La Francia invia Legione Straniera nello Yemen per pompare gas in Europa

La Francia invia Legione Straniera nello Yemen per pompare gas in Europa

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Per rifornire l’Europa di gas, dopo aver rinunciato a quello russo perché Mosca ha invaso l’Ucraina, seguendo i dettami dei media e dei governi occidentali, cosa fa la Francia di Macron? Resuscita la Legione Straniera per un’operazione in un’altra nazione, lo Yemen, e fornire gas a tutta l’Europa, con un’operazione del più antico e becero imperialismo ottocentesco.

Il governo di salvezza nazionale (NSG) nello Yemen ha, quindi, lanciato l’allarme per quella che ha definito attività "sospette" da parte delle truppe statunitensi e francesi di stanza a sud del paese dilaniato dalla guerra.

La discussione si è svolta durante una sessione parlamentare tenuta da funzionari dell'NSG il 17 agosto.

L'attività sospetta citata dall'NSG si riferisce ad una rivelazione fatta dall'ex ministro degli Esteri dello Yemen, Abu Bakr al-Qirbi, il quale ha affermato che la Legione straniera francese, una forza militare composta da cittadini stranieri, è arrivata nella provincia di Shabwah nello Yemen per assicurarsi il controllo dell’impianto del gas di Balhaf.

L'ex ministro ha spiegato che i francesi "hanno in corso preparativi per esportare gas dall'impianto di Balhaf ... alla luce dell'aumento dei prezzi internazionali del gas" e nel tentativo di ridurre la dipendenza dell'Europa dal carburante russo nel mezzo della crisi energetica globale esacerbata dal conflitto in Ucraina.

Al-Qirbi ha anche suggerito che la mossa francese "potrebbe essere la ragione degli eventi nello Shabwah", riferendosi ai recenti scontri tra gruppi mercenari sostenuti dagli Emirati Arabi Uniti e forze del Partito Islah affiliate ai Fratelli Musulmani e al President Leadership Council (PLC) sostenuto dai sauditi.

 

A luglio, Parigi e Abu Dhabi hanno firmato un accordo di cooperazione energetica per la produzione congiunta di gas naturale liquefatto (GNL).

Secondo varie pubblicazione dall'inizio dell'anno, la cooperazione energetica tra i due paesi mira a garantire il controllo sulle risorse di gas yemenite attraverso l'impianto di Balhaf, che è di proprietà della multinazionale francese di petrolio e gas TotalEnergies SE.

Al-Qirbi ha osservato che il recente arrivo delle forze francesi nell'area ha lo scopo di "fornire protezione alla struttura".

La Francia è stata recentemente esaminata per il suo coinvolgimento nella brutale guerra guidata dai sauditi contro lo Yemen.

Il 2 giugno, una serie di gruppi per i diritti umani ha annunciato di aver intentato una causa in un tribunale di Parigi contro tre società produttrici di armi francesi, sostenendo che erano complici di crimini di guerra commessi in Yemen per la vendita di armi all'Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti.

Il popolo yemenita ha chiesto il ritiro di tutte le forze straniere che occupano illegalmente nel paese, comprese le truppe militari statunitensi recentemente schierate , che sono lì con il pretesto di combattere il terrorismo e aiutare la coalizione.

Secondo Abdulaziz Saleh bin Habtoor, primo ministro yemenita, le recenti operazioni di saccheggio condotte dalla coalizione a guida saudita sono avvenute secondo le direttive statunitensi, come parte di un piano di Washington per assicurarsi il controllo del petrolio yemenita attraverso i suoi alleati del Golfo.

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti