La Freedom Flotilla salperà per Gaza?

La Freedom Flotilla salperà per Gaza?

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

di Medea Benjamin*ConsortiumNews

L'addestramento alla nonviolenza per unirsi alle navi della Freedom Flotilla Coalition dirette a Gaza è stato intenso. Mentre centinaia di noi, provenienti da 32 Paesi, si riunivano a Istanbul, siamo stati informati su ciò che avremmo potuto incontrare in questo viaggio. “Dobbiamo essere pronti per ogni eventualità”, hanno insistito i nostri istruttori.

Lo scenario migliore, hanno spiegato, è che le nostre tre navi - una che trasporta 5500 tonnellate di aiuti umanitari e due che trasportano i passeggeri - raggiungano Gaza e portino a termine la nostra missione.

Un altro scenario è che il governo turco possa cedere alle pressioni di Israele, Stati Uniti e Germania e impedire alle navi di lasciare Istanbul. È successo nel 2011, quando il governo greco ha ceduto alle pressioni e 10 imbarcazioni sono rimaste bloccate in Grecia.

 

Con le nostre imbarcazioni attraccate oggi a Istanbul, temiamo che il presidente turco Erdogan, che ha recentemente subito un duro colpo alle elezioni locali, sia vulnerabile a qualsiasi ricatto economico che le potenze occidentali potrebbero mettere in atto.

Un'altra possibilità è che le navi partano ma che gli israeliani le dirottino illegalmente in acque internazionali, confischino le nostre barche e le nostre provviste, ci arrestino, ci imprigionino e infine ci rimpatrino.

Questo è accaduto in molti altri viaggi verso Gaza, uno dei quali con conseguenze mortali.

Nel 2010, una flottiglia di sei imbarcazioni è stata fermata dall'esercito israeliano in acque internazionali. Hanno abbordato l'imbarcazione più grande, la Mavi Marmara. Secondo un rapporto delle Nazioni Unite, gli israeliani aprirono il fuoco con proiettili veri da un elicottero che si librava sopra la nave e da imbarcazioni di commando lungo il fianco della nave. In un'orribile dimostrazione di forza, nove passeggeri sono stati uccisi e un altro è poi deceduto per le ferite riportate.

Per cercare di evitare un altro incubo del genere, i potenziali passeggeri di questa flottiglia devono sottoporsi a un rigoroso addestramento.

Abbiamo visto un video di ciò che avremmo potuto affrontare - da gas lacrimogeni estremamente potenti a granate a percussione che fanno fischiare le orecchie - e ci è stato detto che i commando israeliani saranno armati con armi con proiettili veri. Poi ci siamo divisi in piccoli gruppi per discutere su come reagire al meglio, in modo non violento, a un simile attacco. Ci sediamo, ci alziamo o ci sdraiamo? Uniamo le braccia? Alziamo le mani in aria per dimostrare che siamo disarmati?

Uno sguardo su quello che potrebbe accadere

La parte più spaventosa dell'addestramento è stata una simulazione con assordanti boati di spari e granate a percussione e soldati mascherati che ci urlavano contro, ci colpivano con fucili simulati, ci trascinavano per terra e ci arrestavano.

È stato davvero preoccupante avere un'idea di ciò che ci avrebbe potuto attendere. Altrettanto preoccupanti sono i resoconti dei media israeliani che indicano che l'esercito israeliano ha iniziato i “preparativi di sicurezza”, compresi i piani per prendere il controllo della flottiglia.

Ecco perché tutti coloro che hanno aderito a questa missione meritano un enorme plauso.

Il gruppo più numeroso di passeggeri proviene dalla Turchia e molti sono affiliati al gruppo umanitario I.H.H., un'enorme ONG turca con 82 uffici in tutto il Paese. Ha lo status consultivo presso le Nazioni Unite e svolge attività di beneficenza in 115 Paesi. Attraverso I.H.H., milioni di sostenitori hanno donato denaro per acquistare e rifornire le navi. Israele, tuttavia, ha designato questa organizzazione benefica molto rispettata come gruppo terroristico.

Il secondo gruppo più numeroso proviene dalla Malesia e alcuni di loro sono affiliati a un altro gruppo umanitario molto grande, MyCARE.

 MyCARE, noto per l'aiuto in situazioni di emergenza come inondazioni e altri disastri naturali, ha contribuito con milioni di dollari in aiuti di emergenza a Gaza nel corso degli anni.

Dagli Stati Uniti, ci sono circa 35 partecipanti. A guidare il gruppo, e a essere la chiave della coalizione internazionale, è Ann Wright, 77 anni, colonnello dell'esercito statunitense in pensione e diplomatica del Dipartimento di Stato.

Dopo aver lasciato il Dipartimento di Stato per protesta contro l'invasione statunitense dell'Iraq, la Wright ha messo a frutto le sue capacità diplomatiche, aiutando a mettere insieme un gruppo eterogeneo di operatori internazionali.

La sua co-organizzatrice statunitense, Huwaida Arraf, avvocato palestinese-americano, è cofondatrice dell'International Solidarity Movement e si è candidata al Congresso nel 2022. Arraf è stata fondamentale per l'organizzazione delle prime flottiglie, iniziate nel 2008.

Finora ci sono stati circa 15 tentativi di raggiungere Gaza in barca, di cui solo cinque hanno avuto successo.

Indignazione e internazionalismo

L'incredibile varietà di partecipanti è evidente nelle nostre riunioni serali, dove si possono sentire gruppi di persone che chiacchierano in arabo, spagnolo, portoghese, malese, francese, italiano e inglese con accenti diversi, dall'australiano al gallese. L'età varia da studenti ventenni a un medico argentino di 86 anni.

Ciò che ci unisce è l'indignazione per il fatto che la comunità mondiale permetta questo genocidio a Gaza e il desiderio ardente di fare di più di quanto abbiamo fatto per impedire che la gente venga uccisa, mutilata e affamata.

Gli aiuti che stiamo portando sono enormi. Sono l'equivalente di oltre 100 camion. Ma questo non è l'unico scopo del viaggio. Arraf ha raccontato:

“Questa è una missione di aiuto per portare cibo alle persone affamate, ma i palestinesi non vogliono vivere di carità. Quindi, stiamo anche sfidando le politiche israeliane che li rendono dipendenti dagli aiuti. Stiamo cercando di rompere l'assedio”.

I feroci attacchi di Israele contro la popolazione di Gaza, il blocco delle consegne di aiuti e l'attacco alle organizzazioni umanitarie hanno alimentato un'enorme crisi umanitaria. L'uccisione di sette operatori della World Central Kitchen da parte delle forze israeliane, avvenuta il 1° aprile, ha messo in evidenza il contesto pericoloso in cui operano le agenzie di soccorso, che hanno costretto molte di esse a chiudere le loro attività.

Il governo statunitense sta costruendo un porto temporaneo per gli aiuti che dovrebbe essere terminato all'inizio di maggio, ma è lo stesso governo che fornisce armi e copertura diplomatica agli israeliani. E mentre il Presidente Biden esprime preoccupazione per le sofferenze dei palestinesi, ha sospeso gli aiuti all'UNRWA, la principale agenzia delle Nazioni Unite incaricata di aiutarli, dopo che Israele ha fatto affermazioni infondate secondo cui 12 dei suoi 13.000 dipendenti a Gaza hanno partecipato agli attacchi del 7 ottobre.

Data l'urgenza e il pericolo che questo momento presenta, la Freedom Flotilla Coalition sta entrando in acque agitate e inesplorate.

Stiamo chiedendo ai Paesi di tutto il mondo di fare pressione su Israele affinché ci consenta un “passaggio libero e sicuro” verso Gaza.

Negli Stati Uniti chiediamo l'aiuto del nostro Congresso, ma avendo appena approvato altri 26 miliardi di dollari per Israele, non possiamo contare sul loro sostegno.

E anche se i nostri governi facessero pressione su Israele, Israele presterebbe attenzione? La loro sfida al diritto internazionale e all'opinione pubblica mondiale negli ultimi sette mesi indica il contrario. Ma, nonostante ciò, andremo avanti.

Il popolo di Gaza è il vento nelle nostre vele. La libertà per la Palestina è la nostra stella polare. Siamo determinati a raggiungere Gaza con cibo, medicinali e, soprattutto, con la nostra solidarietà e il nostro amore.

*Cofondatrice di CODEPINK for Peace e autrice di diversi libri, tra cui Inside Iran: The Real History and Politics of the Islamic Republic of Iran.

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

 COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA di Leonardo Sinigaglia  COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

COSA PREVEDE LA RIFORMA DELLA LEGGE SOCIETARIA IN CINA

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington? di Giacomo Gabellini Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

Armi ad Israele: a che gioco sta giocando Washington?

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!" di Marinella Mondaini L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'UE e quel "lei deve stare molto attento!"

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

La violenza del capitale di Giuseppe Giannini La violenza del capitale

La violenza del capitale

Toti e quei reati "a fin di bene" di Antonio Di Siena Toti e quei reati "a fin di bene"

Toti e quei reati "a fin di bene"

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti di Gilberto Trombetta Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Mercato "libero" e vincolo interno: uno studio di Assoutenti

Il mio messaggio a Bengasi di Michelangelo Severgnini Il mio messaggio a Bengasi

Il mio messaggio a Bengasi

Gli ultimi dati del commercio estero cinese di Pasquale Cicalese Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Gli ultimi dati del commercio estero cinese

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa di Giuseppe Masala Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

Escalation nucleare possibile? Cosa rischia l'Europa

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard di Paolo Arigotti Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Gaza (e Cisgiordania), tra massacri e doppi standard

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti