La repressione di stato in Egitto è la peggiore di sempre. La denuncia degli attivisti

La repressione di stato in Egitto è la peggiore di sempre. La denuncia degli attivisti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 
La scala della repressione di stato in Egitto è maggiore oggi di quanto non lo sia mai stato per generazioni, ha denunciato al Guardian uno dei giornalisti più importanti del paese e sostenitori dei diritti umani
 
Hossam Bahgat, un reporter investigativo che è stato recentemente arrestato dalla agenzia di intelligence militare egiziana, ha parlato in occasione del quinto anniversario dell'inizio della rivoluzione egiziana. E i giorni che hanno preceduto questa ricorrenza hanno visto un giro di vite senza precedenti da parte delle forze di sicurezza contro l'opposizione e il dissenso .
 
"Questo è senza dubbio il peggiore che abbiamo mai visto", ha detto Bahgat, citando le restrizioni sui media, un picco nel numero di prigionieri politici, le sparizioni forzate, e le presunte uccisioni extragiudiziali degli islamisti da parte dello Stato.
 
"Il livello di repressione ora è significativamente superiore a quello che c'era sotto il regime di Mubarak, e le persone delle vecchie generazioni dicono che è peggio anche dei periodi bui degli anni 1950 e 1960 [sotto il dominio di Gamal Abdel Nasser]."
 
Nel tentativo di scongiurare qualsiasi protesta a cinque anni dalla rivolta che ha rovesciato l'ex presidente Hosni Mubarak, le autorità egiziane hanno fatto irruzione in migliaia di case al Cairo e installata nuove infrastrutture di sorveglianza intorno a piazza Tahrir.
 
I predicatori sono stati incaricati dallo Stato di tenere sermoni nei quali si condanna manifestare contro il governo, mentre i caffè, le istituzioni culturali e gli editori dei libri sono stati tutti controllati dalle agenzie di sicurezza.
 
Dall'entrata in vigore della legge protesta, attuata con decreto esecutivo subito dopo il rovesciamento militare dell'ex presidente dei Fratelli Musulmani, Mohamed Morsi, nel 2013, la partecipazione a tutte le marce non autorizzate o raduni i è llegale.
 
Il governo egiziano sostiene di combattere il terrorismo e che il paese sta facendo progressi in materia di diritti politici. Durante la scorsa settimana cinque poliziotti egiziani sono stati uccisi da uomini armati nel nord del Sinai, mentre sei persone sono morte in un attentato dinamitardo a Giza.
 
"Abbiamo pagato molto per la sicurezza e la stabilità, quindi chiedo a tutti gli egiziani per il bene dei martiri   di prendersi cura del loro paese", ha detto Abdel Fatah al-Sisi, il presidente, in un discorso alla nazione sabato.
 
Bahgat commenta: "Due anni fa il regime poteva permettersi di sottovalutare l'opinione pubblica; Sisi era adorato e ha avuto carta bianca per fare tutto il necessario per imporre stabilità.
 
"Con tutti i poteri dello Stato ora unificati sotto la guida di Sisi ...le  persone stanno iniziando a porsi delle domande su di lui".
 
Per Bahgat, la leadership è nervosa a causa della sua incapacità di vivere della sua stessa retorica.

"Due anni fa questo regime pensava di esseere invincibile", ha detto. "In questo momento siamo in una posizione in cui crepe evidenti stanno iniziando a comparire all'interno dei circoli dominanti, e c'è un livello di critica di condotta del governo e di corruzione che semplicemente prima non esisteva.
 
"Questo è un regime che la gente ha sostenuto anche a scapito dei propri diritti, al fine di sconfiggere il terrorismo, ma il numero degli attacchi terroristici oggi è il più alto di tutti i tempi e abbiamo visto la distruzione quasi completa del settore turistico. La gente comincia a rendersi conto che ha rinunciato alle proprie libertà, ma non hanno ottenuto né la sicurezza nè la stabilità economica che erano state promesse in cambio. "

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO di Leonardo Sinigaglia Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

Genova, manifestazione contro le politiche belliciste della NATO

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni) di Giuseppe Giannini Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Una democrazia dell'apparenza (la violenza delle istituzioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor di Pasquale Cicalese Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

Stellantis. Cosa cambia dopo l'accordo con la cinese Leapmotor

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti