aver affrontato l'assalto dell'occupazione israeliana.

Inoltre, ha contestato con veemenza l'affermazione di Israele secondo la quale non prendere di mira i civili palestinesi a Jenin e nel suo campo, affermando: "È impossibile usare qualsiasi tipo di arma contro la popolazione lì senza prendere di mira i civili".

In una precedente intervista ad Al Mayadeen, il politico aveva espresso il desiderio di avere a un certo punto nel suo Paese un governo capace di riconoscere l'errore storico commesso contro il popolo palestinese, e di impegnarsi per un'interpretazione più specifica della Dichiarazione Balfour.

Il documento stesso avrebbe riconosciuto i diritti dei residenti della Palestina 75 anni fa, ma non è stato rispettato e le esigenze di questo gruppo sono state ignorate, ha precisato il politico britannico.

"Il diritto del popolo palestinese è centrale per me", ha detto anche parlamentare e difensore di altre giuste cause nel mondo.

Lo scorso 30 maggio, il sito web britannico Declassified UK ha rivelato i tentativi dei media occidentali e israeliani di offuscare l'immagine di Corbyn, accusandolo di essere antisemita.

In effetti, membri di spicco della lobby israeliana, come il lobbista Lionel Kopelowitz, sarebbero stati disposti a sacrificare Corbyn “per tutti i guai causati”.

Il 22 giugno 2022, durante un'intervista al sito web britannico Declassified , l'ex segretario di Stato americano Mike Pompeo e il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu hanno convenuto che la possibilità di vedere Corbyn diventare primo ministro britannico a causa delle sue opinioni ostili sulle politiche statunitensi e israeliane .

A sostegno della causa palestinese, ha invitato più di una volta il governo del suo paese a fermare le esportazioni di armi verso Israele ea porre fine alla cooperazione militare e di sicurezza con esso.

Ha anche partecipato alla settantacinquesima marcia della Nakba a Londra, impegnandosi a continuare a sostenere la Palestina.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti