"La Francia non rispetterà le norme del Fiscal Compact". Brigitte Granville

"La Francia non rispetterà le norme del Fiscal Compact". Brigitte Granville

"Presto Berlino scoprirà il bluff di Parigi"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
Nel suo intervento per la Conferenza "Un'Europa senza euro" tenutosi a Roma sabato 12 aprile, l'economista francese Brigitte Granville ha affermato come la crisi della zona euro non vedrà una soluzione attraverso la cooperazione franco-tedesca e presto Berlino scoprirà il bluff della Francia.


 
Con l'Unione monetaria, spiega l'economista, Parigi voleva storicamente avere il controllo della poltica monetaria e della forza economica tedesca, promuovendo gli interessi francesi a livello mondiale ed eguagliando il peso degli Stati Uniti d'America. "Non ho dubbi che ci sia stato un forte impegno dell'élite francese all'Unione monetaria, ma questo non significa che sia pronta a sostenere dei costi", sostiene Granville. La Francia non pianifica, infatti, dei sacrifici e l'impegno si basa su una serie di anticipi dei benefici che i politici francesi vogliono ottenere a spesa zero. Cosa può succedere se ci sarà un giorno un costo  da sostenere per restare all'interno dell'unione monetaria con la Germania?, domanda Granville.
 
E' quello che le élite francesi si stanno chiedendo ora che si avvicina l'applicazione del Fiscal Compact. Le norme fiscali, sostiene Granville, non verranno rispettate dalla Francia. E il motivo è che Parigi non deve farlo. Si tratta di una teoria economica molto semplice, quella del free rider, che è un atteggiamento insito e intrinseco che nasce da un'asimmetria: le riforme sono a beneficio delle élite monetarie e i costi sono solo a livello dei governi nazionali. Le tasse e la disoccupazione sono  entrambi gli incentivi bassi a rispettare il Fiscal Compact. Il governo non può fare alcun trade-off e potrebbe rispettare il Fiscal Compact solo aumentando le tasse, il che creerebbe una fortissima protesta pubblica cui il governo non è pronto e che porterebbe alla perdita del potere per il presidente Hollande. 


 
Le norme fiscali dell'Ume sono stati concepiti per evitare il free-riding, ma Parigi lo è di fatto perché - come si è detto per alcune banche americane nella crisi finanziaria - è "troppo grande per fallire". La migliore strategia del governo francese, per questo, è quella di non rispettare le norme fiscali e la Germania ha troppo timore di spingerla a fare.
 
Ma anche in relazione ai vincoli monetari, la Francia vorrebbe essere free rider per prendere possesso della Bce. Questo è divenuto possibile dopo l'annuncio di Draghi dell'Omt e la possibilità che possa essere azionato anche per le obbligazioni francesi. Il problema è che con l'Omt le elite francesi sarebbero dipendenti da un programma della troika simile a quelle imposte a paesi sotto salvataggio come Grecia e Portogallo. Ma questo inficerebbe su disoccupazione e reddito e non è accettabile per l'élite del paese per i stessi motivi del Fiscal Compact e quindi la Francia sfrutterebbe il suo essere "too big to fail" per non applicarle. Parigi può oggi rifinanziare il suo debito al momento e non ha bisogno dell'OMT - anche se con un deficit al 4,4%, con il 93,5% di debito e una crescita del Pil allo 0% la situazione resta molto complessa. Se i tassi d'interesse globali dovessero crescere per la politica di stabilizzazione della Fed, il debito francese inizierebbe a divenire insostenibile.
 
Ma il governo francese sarebbe free rider per evitare le condizioni di bailout attraverso l'Omt. Come reagirebbe a quel punto Berlino? Ha tre alternative, conclude Granville: o costringere la Francia ad adattarsi, o dare concessioni a Parigi ma che sarebbero impugnabili dalla Corte costituzionale; o, infine, arrendersi. Nei primi due casi le élite francesi inizieranno a parlare di smantellare la zona euro e "sarebbe la fine della moneta unica e io festeggerei con voi".

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti