La Russia chiede agli Stati Uniti di non difendere i terroristi di Ghouta orientale

La Russia chiede agli Stati Uniti di non difendere i terroristi di Ghouta orientale

Il governo russo chiede agli Stati Uniti di non difendere i terroristi nel Ghouta orientale, zona rurale di Damasco, ma di combatterli, ha dichiarato il ministro degli Esteri Sergey Lavrov.

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


"Spero che la coalizione internazionale guidata dagli Stati Uniti finalmente si renda conto della necessità di non proteggere gli estremisti, cosa che sta accadendo ora nel Ghouta orientale, ma soprattutto, di combattere costantemente e inflessibilmente contro le organizzazioni terroristiche, incluso il Fronte Nusra", noto anche come Fronte Fath Al-Sham, ha affermato il ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov.


 
Il capo della diplomazia russa ha rilasciatoq ueste dichiarazioni in una conferenza stampa per i negoziati di pace in Siria che si svolgono nella capitale del Kazakhstan, Astana, e, insieme ai suoi  omologhi di Iran e Turchia, rispettivamente Mohammad Javad Zarif e Mevlüt Çavu?o?lu.
 
Inoltre, ha avvertito che alcuni attori sulla scena mondiale vogliono dividere la Siria per trasformarlo in un "piccolo principato controllato da agenti esterni" e non gli conviene il progresso, basata sul rispetto della sovranità del paese arabo, che a suo parere è già stato ribadito nell'incontro.
 
Lavrov ha poi aggiunto che, coloro che sono contro tutte le norme del diritto internazionale, con flagrante violazione della risoluzione 2254 adottata nel dicembre 2015 dal Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite (UNSC), e coloro che hanno proposto di dividere la Siria e rovesciare al suo governo, "ovviamente non gradiscono ciò che facciamo ad Astana".
 
Il cancelliere russo ha indicato che l'esercito russo e il governo siriano stanno estendendo il cessate il fuoco nelle periferie controllate dai "ribelli" a Damasco, ogni volta che è necessario per consentire a tutti i civili di lasciare l'enclave.
 
Infine, Lavrov ha invitato la comunità internazionale, in particolare le Nazioni Unite (ONU), a fornire assistenza urgente ai civili siriani che abbandonano il Ghouta orientale.
 

Potrebbe anche interessarti

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa di Giorgio Cremaschi Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

Sondaggio Times: Italia primo paese pacifista d'Europa

No Tav, Green Pass e prospettive comuni di Francesco Santoianni No Tav, Green Pass e prospettive comuni

No Tav, Green Pass e prospettive comuni

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

La finanza si "aspetta un terremoto" di Pasquale Cicalese La finanza si "aspetta un terremoto"

La finanza si "aspetta un terremoto"

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Nell'Italia che vorrei... di Gilberto Trombetta Nell'Italia che vorrei...

Nell'Italia che vorrei...

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO di Michelangelo Severgnini La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO

La dichiarazione delle tribù libiche contro l’occupazione NATO