/ La Cina investirà nella ricostruzione della Siria

La Cina investirà nella ricostruzione della Siria

 

Il governo cinese mostra la sua intenzione di aumentare la cooperazione in tutti i settori con la Siria, devastata da 6 di guerra per procura.

La Cina e la Siria sono due economie "altamente complementari", ha dichiarato, ieri il vice Presidente del Consiglio del commercio estero della Cina, legata al governo, Yin Zonghua nel corso di un forum tenuto con aziende provenienti da entrambi i paesi.
 
Secondo Yin, le imprese cinesi vogliono investire in Siria nell'ambito delle infrastrutture, petrolio e gas, cibo e l'industria leggera, e contribuire alla ricostruzione e allo sviluppo del paese arabo.
 
Più di un centinaio di aziende cinesi hanno partecipato alla riunione con l'obiettivo di recuperare il volume degli scambi tra i due paesi, che aveva raggiunto 2,48 miliardi di dollari nel 2010, l'anno che ha preceduto l'inizio del conflitto.

 
La Cina non solo cerca di rafforzare i suoi legami economici con la Siria, ma allo stesso tempo vuole aumentare i suoi legami in altri campi, compresa la formazione dell'esercito e rafforzare altri legami militari.
 
Sia la Cina che la Russia hanno respinto le sanzioni contro il governo di Damasco per il fatto che hanno causato gravi danni per l'economia della Siria. Invece di misure coercitive, i due paesi insistono sulla necessità di una soluzione negoziata alla crisi nel paese arabo.
 
In questo senso, il presidente siriano Bashar al-Assad, ha affermato in diverse occasioni che il blocco economico dell'Occidente contro la Siria è più pericoloso rispetto alle attività dei gruppi terroristici.
 
Fonte: Hispantv
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa