Kissinger vede scenari simili alla prima guerra mondiale

Kissinger vede scenari simili alla prima guerra mondiale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Gli Stati Uniti devono ripensare alla propria egemonia e parlare alla Cina per imporre limiti alla loro concorrenza, perché l'alternativa è la creazione di condizioni simili a quelle che hanno preceduto la prima guerra mondiale, ha avvertito Henry Kissinger.


 
"I nostri leader ed i loro leader devono discutere i limiti oltre i quali non si devono spingere nelle minacce, e come definirli", ha spiegato Kissinger, un diplomatico di punta durante l'amministrazione Nixon, a cui è attribuito il merito di aver orchestrato il riavvicinamento degli Stati Uniti alla Cina.
"Si può dire che è totalmente impossibile, ma se lo è, scivoleremo in una situazione simile alla prima guerra mondiale", ha avvertito.
 
Lo sviluppo di tecnologie come l'intelligenza artificiale (AI) ha inaugurato un balzo in avanti forse diverso da qualsiasi altro dall'introduzione della stampa, rendendo il mondo troppo complesso per l'unilateralismo, secondo l'ex segretario di stato USA.
 
Washington ha bisogno di “un nuovo modo di pensare” che riconosca che oggi nessun Paese è in grado di “raggiungere una superiorità unilaterale tanto nella strategia quanto nell'economia che nessuno sarà in grado di minacciarla” , ha aggiunto.
 
"Questa è una grande sfida per qualsiasi amministrazione, e non è una sfida di parte, è una sfida storica perché non possiamo rivederla ogni quattro-otto anni, e se non possiamo essere chiari nel nostro paese su questo, possiamo" trattare con altri paesi." Kissinger ha suggerito che i colloqui proposti con la Cina dovrebbero essere condotti per molti anni a prescindere dalla partigianeria negli Stati Uniti.
 
 
 
 
 
 
L'ex diplomatico ha emesso il suo avvertimento ieri durante un evento virtuale ospitato dall'Economic Club di New York. L'economista John Williams, che presiede la Federal Reserve Bank di New York, è stato l'altro ospite della discussione.
 
L'amministrazione Trump ha portato avanti los contro con la Cina su più fronti. Tra le altre cose, ha imposto dazi sulle esportazioni cinesi negli Stati Uniti, ha fatto pressioni sulle società tecnologiche e di comunicazione cinesi fuori dai mercati americani e ha tentato di incolpare Pechino per i danni causati dalla pandemia Covid-19.
 
La retorica anti-cinese è stata in qualche modo adottata dal suo rivale democratico alle elezioni presidenziali, Joe Biden, anche se sostenne l'adesione della Cina all'Organizzazione mondiale del commercio.
 
L'ampia promessa di essere duri con la Cina, contrariamente a come lo descrive la campagna di Trump, potrebbe o meno tradursi in politica, nel caso in cui Biden vincesse la presidenza a novembre.
 
 

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi? di Francesco Erspamer  Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Dove sono ora quei 12 milioni di italiani che votarono per Renzi?

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta" di Giorgio Cremaschi Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Sciopero generale, Cremaschi: "Meglio tardi che mai, ma non basta"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"   di Bruno Guigue Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Biden e l'idea fantastica di un "vertice delle democrazie"

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione... di Pasquale Cicalese Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

Quando Prodi cerca le cause dell'inflazione...

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo! di Roberto Cursi “L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

“L’Urlo” di Severgnini è forte, ascoltiamolo!

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti