La nuova legge sulla coscrizione. Cosa si nasconde dietro lo scontro (finale) tra Zelensky e Zaluzhny

La nuova legge sulla coscrizione. Cosa si nasconde dietro lo scontro (finale) tra Zelensky e Zaluzhny

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 



PICCOLE NOTE

 

“Il presidente dell’Ucraina Vladimir Zelensky licenzierà comunque il comandante in capo delle forze armate ucraine Valery Zaluzhny. Lo riporta il quotidiano Financial Times, citando fonti. Gli interlocutori della pubblicazione hanno confermato l’informazione secondo cui lunedì il presidente ha invitato il comandante in capo a dimettersi, offrendogli un nuovo incarico, ma il generale si è rifiutato.

Allo stesso tempo, Zelensky ha chiarito a Zaluzhny che, indipendentemente dal fatto che abbia accettato o meno questo nuovo ruolo, sarebbe stato licenziato”. Così Strana sintetizza quanto pubblicato dall’autorevole tabloid britannico.

La conferenza stampa di Zaluzhny 

La lotta di potere all’interno della leadership ucraina si fa incandescente. L’ala esoterica che fa capo al presidente si è infine mossa per eliminare dal tavolo la figura a cui fa riferimento la fazione più realista, che grazie a questo realismo ha evitato che il disastro inflitto alla nazione fosse più ancora devastante.

Lo scontro era noto da tempo (vedi Piccolenote) e da tempo andava avanti con alti e bassi. A quanto pare, è arrivato il tempo del redde rationem. L’occasione che ha fatto deflagrare lo scontro è stato il disegno di legge che modifica la coscrizione rendendola ancora più massiva.

La proposta di legge ha causato proteste generalizzate e il governo, vistosi assediato, ne ha scaricato la responsabilità sui militari, cioè su Zaluzhny.

Così questi, per la prima volta dall’inizio della guerra, ha convocato una conferenza stampa per difendersi, spiegando che l’esercito aveva fornito i “numeri” necessari alla prosecuzione della guerra, ma la responsabilità della legge era del governo, aggiungendo anche critiche puntuali alla norma (Strana).

Difesa che può apparire ambigua, ma Zaluzhny non poteva certo dire che spettava al governo cercare alternative a quella richiesta tanto inevitabile quanto impossibile da rispettare senza precipitare il Paese nell’abisso. E l’unica alternativa è quella di congelare la guerra e aprire trattative col nemico (è quanto aveva dichiarato implicitamente in un’intervista all’Economist, vedi Piccolenote).

Resta che, apparendo in una conferenza stampa su un tema tanto delicato e dicendo quel che ha detto, Zaluzhny si è mosso da politico. cosa che non poteva non irritare Zelensky che da tempo lo teme come un possibile successore.


La mossa di Zelensky e la guerra decennale

Detto questo, se Zelensky ha il potere formale di imporre a Zaluzhny di andarsene, non ha il potere reale per imporsi. In realtà, non l’ha avuto fino a questo momento, un passo tanto deciso implica che qualcosa negli sponsor internazionali dell’Ucraina è cambiato.

Probabile che i falchi angloamericani abbiano fatto pressioni perché si muovesse, assicurandogli che gli avrebbero coperto le spalle. Indicativo in tal senso è il fatto che la mossa di Zelensky arriva quando gli sponsor internazionali dell’Ucraina, dopo tante dilazioni, sembra che abbiano rotto gli indugi per iniziare a dar forma a una nuova strategia.

Ne abbiamo dato conto in una nota precedente, in cui spiegavamo che dopo mesi di perplessità causati dall’esaurimento dei finanziamenti Usa causati dal niet dei repubblicani al Congresso, i falchi hanno trovato una via alternativa.

Abbandonata l’idea irrealizzabile di portare l’Ucraina alla vittoria, si sono attestati sulla prospettiva di trasformare il conflitto in una guerra di logoramento decennale. Nel far questo hanno coinvolto diversi Paesi, impegnandoli a pianificare un sostegno di tale durata all’Ucraina. Il punto è trovare i soldi da qui alle presidenziali Usa, nella speranza di vincerle, eliminare la variabile Trump e rompere così l’attuale blocco finanziario (sempre che non riescano a romperlo prima).

Probabile che ciò implichi un più stretto controllo dell’Ucraina, da cui la smobilitazione di Zaluzhny, che ha dimostrato un’eccessiva riluttanza a obbedire agli ordini dei neocon Usa, come aveva evidenziato un lungo dossier del Washington Post dedicato al fallimento della controffensiva, addebitato appunto al Capo delle forze armate ucraine.

La leva di massa sprofonderà il paese in un nuovo abisso

Vedremo come evolverà la situazione, Zaluzhny è un osso duro e ha anch’esso rapporti con gli sponsor internazionali dell’Ucraina, quelli che hanno uno sguardo più realistico sul conflitto in corso. Inoltre, gode del sostegno dei suoi generali, a differenza di Zelensky…

In attesa di sviluppi, l’articolo di Strana succitato si sofferma sui dettagli della nuova legge sulla coscrizione, spiegando che essa sprofonderà ancor più il Paese nell’abisso.

Così il capo della commissione della Rada per lo sviluppo economico Dmitry Natalukha, del partito il Servo del popolo (quello di Zelensky!): “Se la versione finale del disegno di legge, che sarà votata a gennaio, costringerà una parte significativa della popolazione a tagliare ogni legame con lo Stato per non essere identificato, trovato e costretto alla leva, sarà difficile sottovalutare l’effetto negativo sull’economia”. E, a catena, aggiunge Strana, sulla logistica dell’esercito.

Il malcontento della popolazione, già altissimo, aumenterà. Ingredienti che potrebbero favorire un golpe. Lo sa Zelensky, lo sa Zaluzhny che comanda l’esercito.

SCOPRI "SCAFFALE ORIENTALE" - LA COLLANA DI LAD EDIZIONI DIRETTA DA DIEGO ANGELO BERTOZZI (AD UN PREZZO SPECIALE)

 Piccole Note

Piccole Note

 

Piccole Note è un blog a cura di Davide Malacaria. Questo il suo canale Telegram per tutti gli aggiornamenti: https://t.me/PiccoleNoteTelegram

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti