La guerra dei tubi del Gas nel Quadrante Est

La guerra dei tubi del Gas nel Quadrante Est

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


di Giuseppe Masala per l'AntiDiplomatico

 

Come ci è già capitato sovente di dire, i conflitti contemporanei ben difficilmente sono combattuti con l'obbiettivo di annientare l'avversario, questo  soprattutto se si tratta di conflitti tra grandi potenze. In realtà, nei conflitti contemporanei le potenze in lotta hanno tutta una gamma di obbiettivi – posti spesso su diversi piani – che possono essere raggiunti in tutto o in parte, sia durante il conflitto vero e proprio che nelle successive ed inevitabili trattative di pace.


Immagine 1: Quadrante Est comprensivo del Sub-quadrante caucasico
(Armenia-Azerbaijan e Georgia) e del sub-quadrante mediorientale.

Certamente nell'ambito dei conflitti esplosi nel Quadrante Est - ovvero quella vasta area che va dal Caucaso, scende all'Iran e alla Turchia per poi abbracciare il Golfo persico e la penisola arabica da una parte e la Siria, il Libano la Giordania e Israele dall'altra - vale la pena soffermarsi sulla guerra dei tubi del gas e sulla più generale guerra delle rotte energetiche. Certamente questa particolare angolazione non spiega tutto ciò che sta accadendo su questo quadrante e, più in generale, sullo scontro tra le tre superpotenze (USA, Russia e Cina) ma aiuta certamente a cogliere alcuni degli obbiettivi parziali del conflitto in corso.

 

Caucaso Meridionale

Nella vasta area che abbiamo definito Quadrante Est certamente è molto rilevante la sotto-area del Caucaso meridionale che comprende tre paesi ex sovietici: l'Armenia, l'Azerbaijan e la Georgia. In quest'area come certamente il lettore sa, vi è in corso un conflitto aperto tra Armenia e Azerbaijan per il controllo della regione del Nagorno-Karabakh, area storicamente popolata da armeni (e dunque cattolici) ma ricompresa formalmente nel territorio dell'etnicamente islamico e turcofono Azerbaijan. Già con il crollo dell'Unione Sovietica e la nascita di questi due stati indipendenti si sono verificati conflitti armati che hanno portato il cristiano Nagorno-Karabakh a proclamarsi stato indipendente. Una situazione questa, che è andata avanti fino al 19 Settembre di di quest'anno quando l'Azerbaijan, diventato ricchissimo grazie alla vendita di gas e petrolio e super armato da potenti alleati (Turchia e Israele), è passato all'offensiva sbaragliando le truppe dello stato secessioniste del Nagorno-Karabakh fino alla sua completa capitolazione avvenuta pochi giorni dopo l'inizio delle operazioni. Attualmente questo conflitto sembra vivere una fase di stanca dove, tuttavia, la brace cova sotto la cenere. Infatti si parla di un possibile ulteriore conflitto tra Azerbaijan e Armenia per il cosiddetto corridoio di Zangezur (altrimenti noto come corridoio di Nakhchivan); si tratta di una lingua di terra sotto la sovranità dell'Armenia ma che se passasse sotto il controllo diretto dell'Azerbaijan consentirebbe di collegare direttamente al paese anche l'exclave  che dovrebbe collegare l'Azerbaijan alla Repubblica autonoma di Nakhchivan, che è sempre territorio azero ma che è fisicamente distaccato dalla madrepatria. Inutile dire che per l'Azerbaijan il corridoio di Zangezur è ulteriormente strategico per il fatto che congiungerebbe direttamente il paese con il suo più potente alleato: la Turchia di Erdogan.

 

Immagine 2: Area dell'Armenia e dell'Azerbaijan comprendente le zone contese del Nagorno-Karabakh e del corridoio di Zangezur

 

Alzando lo sguardo dal conflitto azero-armeno vediamo che nel sub-quadrante caucasico vi è un altro paese dove il fuoco cova sotto la cenere. Si tratta di quella Georgia che nel 2008 ebbe un conflitto aperto con la Russia, suo potentissimo vicino. Si trattò di un breve conflitto, durato appena cinque giorni, da cui la guerra è denominata oltre che guerra russo-georgiana – appunto - anche “Guerra dei cinque giorni”. La causa del conflitto – come al solito nello spazio ex sovietico – è stata la presenza di due regioni filorusse e russofone: l'Abkazia e l'Ossezia del Sud, entrambe facenti parte della Georgia ma desiderose di indipendenza se non direttamente di annessione da parte di Mosca. Senza poter proporre l'esegesi delle ragioni e dei torti dei contendenti e senza ripercorrere tutte le fasi del conflitto per le ovvie ragioni dei limiti di questa trattazione, al momento, la situazione è che le due regioni sono de facto indipendenti e sotto la diretta tutela di Mosca e delle sue forze armate. E' di qualche settimana fa la notizia, direi emblematica, della prossima apertura di una base navale permanente russa nella regione secessionista dell'Abkazia. Segno evidente che anche in questo paese ci si attende una possibile deflagrazione di una nuova guerra.

 

Immagine 3: Georgia con le due regioni filorusse ribelli dell'Ossezia del Sud e dell'Abkazia.

 

Sul perché questo specifico sub-quadrante caucasico sia così importante dal punto di vista della cosiddetta guerra dei tubi del gas è presto spiegato. L'Azerbaijan è un colosso dell'energia che commercia sia gas che petrolio estratto soprattutto dall'area del Mar Caspio di sua competenza per lo sfruttamento energetico. Questo specifico flusso di gas è – oserei dire – vitale per l'intera Europa. A maggior ragione dopo la demolizione del gasdotto North Stream che portava il gas dalla Russia alla Germania (e da qui all'Europa intera) passando sotto il Baltico; per non parlare poi dell'ormai quasi certo blocco del gas russo verso l'Europa attraverso i gasdotti ucraini visto che anche il presidente della azienda ucraina Naftogaz, Alexey Chernyshov, ha dichiarato che l'accordo di transito del gas russo (in scadenza nel 2024) non verrà rinnovato, cosa che ovviamente comporterà il blocco completo del  flusso.

Dunque il gas azero è sempre più vitale e importante per l'Europa, soprattutto in considerazione del fatto che fluisce in abbondanza (e a buon mercato) attraverso un gasdotto, il Trans-Adriatico (Trans Adriatic Pipeline), il quale a sua volta si riconnette al gasdotto turco Transanatolico (TANAP) che a sua volta si riconnette al gasdotto sud-caucasico (SCP) che  parte dai giacimenti azeri e che passa attraverso la Georgia per arrivare in Turchia. Dunque una colossale opera che complessivamente parte in Azerbaijan, continua in Armenia, attraversa l'Anatolia e infine arriva prima in Grecia, poi in Albania e qui attraversa l'Adriatico arrivando finalmente in Italia con i suoi preziosissimi 10 miliardi di metri cubi di gas all'anno. Oro per un'Europa ormai affamata di energia.

Immagine 4: i gasdotti Trans-Adriatico, Trans-Anatolico e Sud-Caucasico che portano il gas azero in Italia e in Europa.

 

E' chiaro che una nuova esplosione dei due conflitti del sud Caucaso (quello Azero-Armeno e quello Russo-Georgiano) metterebbe in pericolo anche questa fondamentale fonte di approvvigionamento energetico per l'Europa. Cosa questa che sanno benissimo sia i russi, che gli americani e ovviamente i turchi sempre bravissimi a trarre ogni vantaggio possibile da qualsiasi arma di ricatto utilizzabile contro l'Europa; fate memoria su come Erdogan - il nuovo Sultano della Sublime Porta - ricattò l'Europa sulla gestione dei flussi di profughi provenienti dalla Siria in guerra.

Concluderemo questa analisi sulla guerra dei tubi del gas con un ulteriore articolo sul sub-quadrante mediorientale anche esso in forte fibrillazione e anche esso di importanza fondamentale per la sicurezza energetica europea (ma questa volta anche per quella cinese). Ma possiamo già anticipare che l'arco di crisi che parte in Ucraina, continua nel Mar Nero, si dirama a est verso il Caucaso meridionale e a sud verso tutto il Medio Oriente fino al Sinai assume sempre di più – se visto dal punto di vista energetico – come una guerra contro l'Europa che rischia di rimanere con l'energia al lumicino e con ciò a forte rischio di desertificazione industriale. Cosa questa ben notata proprio in questi giorni dall'ex Presidente russo Dmitry Medved che in un post su Vkontakte ha commentato: "Gli Stati Uniti approfittano della difficile situazione in Europa per avviare la reindustrializzazione a spese degli altri. Un altro conflitto nel Vecchio Mondo rappresenta un'eccellente opportunità per rilanciare l'economia americana sia attraverso il tradizionale complesso militare-industriale che attraverso le nuove industrie high-tech provenienti dall'Europa. Le aziende europee, colpite dai prezzi del gas e di altre materie prime, stanno spostando le loro operazioni all’estero. Gli Stati Uniti si stanno reindustrializzando con l’aiuto esterno, e i paesi europei più forti stanno attraversando una fase di stagnazione e deindustrializzazione”.

Parole emblematiche e molto significative.

Giuseppe Masala

Giuseppe Masala

Giuseppe  Masala, nasce in Sardegna nel 25 Avanti Google, si laurea in economia e  si specializza in "finanza etica". Coltiva due passioni, il linguaggio  Python e la  Letteratura.  Ha pubblicato il romanzo (che nelle sue ambizioni dovrebbe  essere il primo di una trilogia), "Una semplice formalità" vincitore  della terza edizione del premio letterario "Città di Dolianova" e  pubblicato anche in Francia con il titolo "Une simple formalité" e un  racconto "Therachia, breve storia di una parola infame" pubblicato in  una raccolta da Historica Edizioni. Si dichiara cybermarxista ma come  Leonardo Sciascia crede che "Non c’è fuga, da Dio; non è possibile.  L’esodo da Dio è una marcia verso Dio”.

 

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La tigre di carta è nuda di Clara Statello La tigre di carta è nuda

La tigre di carta è nuda

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi di Pasquale Cicalese Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Il salto tecnologico della Cina e il QE (di guerra) di Draghi

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti