La sbalorditiva commissione dell'Oms che presiederà Mario Monti

La sbalorditiva commissione dell'Oms che presiederà Mario Monti

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Di Giuseppe Masala

Lascia davvero sbalorditi la notizia piovuta - è proprio il caso di dirlo - questa sera. Il Senatore Mario Monti presiederà una sedicente Commissione per la Salute e lo Sviluppo sostenibile dell'Organizzazione Mondiale della Sanità che dovrà "ripensare le politiche alla luce della Pandemia", dove è chiaro che per politiche bisogna intendere anche le politiche economiche sia perchè a presiederla è chiamato - appunto - un economista sia perchè la Commissione avendo già nel nome la locuzione "sviluppo sostenibile" è chiaro che si intende lo "sviluppo economico". Posto che, come sapete, pur nella assoluta differenza di posizioni, ho grande stima del Prof. Mario Monti, sia per la sua competenza tecnica sia per il rigore etico, la notizia non è da meno sbalorditiva. 

Innanzitutto da quando in qua l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha competenza sulle questioni di natura economica? E in secondo punto, quale legittimità democratica ha questa Commissione? La risposta alle due domande è: nessuna competenza e nessuna legittimità democratica. Sbalorditivo. 

Ma sbalorditivo solo se ci si ferma alla superficie delle cose. Il trend storico degli ultimi trenta anni con l'introduzione di una governance cosiddetta multilaterale (ovvero attraverso le cosiddette Organizzazioni Internazionali) non solo ha svuotato gli stati nazionali di competenze, ma ha soprattutto svuotato la democrazia di qualsiasi significato sostanziale con i governi e i parlamenti chiamati solo a ratificare ciò che è stato deciso nella cosiddetta "comunità internazionale". 

Ora siamo arrivati all'abnorme situazione dove una commissione di una organizzazione internazionale presieduta da un medico eritreo, tale Tedros Adhanom Ghebreyesus, vuole decidere (emanando raccomandazioni, che una politica nazionale "democratica" demolita e delegittimata, non potrà fare altro che accogliere) le nostre politiche economiche senza manco consultarci. Essere sovranisti oggi, significa innanzitutto essere per la Democrazia e contro la Tirannide tecnocratica sia essa economicistica sia essa addirittura sanitaria.

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare" di Paolo Desogus Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

Referendum, "non ho votato ma non ho nulla da esultare"

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale di Giorgio Cremaschi La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La Nato va ufficialmente alla terza guerra mondiale

La vera storia del "default russo" spiegata bene di Marinella Mondaini La vera storia del "default russo" spiegata bene

La vera storia del "default russo" spiegata bene

Il Liquidatore entra nella fase finale di Savino Balzano Il Liquidatore entra nella fase finale

Il Liquidatore entra nella fase finale

Sulla Denazificazione dell'Ucraina di Daniele Lanza Sulla Denazificazione dell'Ucraina

Sulla Denazificazione dell'Ucraina

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini di Damiano Mazzotti “Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

“Ucraina. Il mondo al bivio” . Di Giacomo Gabellini

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai  di Antonio Di Siena Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

Scuola pubblica di Bari: iPAD Apple o te ne vai

L'inflazione come strumento della lotta di classe di Gilberto Trombetta L'inflazione come strumento della lotta di classe

L'inflazione come strumento della lotta di classe

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti