La Cina contro Fitch: economia solida e crescita sostenibile

La Cina contro Fitch: economia solida e crescita sostenibile

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Le autorità cinesi hanno reagito prontamente mercoledì alle azioni dell'agenzia di rating statunitense Fitch, che ha modificato l'outlook del rating di credito sovrano della Cina da stabile a negativo, sottolineando che le prospettive di crescita a lungo termine della Cina rimangono invariate e che il governo cinese ha la capacità e la determinazione di mantenere una solida posizione di credito sovrano.

Anche gli economisti cinesi hanno criticato duramente la decisione dell'agenzia di rating, sostenendo che la mossa di Fitch mostra un profondo pregiudizio e difetti metodologici, poiché sembra fare affidamento pesante su titoli negativi provenienti dai media occidentali e non riesce a mostrare i crescenti fattori positivi all'interno dell'economia cinese. In confronto, l'economia cinese rimane la più sana tra le principali economie, riporta il quotidiano cinese Global Times.

In un rapporto, Fitch ha dichiarato di aver revisionato l'outlook sul rating di credito a lungo termine della Cina in valuta estera da stabile a negativo e ha confermato il rating a 'A+'.

"L'aggiornamento dell'outlook riflette i crescenti rischi per le prospettive finanziarie pubbliche della Cina mentre il paese si confronta con prospettive economiche più incerte in mezzo a una transizione lontano dalla crescita basata sulla proprietà verso ciò che il governo considera un modello di crescita più sostenibile", sostiene Fitch.

Nel confermare il rating 'A+' della Cina, Fitch ha indicato le dimensioni e la diversificazione dell'economia cinese, le prospettive di crescita del PIL ancora solide rispetto ai pari, il ruolo integrante nel commercio globale di beni, le robuste finanze esterne e lo status di valuta di riserva dello yuan.

Essenzialmente, la mossa di Fitch significa che mentre i rating della Cina rimangono invariati per ora, un declassamento potrebbe essere possibile nel medio termine. La decisione ha suscitato rapide critiche dalle autorità cinesi.

"Siamo dispiaciuti di vedere Fitch declassare l'outlook del rating di credito sovrano della Cina", ha detto un funzionario del Ministero delle Finanze cinese durante una conferenza con i media, notando che mentre il rapporto di Fitch rifletteva alcune opinioni già espresse dal lato cinese, il risultato ha mostrato che il sistema di indicatori della metodologia di rating di credito sovrano di Fitch non riesce a riflettere in modo efficace e prospettico il ruolo positivo della politica fiscale cinese nel promuovere la crescita economica e stabilizzare il rapporto di leva macro.

La Cina ha mantenuto una politica di espansione moderata della spesa fiscale migliorando l'efficienza e l'efficacia dei fondi fiscali per stimolare la domanda interna e lo sviluppo economico.

"A lungo termine, mantenere un deficit moderato e fare buon uso dei preziosi fondi di debito contribuirà ad espandere la domanda interna, sostenere la crescita economica e alla fine contribuirà a mantenere un buon rating sovrano", ha detto il funzionario del MOF, aggiungendo che il piano della Cina di mantenere il rapporto deficit/PIL al 3 percento nel 2024 è moderato e ragionevole, e favorisce la stabilizzazione della crescita economica, il controllo dei livelli di debito pubblico e la riserva di spazio politico per affrontare potenziali rischi e sfide.

Mao Ning, portavoce del Ministero degli Affari Esteri cinese, ha affermato che il momento positivo a lungo termine dell'economia cinese non è cambiato e la capacità e la determinazione del governo cinese a mantenere una solida posizione di credito sovrano rimangono invariate.

Anche gli economisti cinesi hanno messo in discussione l'oggettività e l'accuratezza della decisione di Fitch.

"Le agenzie di rating occidentali come Fitch spesso adottano un modello occidentale e interpretano i rating di credito della Cina attraverso alcune fluttuazioni negative del mercato. Penso che tale interpretazione non sia accurata", ha spiegato Cong Yi, professore presso l'Università di Finanza ed Economia di Tianjin, al Global Times.

Cong ha detto che Fitch si è basata solo su alcune fluttuazioni a breve termine in settori come il debito locale e il settore immobiliare, invece di considerare l'intera immagine della transizione economica della Cina, che è intrapresa dalla Cina per allontanarsi dal modello precedente basato sulle vendite di terreni a un nuovo modello di sviluppo. "Esagerare piccoli problemi e usare modelli occidentali per giudicare lo sviluppo della Cina sono segni della mancanza di comprensione della Cina".

Cao Heping, economista presso l'Università di Pechino, ha anche affermato che la metodologia di Fitch è difettosa, poiché è chiaramente orientata verso fattori negativi, ignorando le variabili nella resilienza economica della Cina e nelle prospettive future.

"Anche se un numero crescente di dati economici ha mostrato miglioramenti nei primi due mesi, Fitch ha effettivamente deciso di ridurre l'outlook del rating della Cina. Ciò dimostra che le agenzie di rating estere hanno selezionato specificamente alcuni indicatori sfavorevoli nella loro valutazione", ha detto Cao al Global Times mercoledì.

Una serie di dati recenti ha mostrato che il recupero economico della Cina si sta accelerando. Ad esempio, l'indice ufficiale dei direttori acquisti del settore manifatturiero (PMI) della Cina, principale misura dell'attività delle fabbriche, è stato pari a 50,8 a marzo, tornando in territorio espansivo per la prima volta dal settembre 2023. Le esportazioni della Cina sono migliorate notevolmente quest'anno, con un aumento delle esportazioni del 10,3 percento nei primi due mesi del 2024. Le vendite al dettaglio sono anche aumentate del 5,5 percento nei primi due mesi.

"Alcuni indicatori economici nel primo trimestre di quest'anno hanno mostrato un buon inizio di anno e stanno procedendo nella direzione di una crescita ripristinatrice. Il nostro obiettivo è lo sviluppo guidato dall'innovazione, e abbiamo gradualmente acquisito nuove tendenze di sviluppo durante il processo di trasformazione", ha affermato Cong.

Gli economisti cinesi hanno anche fatto un confronto tra lo sviluppo economico e i livelli di debito della Cina e quelli di altre economie principali, concludendo che la Cina rimane la più sana tra le economie avanzate.

"Il deficit fiscale della Cina è entro un intervallo ragionevole. Se lo confrontiamo con quello del Giappone, degli Stati Uniti o dell'UE, il deficit della Cina è molto più basso", ha detto Cao. "Ho molta fiducia nella crescita economica della Cina quest'anno e i forti dati del primo trimestre forniranno una grande confutazione al declassamento di Fitch".

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Il macronismo apre le porte all'estrema destra di Paolo Desogus Il macronismo apre le porte all'estrema destra

Il macronismo apre le porte all'estrema destra

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti