La Russia all'Onu: "Il dominio occidentale, o il mondo 'americano', va verso la fine"

La Russia all'Onu: "Il dominio occidentale, o il mondo 'americano', va verso la fine"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

Il mondo "americano" è in declino e l'ordine mondiale unipolare non esisterà più,  ha dichiarato, ieri, il rappresentante permanente della Russia all'ONU, Vasily Nebenzia, durante una riunione del Consiglio di sicurezza dell'organizzazione.

"La questione se siamo alla deriva e come sarebbe un sistema con rinnovate relazioni internazionali rimane oggi aperta. Una cosa è chiara: il mondo cesserà di essere unipolare e il dominio occidentale, o 'mondo americano', andrà verso la sua fine”, ha ribadito Nebenzia.

Secondo il diplomatico, da molti anni “le azioni sistematiche e coerenti degli Usa e dei suoi alleati per creare” ai confini con la Russia “un'entità russofoba, nazionalista e neonazista hanno provocato una profonda crisi nel sistema delle relazioni internazionali”. "Le vere cause delle trasformazioni tettoniche attualmente osservate sono ben comprese da qualsiasi osservatore minimamente addestrato", ha aggiunto.

Riferendosi alle trasformazioni in corso del sistema delle relazioni internazionali, Nebenzia ha sottolineato che "a parte il golpe incostituzionale di Kiev del 2014 e gli otto anni di placazione ai crimini del regime di Kiev contro la popolazione civile dell'Ucraina sudorientale, si tratta anche del rifiuto dell'Occidente collettivo al principio di indivisibilità della sicurezza a favore dell'allargamento della Nato”.

Il rappresentante russo ha osservato che il ruolo delle organizzazioni internazionali nel nuovo sistema di relazioni tra i paesi rimane una questione aperta. Nebenzia ha descritto le Nazioni Unite come un "pilastro del multilateralismo nella sua essenza” e ha aggiunto che nonostante il predominio occidentale nei suoi organi e "i tentativi occidentali di imporre un'agenda russofoba agli Stati membri", l'organizzazione rimane una piattaforma necessaria per il dialogo e la cooperazione internazionale. Intanto, secondo il diplomatico, il Consiglio d'Europa “si avvicina allo stato di nullità politica” ed è diventato “un’appendice della Nato”.

Mosca chiede all’OSCE di rispondere alle violazioni dei diritti dei credenti da parte di Kiev

Sempre nell’ambito della riunione del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite, Nebezia ha chiesto che la Macedonia del Nord, che attualmente presiede l'Organizzazione per la sicurezza e la cooperazione in Europa (OSCE), intraprenda azioni concrete per proteggere le libertà religiose in Ucraina.

"Chiediamo che l'attuale presidenza dell'OSCE intraprenda azioni concrete per proteggere le libertà religiose in Ucraina in conformità con i principi e gli impegni dell'OSCE".

Secondo Nebenzya, il presidente e il segretariato dell'OSCE "sono vergognosamente silenziosi sulla persecuzione politicamente motivata del regime di Kiev della Chiesa ortodossa ucraina canonica, così come sono stati vergognosamente silenziosi sulle atrocità commesse dal governo 'Maidan' e sui crimini dei nazionalisti ucraini, tra cui l'incendio di persone vive nella Trade Union House di Odessa nove anni fa", ha ricordato l'inviato russo.

“Oggi si sta ripetendo la stessa tragedia in quanto mancano fondamentali valutazioni sulla pressione che la Chiesa sta affrontando da parte degli organi governativi e delle agenzie di intelligence ucraine, nonché della loro ingerenza nella vita delle comunità religiose e negli affari legati alla libertà di religione, anche se l'Ucraina sta chiaramente violando i suoi obblighi legali internazionali, compresi quelli dell'OSCE", ha osservato Nebenzya.

 

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela di Geraldina Colotti 28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

28 luglio: la (vera) posta in gioco in Venezuela

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino" di Clara Statello Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

Il Congresso Usa ha deciso: "fino all'ultimo ucraino"

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico di Leonardo Sinigaglia 25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

25 aprile: la vera lotta oggi è contro il nichilismo storico

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni) di Giuseppe Giannini Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Difendere l'indifendibile (I partiti e le elezioni)

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

Libia. 10 anni senza elezioni di Michelangelo Severgnini Libia. 10 anni senza elezioni

Libia. 10 anni senza elezioni

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite di Pasquale Cicalese L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

L'impatto che avrà il riarmo dell'Ue nelle nostre vite

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE di Giuseppe Masala Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Il "piano Draghi": ora sappiamo in cosa evolverà l'UE

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar di Paolo Arigotti Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

Il nodo Israele fa scomparire l'Ucraina dai radar

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS di Michele Blanco DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

DRAGHI IL MAGGIORDOMO DI GOLDMAN & SACHS

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti