Kosovo: spari, strade di collegamento con la Serbia bloccate e allarmi che suonano

Kosovo: spari, strade di collegamento con la Serbia bloccate e allarmi che suonano

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Alta tensione in Kosovo. Nelle regioni settentrionali dell'autoproclamata Repubblica del Kosovo, dove risiedono prevalentemente serbi, vengono riportati dai media locali spari e allarmi che suonano. 

I residenti avrebbero iniziato a costruire barricate a Rudare, sull'autostrada Pristina-Leposavich e non lontano dalla città di Zvecan. 

“Dopo le 18:00 sono stati attivati gli allarmi di raid aereo a Kosovska Mitrovica... Davanti alla nuova base della polizia di frontiera dell'autoproclamato Kosovo, non lontano dal capoluogo di Yarine, sono state avvistate unità di reazione con armi automatiche, elmetti e giubbotti antiproiettile…”, scrive Vecherne Novosti. 

Cosa è successo, perché di colpo si è alzata la tensione? Come annunciato dal governo del Kosovo, dal 1 agosto i documenti serbi cesseranno di essere validi nel territorio sotto il suo controllo e ai loro proprietari verrà rilasciato un certificato temporaneo all'ingresso. Allo stesso tempo, inizierà la re-immatricolazione obbligatoria delle auto con numeri serbi ai numeri RKS (Repubblica del Kosovo). 

Belgrado non riconosce i numeri RKS sul suo territorio. L'anno scorso, ciò ha portato a un conflitto: Pristina ha vietato l'ingresso di auto con numeri serbi e ha schierato un'unità speciale del Ministero degli affari interni ROSU nel nord della regione. I serbi locali hanno risposto bloccando la strada con attrezzature da costruzione verso i posti di blocco di Yarina e Brnak e hanno mantenuto il blocco, sebbene la polizia abbia cercato di disperderli con gas lacrimogeni e attrezzature speciali. 

Successivamente, attraverso la mediazione dei paesi occidentali, Belgrado e Pristina hanno raggiunto un accordo secondo il quale, quando si lascia il Kosovo e Metohija per la Serbia centrale, i simboli del Kosovo sulle targhe vengono sigillati con adesivi con lo stemma serbo e le lettere KM.


Il primo ministro dell'autoproclamata repubblica, Albin Kurti, ha invitato i serbi che vivono nella regione a re-immatricolare le loro auto "per il bene dello stato di diritto" e ha promesso che non sarebbero stati soggetti a ulteriori procedure doganali. Secondo Kurti si tratta di una grossa concessione, dal momento che la tariffa doganale media per un'auto è di circa cinquemila euro. 

Il ministro degli Esteri serbo Nikola Selakovich, a sua volta, ha affermato che le autorità del Kosovo stanno preparando il "vero inferno" per i serbi.

Il presidente serbo Aleksandar Vucic ha affermato l'esercito kosovaro sta pianificando un attacco contro la popolazione serba che vive nel nord della regione. Le forze speciali kosovare avrebbero chiuso i valichi di frontiera mentre Belgrado ha posto l’esercito in stato di allerta.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA di Alberto Fazolo 28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

28 OTTOBRE 2022: APPELLO PER UN SECOLO ANTIFASCISTA

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia di Antonio Di Siena Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Torna a salire la tensione tra Grecia e Turchia

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico di Gilberto Trombetta Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Il sabotaggio Usa dei Nord Stream e la guerra per l'Artico

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia di Giuseppe Masala Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Digitalizzazione? Gli economisti e la "variabile" energia

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra