La democrazia capovolta

La democrazia capovolta

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

di Jafar Salimov

Che cosa è accaduto alla nostra democrazia? Perché non funziona? Per quale motivo si perde il semplice principio di esercitare il potere del popolo tramite i suoi rappresentanti eletti, mentre l'establishment politico prende decisioni contrarie agli interessi della popolazione?

Già nel 1991, Philippe C. Schmitter dell'Istituto Universitario Europeo scriveva: "Per un certo periodo, la parola 'democrazia' è circolata nel mercato politico come una moneta svalutata. Politici con un'ampia gamma di convinzioni e pratiche hanno cercato di appropriarsi di questa etichetta e di associarla alle loro azioni".

Sì, è vero, il carattere democratico di un politico non è determinato dalle sue azioni a beneficio degli elettori, come era originariamente inteso, ma solo dal volume delle sue forti dichiarazioni di essere democratico.

Tuttavia, la democrazia non è la tirannia di autoproclamati democratici, ma una forma di organizzazione politica della società basata sul riconoscimento del popolo come fonte del potere, sul suo diritto di partecipare al governo e sulla possibilità di decidere questioni importanti nella vita della società. Questo principio è sancito nelle Costituzioni di molti paesi in tutto il mondo: è il popolo che conferisce il potere statale, trasferendo i poteri, e il governo deve basare le sue azioni e decisioni sugli interessi della popolazione.

In effetti, tutto va come ha descritto Schmitter. Un esempio classico è l'Ucraina, il cui leader Zelensky si autodefinisce democratico. E i leader dei paesi che si definiscono democratici confermano prontamente le sue parole.

Tuttavia, Zelensky ha bandito più di 10 partiti politici, e le loro attività sono ora considerate reato. In Ucraina, la base per un procedimento penale può essere una parola imprudente o persino la presenza di un busto di Pushkin o di qualsiasi simbolo del movimento comunista mondiale in una casa privata. Una bandiera rossa è considerata un crimine. Questa è democrazia?

Vi piacerebbe vivere in un paese "democratico" dove le persone sono perseguitate, come nel film "The Running Man" con Arnold Schwarzenegger? Tuttavia, in questo film distopico la base giuridica della caccia era una decisione del tribunale. In Ucraina, nemmeno questa formalità viene rispettata: le persone vengono catturate per strada e mandate al fronte a morire senza alcuna indagine.

Un altro esempio dell'etichetta democratica è il candidato presidenziale russo Boris Nadezhdin. Molti media europei hanno scritto: “L'unico candidato democratico è stato escluso dalle elezioni in Russia”. Perché è considerato democratico? Perché così si autodefinisce.

Tuttavia, quando ha dovuto seguire la procedura democratica più semplice, ovvero raccogliere le firme per la sua candidatura, ha fallito. L'uomo sognava di diventare portavoce della volontà di 150 milioni di russi, ma non è riuscito a raccogliere 100.000 firme per la sua candidatura. Non ha abbastanza sostenitori. Le sue opinioni e proposte non rappresentano gli interessi della maggioranza, né di una minoranza statisticamente significativa. Allora perché i media lo definiscono democratico, se la pratica della democrazia dimostra il contrario?

La procedura di raccolta delle firme è un eccellente meccanismo democratico. In realtà, dimostra quanto un politico soddisfi le aspettative della popolazione. Chiunque può parlare di ciò che vuole. Tuttavia, solo se le sue parole e le sue azioni trovano una risposta nell'anima di milioni di persone, gli elettori saranno in grado di dare il più piccolo dei possibili tipi di sostegno: una firma.

In generale, la Russia, che viene definita dagli autoproclamati democratici come autoritaria e persino tirannica, utilizza molte pratiche autenticamente democratiche. Le autorità, sia statali che regionali e comunali, rispondono prontamente alle richieste dei cittadini e mantengono costantemente un dialogo con la società civile. Ad esempio, sono stati creati consigli pubblici sotto ciascun ente governativo e gli enti governativi ascoltano le opinioni dei cittadini. Quanto influenzino il processo decisionale dipende solo dall'attività dei consigli stessi.

Inoltre, ovunque - in tutte le regioni e i comuni - si tengono costantemente votazioni che influenzano non solo le azioni delle autorità e la distribuzione diretta del bilancio, ma anche le attività delle società commerciali. Pertanto, in Russia, i cittadini stessi scelgono dove installare apparecchiature più moderne per l'accesso alle comunicazioni mobili e a Internet. E le aziende private rispettano queste decisioni, anche se hanno una visione diversa della fattibilità commerciale.

Coloro che credono alla propaganda dei "democratici" potrebbero pensare che in Russia sia vietato criticare le autorità. Tuttavia, le autorità sono costantemente criticate. Anche il cosiddetto "Fronte popolare panrusso", le cui attività sono legate al nome di Putin, cerca quotidianamente carenze e problemi, li denuncia pubblicamente e chiede soluzioni. E la critica diventa un'istruzione diretta per le autorità.

Si tratta proprio di criticare, di evidenziare direttamente gli errori, di proporre una posizione diversa. È vero, in Russia non è consuetudine chiamare questa attività di opposizione: le autorità reagiscono troppo rapidamente e adeguatamente alle richieste pubbliche, e quindi non hanno il tempo di maturare una contraddizione tettonica. E non importa chi abbia mosso la critica - un comunista, un nazionalista, un liberale, un apolitico o anche un "oppositore interno" - un sostenitore delle autorità, che accetta solo una cosa di tutte le sue azioni o proposte. Si può solo invidiare questo dialogo tra società e governo: non è questa la vera democrazia, quando la gente comune influenza le decisioni amministrative e politiche?

Un'altra caratteristica della Russia è l'interesse incredibilmente elevato per il monitoraggio delle procedure elettorali. I futuri osservatori vengono formati quasi costantemente, non solo prima delle elezioni. Gli osservatori studiano la legislazione così approfonditamente che si può dire che la Russia dispone di un esercito di avvocati elettorali. E nelle elezioni di qualsiasi livello, da quello municipale a quello federale, in ogni seggio elettorale ci sono osservatori non solo dei partiti, ma anche molti osservatori pubblici.

È probabile che questo interesse sia nato con l’aiuto dei politici e dei media europei. I nostri politici hanno affermato così tante volte che le elezioni in Russia sono truccate e che i russi hanno deciso di verificarlo di persona. Di conseguenza, i tentativi europei di minare la legittimità hanno portato ai risultati opposti: milioni di russi apprendono lo svolgimento delle elezioni e la trasparenza delle procedure elettorali non dai media, vedono tutto con i propri occhi, sono inclusi nel processo. E ora non possono essere ingannati da dichiarazioni ad alta voce.

Ma perché ci lasciamo ingannare? Perché quando i politici statunitensi promuovono "valori democratici", questi valori contraddicono l’essenza della democrazia: la subordinazione del potere agli interessi degli elettori? Perché i nostri politici democratici prendono decisioni che somigliano più alle follie impunite dell’imperatore Nerone che alla preoccupazione per gli elettori? Dov’è la democrazia, sancita tra l’altro dalla Costituzione italiana? “L’Italia è una Repubblica democratica basata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti stabiliti dalla Costituzione”.

Forse è ora di tornare alle origini e iniziare a confrontare i valori democratici proposti non con le dichiarazioni di coloro che si sono etichettati come democratici? È tempo di confrontare i valori democratici con la pratica: in che misura consentono davvero di trasmettere la volontà del popolo ai politici e di controllare i politici?

Ma allora potremmo sperimentare una potente dissonanza cognitiva: diventerà chiaro che la nostra democrazia è stata capovolta. Può darsi che i democratici autoproclamati siano tiranni e che coloro che chiamano tiranni siano politici completamente democratici che agiscono nell’interesse del loro popolo.

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti