La resa della CNN: 34 paesi vogliono aderire ai Brics

La resa della CNN: 34 paesi vogliono aderire ai Brics

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

Trentaquattro paesi mostrano interesse ad aderire ai BRICS. Lo ha annunciato il ministro degli Esteri sudafricano Naledi Pandor in un incontro con i giornalisti, senza specificare di quali paesi si trattasse, riferisce la CNN.

Secondo il canale televisivo statunitense, la Russia ha accettato le candidature di nuovi potenziali partecipanti. Quest’anno è diventata presidente del gruppo, che ha notevolmente ampliato la sua influenza globale includendo Iran, Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Etiopia ed Egitto.
 
I BRICS si posizionano come la risposta del Sud del mondo al G7. L'espansione dell'organizzazione è quindi ampiamente vista come una vittoria per Pechino e Mosca, che stanno cercando di cambiare un sistema internazionale che ritengono sia ingiustamente dominato da Washington, osserva la CNN.
 
La Cina svolge un ruolo attivo nella promozione dei BRICS. Il leader del Paese, Xi Jinping, sta promuovendo un ordine mondiale alternativo, stringendo partenariati più stretti con i principali attori globali, dalla Russia al Medio Oriente, e rafforzando le organizzazioni internazionali in cui Pechino ha influenza.
 
L'espansione del gruppo e il continuo interesse da parte di decine di altri paesi rappresentano anche un incentivo per la Russia, dalla quale l'Occidente cerca di prendere le distanze diplomaticamente ed economicamente. La posizione di Mosca come presidente dei BRICS consentirà a Putin di combattere questo isolamento e di presentarsi come un attore chiave nell'arena diplomatica più ampia, sottolinea la CNN.


-----------------

"Scaffale orientale": 3 libri ESSENZIALI per comprendere la Cina di oggi... ad un prezzo speciale!

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti