La Musica del Mondo Multipolare - Introduzione

La Musica del Mondo Multipolare - Introduzione

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Note e riflessioni di Nora Hoppe

Il pensiero di un possibile nuovo mondo, multipolare, in cui le civiltà, le culture e le spiritualità sovrane possano di nuovo prosperare e svilupparsi ulteriormente – ognuna con le proprie caratteristiche e attribuzioni particolari, formatesi nel corso del tempo – porta con sé serie considerazioni sul "terreno" delle fondamenta in cui rimarranno o dovranno essere incorporate. Abbiamo bisogno di un terreno fertile... che possa recuperare i suoi nutrienti dal passato, perché nulla può svilupparsi senza radici.

Ma non siamo ancora a quel punto. Stiamo ancora attraversando un "tunnel buio" e i nostri motori per questo viaggio funzionano con speranza e determinazione. Abbiamo bisogno di nutrimento per questo passaggio da un mondo morente a un nuovo mondo sconosciuto che sta ancora lottando per nascere.

In vista del nutrimento necessario per un futuro mondo migliore e per il nostro nutrimento attuale – per essere in grado di affrontare il nostro "tunnel buio", vorrei presentare una selezione limitata di generi musicali specifici di tutto il mondo che sono cresciuti dalla povertà e dall'oppressione (dalla schiavitù, dal razzismo, dal colonialismo, dall'alienazione) o che semplicemente esprimono uno struggimento o malinconia per l'effimero della vita... e la cui altra caratteristica comune è LA VOCE come componente principale. Alcuni esempi sono: il Blues (USA), il Rebetiko (Grecia-Anatolia), il Kroncong (Indonesia), i Canti di Lavoro e Lamenti russi, il Fado (Portogallo), il Gharibi (Tagikistan), la Morna (Capo Verde)... Tutti questi generi si possono senz'altro trovare su Internet – ma sono le loro associazioni e la loro giustapposizione l'una all'altra che giocano un ruolo qui... Sono una manciata di tessere in un mosaico più ampio della "musica del popolo" in tutto il mondo che anela alla sopravvivenza e alla trascendenza.

Questi generi selezionati comportano canzoni di struggimento, di lotta e di passione; la voce qui è il veicolo di una grande effusione – che trasmette, allo stesso tempo, una sofferenza interiore o una pensosità nostalgica, una volontà di superare le avversità e infine – anche in una nota malinconica – una celebrazione della vita.

Le canzoni non solo riflettono il dolore e le passioni dei musicisti e dei cantanti, ma raggiungono sentimenti simili in altri che possono non far parte di questo gruppo, ma che possono godere (o essere colpiti) da questa musica per ragioni umane universali, creando ponti emotivi e parentele... e finendo così per rompere le barriere dell'isolamento, dell'alienazione e dell'esclusione.

Descrivendo le crudeltà fisiche del sistema schiavistico, Frederick Douglass affermò che le parole non erano all'altezza del compito. Invece, i canti degli schiavi erano "come lacrime... un sollievo per i cuori doloranti... perché il cuore non ha un linguaggio come il canto".

Oggi – nonostante alcune benedette eccezioni spesso isolate – questi tipi di musica, con i frequenti contesti informali delle loro esibizioni e il loro immediato impatto spirituale ed empatico, sono scomparsi o sono stati sostituiti da copie spesso commerciali e pacchiane per l'intrattenimento turistico – ovunque sul pianeta.

La scomparsa o l'affievolimento di quest'arte (insieme ad altre arti) in gran parte del mondo è principalmente dovuta a fattori quali: l'avvento della televisione (che rende le persone costrette in casa e quindi isolate), l'industria musicale sempre più orientata al profitto, il rapido avanzamento e la proliferazione delle tecnologie dei mezzi di comunicazione di massa, un mercato guidato dal neoliberismo che cerca il controllo sulla cultura, l'alienazione della società, un generale malessere sociale di distacco dal resto dell'umanità...

Poi c'è il fattore dell'accelerazione della nostra vita quotidiana... Siamo come criceti che corrono su una ruota. Il capitalismo, alla costante ricerca di profitti sempre maggiori, richiede nuovi materiali, nuovi prodotti e nuovi mercati per nuovi beni. Ciò che esisteva prima viene rimescolato, riprodotto meccanicamente e venduto come "nuovo" o almeno come "remake migliorato" molte volte. "Cose nuove, più grandi e migliori" devono essere costantemente sfornate sui nastri trasportatori.

Oggi, gran parte della musica pop è creata dai computer a partire da algoritmi digitali. L'obiettivo dell'automazione della musica pop è quello di produrre flussi costanti di successi redditizi per le classifiche pop e di creare superstar. Sembra che l'intelligenza artificiale sia ora in grado di comporre musica pop e persino sinfonie.

È questa la direzione che sta prendendo la nostra cultura? Stiamo accettando una civiltà transumanista?

Guardando i filmati di storici spettacoli di musica popolare in ambienti intimi ci si chiede come sia stato possibile che noi esseri umani, vivi oggi, abbiamo permesso questo declino. Siamo stati evidentemente troppo disattenti, troppo negligenti, troppo passivi – non solo in relazione alla graduale scomparsa delle nostre arti, ma anche ignari dei nostri bisogni spirituali di ispirazione e di empatia collettiva verso l'altro.

Data la frammentazione della società e le turbolenze e i disordini globali nelle nostre vite di oggi che ci hanno fatto perdere il nostro orientamento in questo mondo, si potrebbe pensare che avremmo più che mai bisogno di queste esperienze comunitarie con i nostri simili. Ma non possiamo forzare l'esistenza di queste forme culturali o imporre la loro rinascita. Devono evolversi naturalmente... Perché ciò accada, la gente deve prima prendere coscienza dell'imminente perdita e assenza delle nostre arti e tradizioni. Forse allora, e solo allora, alcuni potranno uscire dalle loro tane, spegnere i telefonini e incontrarsi di nuovo con altri in qualche modesto luogo di ritrovo, come un campo o una taverna, per partecipare a una qualche forma di rituale edificante e unificante che coinvolga la musica...

"I believe my music is the healin’ music. (...) I believe my music can make the blind see, the lame walk, the deaf and dumb hear and talk, because it inspires and uplifts people. (...) It uplifts the soul, you see everybody’s movin’, they’re happy, it regenerates the heart and makes the liver quiver, the bladder spatter, the knees freeze." – Little Richard

["Credo che la mia musica sia la musica che guarisce. (...) Credo che la mia musica possa far vedere i ciechi, far camminare gli zoppi, far sentire e parlare i sordi e i muti, perché ispira ed eleva le persone. (...) Solleva l'anima, vedi che tutti si muovono, sono felici, rigenera il cuore e fa fremere il fegato, schizzare la vescica, gelare le ginocchia". – Little Richard]

*   *   *   *   *

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti