Kosovo: spari, strade di collegamento con la Serbia bloccate e allarmi che suonano

Kosovo: spari, strade di collegamento con la Serbia bloccate e allarmi che suonano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Alta tensione in Kosovo. Nelle regioni settentrionali dell'autoproclamata Repubblica del Kosovo, dove risiedono prevalentemente serbi, vengono riportati dai media locali spari e allarmi che suonano. 

I residenti avrebbero iniziato a costruire barricate a Rudare, sull'autostrada Pristina-Leposavich e non lontano dalla città di Zvecan. 

“Dopo le 18:00 sono stati attivati gli allarmi di raid aereo a Kosovska Mitrovica... Davanti alla nuova base della polizia di frontiera dell'autoproclamato Kosovo, non lontano dal capoluogo di Yarine, sono state avvistate unità di reazione con armi automatiche, elmetti e giubbotti antiproiettile…”, scrive Vecherne Novosti. 

Cosa è successo, perché di colpo si è alzata la tensione? Come annunciato dal governo del Kosovo, dal 1 agosto i documenti serbi cesseranno di essere validi nel territorio sotto il suo controllo e ai loro proprietari verrà rilasciato un certificato temporaneo all'ingresso. Allo stesso tempo, inizierà la re-immatricolazione obbligatoria delle auto con numeri serbi ai numeri RKS (Repubblica del Kosovo). 

Belgrado non riconosce i numeri RKS sul suo territorio. L'anno scorso, ciò ha portato a un conflitto: Pristina ha vietato l'ingresso di auto con numeri serbi e ha schierato un'unità speciale del Ministero degli affari interni ROSU nel nord della regione. I serbi locali hanno risposto bloccando la strada con attrezzature da costruzione verso i posti di blocco di Yarina e Brnak e hanno mantenuto il blocco, sebbene la polizia abbia cercato di disperderli con gas lacrimogeni e attrezzature speciali. 

Successivamente, attraverso la mediazione dei paesi occidentali, Belgrado e Pristina hanno raggiunto un accordo secondo il quale, quando si lascia il Kosovo e Metohija per la Serbia centrale, i simboli del Kosovo sulle targhe vengono sigillati con adesivi con lo stemma serbo e le lettere KM.
Il primo ministro dell'autoproclamata repubblica, Albin Kurti, ha invitato i serbi che vivono nella regione a re-immatricolare le loro auto "per il bene dello stato di diritto" e ha promesso che non sarebbero stati soggetti a ulteriori procedure doganali. Secondo Kurti si tratta di una grossa concessione, dal momento che la tariffa doganale media per un'auto è di circa cinquemila euro. 

Il ministro degli Esteri serbo Nikola Selakovich, a sua volta, ha affermato che le autorità del Kosovo stanno preparando il "vero inferno" per i serbi.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha affermato l'esercito kosovaro sta pianificando un attacco contro la popolazione serba che vive nel nord della regione. Le forze speciali kosovare avrebbero chiuso i valichi di frontiera mentre Belgrado ha posto l’esercito in stato di allerta.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon di Paolo Desogus Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

Lo squallore di chi accusa di "antisemitismo" Melenchon

In Bolivia, tornano i carri armati di Geraldina Colotti In Bolivia, tornano i carri armati

In Bolivia, tornano i carri armati

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta di Leonardo Sinigaglia Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Anche in Kenya l’imperialismo non è che una tigre di carta

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn di Giorgio Cremaschi Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

Il ritorno del blairismo e le fake news contro Corbyn

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Public enemy di Giuseppe Giannini Public enemy

Public enemy

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin di Antonio Di Siena Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

Elezioni in Francia. Il precedente Pflimlin

"L'Urlo" adesso è davvero vostro di Michelangelo Severgnini "L'Urlo" adesso è davvero vostro

"L'Urlo" adesso è davvero vostro

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO di Andrea Puccio LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

LE SANZIONI INDEBOLISCONO IL POTERE DEL DOLLARO

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON di Michele Blanco LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

LA SINISTRA CHE SCONFIGGE LE DESTRE E MACRON

 Gaza. La scorta mediatica  Gaza. La scorta mediatica

Gaza. La scorta mediatica

Il Moribondo contro il Nascente Il Moribondo contro il Nascente

Il Moribondo contro il Nascente

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti