La lotta dei portuali di Genova. Romeo Pellicciari: “Sta bollendo tanto in pentola se l'obbligo di Green Pass non verrà tolto”

La lotta dei portuali di Genova. Romeo Pellicciari: “Sta bollendo tanto in pentola se l'obbligo di Green Pass non verrà tolto”

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Il porto di Genova, insieme a quello di Trieste, è in queste ore al centro del dibattito per la straordinaria mobilitazione dei lavoratori che sta facendo scricchiolare tutta la malefica impalcatura del governo Draghi intorno al Green Pass. Dopo aver intervistato Stefano Puzzer del coordinamento autonomo del Porto di Trieste, l’AntiDiplomatico oggi intervista Romeo Pellicciari (del coordinamento autonomo del Porto di Genova)

 

Dinanzi la pessima figura del Viminale che con una circolare “raccomandava” tamponi gratuiti ma solo per i lavoratori portuali, Puzzer aveva detto parole chiare di come a Trieste la lotta proseguirà fino all'eliminazione completa “del criminale Green Pass”.

 

Anche a Genova i lavoratori hanno le idee chiare, a dimostrazione di come la lotta di classe non passa più dalle forme tradizionali della politica e del conflitto - passati nella quasi totalità dalla parte del capitale transnazionale - ma da queste parole.

 

“Noi stiamo chiedendo che venga dato l'accesso gratuito al tampone a tutti i lavoratori indistintamente. Altrimenti sarebbe una inaccettabile selezione di classe non tollerabile.”, precisa subito Pellicciari.

 

“Di preciso non so le azioni che verranno fatte, ma di sicuro sta bollendo tanto in pentola se quest’obbligo di Green Pass non verrà tolto. Viviamo il Green Pass come un’ulteriore categoria di vessazione per chi va a lavorare e parlando delle nostre categorie – non solo quelle portuali - che durante la pandemia hanno lavorato H24 senza mai fermarsi”, prosegue.

 

I lavoratori portuali di Genova si sono sempre contraddistinti per azioni di una grande coscienza di classe e solidarietà internazionalista. “Noi per assurdo siamo quelli che portiamo alto la coscienza. Abbiamo dato manforte a tutti i movimenti pacifisti, antimilitaristi. Siamo quelli che hanno lottato contro i movimenti fascisti, abbiamo fatto rovesciare un governo nei famosi patti del 30 giugno. Abbiamo una grossa coscienza e non vogliamo essere le mani di ulteriore sangue nel mondo”.

 

Abbiamo chiesto come a Puzzer anche a Pellicciari se crede che da queste lotte possa emergere una nuova solidarietà tra lavoratori in grado di creare una nuova forma di organizzazione in grado di ribaltare i fallimenti recenti di chi è passato armi e bagagli dalla parte del nemico della lotta di classe. E anche qui parole molte chiare: “Noi come collettivo del Porto di Genova stiamo costruendo una rete tra tutti i lavoratori del porto. Abbiamo lasciato la Cgil per aderire all’Usb e così abbiamo contatti con realtà come la GKN con cui condividiamo le lotte e creando una rete fondamentale per gestire la rinascita della classe operaia. Finalmente!”

 

Qui l'intera intervista:

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO di Giorgio Cremaschi 28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

28 maggio, Strage di Brescia: il silenzio omertoso sulla NATO

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'" di Marinella Mondaini Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Le onorificenze ai russi, Di Maio e l'"indegnita'"

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Buoni a nulla di Alberto Fazolo Buoni a nulla

Buoni a nulla

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda di Giuseppe Masala "Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

"Crisi ucraina": perché Rosa Luxemburg tornerà di moda

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi di Damiano Mazzotti Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Deep State. Lo Stato più profondo e i governi più pericolosi

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire di Antonio Di Siena Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

Contrordine compagni. Putin non è più sul punto di morire

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA di Gilberto Trombetta VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

VINCOLO ESTERNO VS SOVRANITÀ: LA BATTAGLIA DI UNA VITA

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo di Michelangelo Severgnini Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo

Armi puntate su Tripoli: la Libia sull'orlo