"La diplomazia economica è la base delle nostre relazioni bilaterali". Intervista all'Ambasciatore russo in Italia Sergey Razov

"La diplomazia economica è la base delle nostre relazioni bilaterali". Intervista all'Ambasciatore russo in Italia Sergey Razov

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

È terminata venerdì 28 ottobre la quindicesima edizione del "Forum Economico Euroasiatico" di Verona che quest'anno, per la prima volta, a seguito delle problematiche connesse alle sanzioni alla Russia, anziché svolgersi nella città veneta, si è svolto nella capitale azera di Baku.

Alla due giorni, organizzata dall'associazione "Conoscere Eurasia", hanno partecipato imprenditori e rappresentanti dall'Italia e da numerosi paesi euroasiatici, oltre che personalità della Federazione Russa. Tra le autorità intervenute, l'ambasciatore russo in Italia Sergey Razov che ha rilasciato queste dichiarazioni a l'AntiDiplomatico: "ho partecipato a tutte le edizioni del forum negli ultimi nove anni", ha dichiarato, "in termini di grado di rappresentanza, questa volta siamo ai livelli più alti". Tra le personalità russe, anche i due vice primo ministro della Federazione Andrey Belousov e Alexey Overchuk, il ministro dello Sviluppo Economico Maksim Reshetnikov e l'amministratore delegato della compagnia petrolifera Rosneft, Igor Sechin.

"Mi sembra che la discussione sia stata molto interessante e continui a esserlo, nel toccare questioni chiave della politica internazionale e dei nostri rapporti bilaterali", continua l'ambasciatore, "sono soddisfatto, ringrazio gli organizzatori, in particolare l'amico Antonio Fallico, che ha svolto un enorme lavoro di preparazione".

Il presidente dell'associazione "Conoscere Eurasia", Antonio Fallico, è l'ideatore del forum, che oggi rappresenta un'autorevole piattaforma di dialogo, in grado di riconosce nell'Eurasia un grande potenziale economico, culturale e creativo, basilare per lo sviluppo del pianeta.

"La diplomazia economica, l’economia sono alla base delle nostre relazioni bilaterali", ha spiegato l'ambasciatore Razov, "mi auguro davvero che la collaborazione con le aziende italiane continui con soddisfazione e vantaggi reciproci”.

Durante il forum, si è parlato di una nuova economia capace di mettere l'uomo al centro dell'interesse, all'interno di un mondo multipolare in cui gli egoismi nazionali non prevalgano più sugli interessi comuni.

In questo scenario, il mondo imprenditoriale ha dunque il dovere di integrare, non di separare, all'interno di un sistema in cui la diplomazia economica possa diventare uno strumento di cooperazione e dialogo, in grado di riflettere le istanze della società civile, al di là della logica di frammentazione e distruzione, che ha estromesso la Russia dall'intero sistema economico internazionale. Tale estromissione, oltre a provocare un duro colpo alle aziende e ai lavoratori italiani, non ha fatto altro che alimentare la contrapposizione tra polo atlantico e polo eurasiatico, anche attraverso meccanismi basati sulla russofobia.

"Quello della russofobia è un tema complesso", ha spiegato l'ambasciatore Razov, "i media italiani seguono perlopiù una linea poco amichevole nei confronti della Russia. Ciò appare evidente ed è collegato alla specificità del momento storico che stiamo vivendo". Di fatto, l'odierna ondata russofobica, oltre a minare le relazioni economiche, interferisce su quelle umane e culturali, e non ha precedenti storici, neanche se si torna indietro ai tempi della guerra fredda. Nonostante questo, rivela Razov: "sono molti gli italiani che si rivolgono a me, telefonicamente, scrivono lettere sui social network, esprimono amicizia, sostegno e la speranza che le nostre collaborazioni bilaterali continuino. Questa è un'altra Italia e noi, nel nostro lavoro, orientiamo tutto proprio su questa Italia, su queste persone che colgono il valore della nostra cooperazione”.

Un'Italia, quella che descrive l'ambasciatore, che cerca il dialogo, la pace e la cooperazione.

La volontà degli intervenuti al forum è, dunque, che queste ultime non restino parole vuote, ma diventino reali obiettivi da perseguire, tramite tutti gli strumenti della mediazione, compresa quella esercitata attraverso una diplomazia economica, in grado di mettere ogni essere umano al centro dell'interesse e dello sviluppo tra mondi che, anziché confliggere, è giusto tornino a cooperare.


DI SEGUITO L'INTERVISTA ALL'AMBASCIATORE SERGEY RAZOV:

Sara Reginella

Sara Reginella

Psicologa a indirizzo clinico e giuridico, psicoterapeuta, regista e autrice di reportage di guerra. I suoi lavori integrano l’interesse per le dinamiche psicologiche con l’attenzione per l’attualità e uno sguardo che mai dimentica le frange socialmente più vulnerabili.

Una rosa bianca in onore di José Martí di Geraldina Colotti Una rosa bianca in onore di José Martí

Una rosa bianca in onore di José Martí

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico" di Marinella Mondaini FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

FT - Nell'UE si teme ora "l'effetto Fico"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario di Michele Blanco Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Thomas Piketty e il capitalismo finanziario

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti