La Corte internazionale di Giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah

La Corte internazionale di Giustizia ordina a Israele di fermare l'offensiva a Rafah

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Come ha riferito al Jazeera, Nawaf Salam, Presidente della Corte internazionale di giustizia, ICJ, ha dichiarato che "Israele deve immediatamente sospendere la sua offensiva militare o qualsiasi altra azione nel governatorato di Rafah che possa infliggere al popolo palestinese di Gaza, condizioni di vita che potrebbero portare alla sua distruzione fisica in tutto o in parte".

Inoltre, Salam ha aggiunto "la Corte non è convinta che gli sforzi di evacuazione e le relative misure che Israele afferma di aver intrapreso per migliorare la sicurezza dei civili nella Striscia di Gaza e in particolare di quelli recentemente sfollati dal governatorato di Rafah siano sufficienti ad alleviare l'immenso rischio a cui la popolazione palestinese è esposta a seguito dell'offensiva militare a Rafah".

Il Presidente della ICJ ritiene, tra l'altro, che “Israele deve adottare misure efficaci per garantire il libero accesso alla Striscia di Gaza a qualsiasi commissione d’inchiesta, missione d’inchiesta o organo investigativo incaricato dagli organi competenti delle Nazioni Unite di indagare accuse di genocidio”.

Salam ha aggiunto che le misure provvisorie adottate da Israele dopo il precedente verdetto della Corte Internazionale di Giustizia su Gaza non affrontano pienamente le conseguenze della mutata situazione.

L'ICJ ha ordinato a Israele di riferire alla corte entro un mese sui progressi compiuti nell'applicazione delle misure ordinate dall'istituzione.

Ha inoltre ordinato a Israele di aprire il valico di frontiera di Rafah per l'assistenza umanitaria.

Le reazioni, Soddisfazione dell'Autorità palestinese e del Sudafrica. Israele convoca riunione di emergenza

L'Autorità Palestinese ha accolto con favore la sentenza della ICJ, affermando che rappresenta un consenso internazionale per porre fine alla guerra nella Striscia di Gaza, ha spiegato all'agenzia di stampa Reuters il portavoce presidenziale palestinese Nabil Abu Rudeina.

Anche Il Sudafrica ha accolto con favore l’ordine della Corte internazionale di giustizia dato a Israele di fermare la sua offensiva nella città di Rafah.

"Credo che sia molto più incisiva, in termini di formulazione, per quanto riguarda le misure provvisorie, una richiesta molto chiara di cessazione" delle ostilità, secondo detto il ministro degli Esteri Naledi Pandor all'emittente pubblica SABC.

Come prima reazione da Tel Aviv, fonti diplomatiche hanno riferito al canale israeliano Channel 13 che il primo ministro Netanyahu convocherà una riunione di emergenza.

All'incontro parteciperanno il ministro degli Esteri Israel Katz, il ministro del Gabinetto di Guerra Benny Gantz e il consigliere giudiziario del governo.

Un chiaro segnale che questa sentenza sia stata presa seriamente. La prima reazione alla sentenza è arrivata dal ministro delle Finanze Bezalel Smotrich, che è uno dei membri di estrema destra della coalizione.

Ha ricordato che coloro che chiedono allo Stato di Israele di fermare la guerra, chiedono che esso stesso decreti di cessare di esistere. “Non saremo d’accordo su questo”, ha ribadito.

Ha aggiunto: “Continuiamo a lottare per noi stessi e per l’intero mondo libero. La storia giudicherà chi oggi si è schierato dalla parte dei nazisti di Hamas e dell’Isis”.

--------------------------------------------------------

A GAZA LA SITUAZIONE UMANITARIA E' FUORI CONTROLLO. LA PULIZIA ETNICA DECISA

C'E' UNA ONG, GAZZELLA ONLUS, CHE NON SI ARRENDE A QUESTE BARBARIE E OGNI GIORNO, EROICAMENTE, PORTA BENI DI PRIMA NECESSITA' ALLA POPOLAZIONE STREMATA




L'ANTIDIPLOMATICO E LAD EDIZIONI, INSIEME A Q EDIZIONI, E' IMPEGNATA ALLA RACCOLTA FONDI PER LA POPOLAZIONE DI GAZA

ACQUISTANDO IL LIBRO "IL RACCONTO DI SUAAD - PRIGIONIERA PALESTINESE" DAL NOSTRO SITO CONTRIBUIRETE ATTIVAMENTE ALL'INVIO DI AIUTI ALLA POPOLAZIONE DI GAZA

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Il macronismo al suo ultimo atto? di Paolo Desogus Il macronismo al suo ultimo atto?

Il macronismo al suo ultimo atto?

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*       di Geraldina Colotti Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*      

Grecia e Venezuela, due “laboratori” per il secolo XXI*  

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani di Giacomo Gabellini Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

Il pericoloso bluff della NATO - Andrea Gaiani

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora di Giuseppe Masala Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

Il "mastino della guerra" degli Stati Uniti colpirà ancora

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti