La risposta (perfetta) di David Harvey al miliardario che chiede "sofferenza" nell'economia

La risposta (perfetta) di David Harvey al miliardario che chiede "sofferenza" nell'economia

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Le recenti dichiarazioni del milionario australiano Tim Gurner hanno riportato sotto i riflettori una verità spesso trascurata: la lotta di classe è ancora una realtà vivente e pulsante nella società contemporanea.

Le parole di Gurner, imprenditore edile, mettono in evidenza in modo inequivocabile come le classi dominanti continuino a giocare un ruolo determinante nel plasmare il destino delle masse lavoratrici. Queste dichiarazioni, che suggeriscono l'urgente necessità di un significativo aumento della disoccupazione per migliorare la produttività, gettano luce sulla dura realtà del sistema capitalista, evidenziandone la crudeltà e l'inequità. 

Infatti, lo sviluppatore immobiliare Tim Gurner si è spinto a dichiarare - contro ogni evidenza - che i dipendenti sono diventati troppo arroganti e che la disoccupazione deve aumentare in modo significativo per aumentare la produttività, specialmente nel settore edilizio.

Secondo il Gurner-pensiero la pandemia ha avuto un "effetto massiccio" sulla produttività, specialmente tra gli operai edili, che sta aggravando la crisi abitativa.

"Hanno guadagnato molto facendo molto poco negli ultimi anni, e dobbiamo vedere un cambiamento in questo senso", ha detto durante il summit immobiliare dell'AFR a Sydney. "Penso che il problema che abbiamo avuto è che le persone hanno deciso di non voler lavorare così tanto durante la pandemia".

Gurner, proprietario del Gurner Group, che ha più di 4500 appartamenti in fase di sviluppo in tutto il Victoria, il New South Wales e il Queensland in Australia, ha respinto l'idea che l'immigrazione stia aggravando la crisi abitativa.

"Dobbiamo assolutamente avere l'immigrazione", ha affermato. "L'Australia non funziona senza immigrazione, e se non cresciamo, siamo destinati al declino".

Secondo Gurner, la dinamica tra datori di lavoro e dipendenti deve cambiare attraverso un aumento del 40-50% della disoccupazione.

"Dobbiamo vedere sofferenza nell'economia. Dobbiamo ricordare alle persone che lavorano per il datore di lavoro, non il contrario. C'è stato un cambiamento sistematico in cui i dipendenti pensano che il datore di lavoro sia estremamente fortunato ad averli, anziché il contrario. È una dinamica che deve cambiare".

In Australia il tasso di disoccupazione ha raggiunto un minimo storico del 3,4% nel luglio dell'anno scorso ed è rimasto a livelli storicamente bassi. A luglio di quest'anno, la disoccupazione era al 3,7%, secondo l'ultima serie di dati dell'Ufficio australiano di statistica.

A giugno, il vice governatore della Reserve Bank, Michele Bullock, ha avvertito che il tasso di disoccupazione dovrebbe salire al 4,5% per contenere l'inflazione, il che implica che circa 140.000 persone potrebbero perdere il lavoro.

Insomma, capitalismo allo stato puro, nudo e crudo. A tal proposito ha utilizzato altrettanta chiarezza l’economista David Harvey, che su X ha così commentato le uscite di Tim Gurner: “Il capitalismo non cadrà mai da solo. Dovrà essere abbattuto. L'accumulazione di capitale non cesserà mai. Dovrà essere fermata. La classe capitalista non cederà mai volontariamente il suo potere. Dovrà essere espropriata”.

 

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Potrebbe anche interessarti

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein? di Francesco Erspamer  Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Francesco Erspamer - Vittoria di Meloni? Successo di Schlein?

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito di Geraldina Colotti Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

Sostegno a Maduro al campeggio antimperialista a Frassanito

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

L'Unione Europea nella percezione degli italiani di Leonardo Sinigaglia L'Unione Europea nella percezione degli italiani

L'Unione Europea nella percezione degli italiani

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics di Marinella Mondaini Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

Le sanzioni alla Borsa di Mosca e il futuro dei Brics

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Un establishment a corto di credibilità di Giuseppe Giannini Un establishment a corto di credibilità

Un establishment a corto di credibilità

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO) di Michelangelo Severgnini "L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

"L'URLO DAY": IL 25 GIUGNO A ROMA AL TEATRO FLAVIO (COMUNICATO)

A cosa serve la proposta di Putin di oggi di Giuseppe Masala A cosa serve la proposta di Putin di oggi

A cosa serve la proposta di Putin di oggi

La foglia di Fico di  Leo Essen La foglia di Fico

La foglia di Fico

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti