L'Agenda Draghi e quel pasticciaccio brutto del "rave party"

L'Agenda Draghi e quel pasticciaccio brutto del "rave party"

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!


Il bastone e la carota. I primi provvedimenti del Governo Meloni sono stati salutati con entusiasmo, senso di liberazione, dalle persone che hanno dovuto subire più di due anni di regime autoritario e distruzione del tessuto socioeconomico per la gestione scellerata della pandemia.

Dopo anni di apartheid, di discriminazione, di conflitto orizzontale, di lavoratori sospesi, radiati, licenziati, perché presunti untori, il reintegro dei sanitari sospesi (ma senza risarcimento) e la cancellazione delle multe per chi non ha completato il cosiddetto "ciclo vaccinale" sono sembrati una svolta liberatoria e catartica, una rivoluzione rispetto al regime del lasciapassare dell'epoca Draghistan.
 
"Altro che fascismo", si legge sui social "finalmente la libertà"...
 
Ma è veramente una svolta?

Qual è l'altro provvedimento che ha adottato il neonato governo Meloni e che rischia di passare in sordina, rispetto alla "carota" dell'anticipazione di due mesi della scadenza dell'obbligo di green pass?
 
Il pasticciaccio rave party.
 
Le persone, che si dividono in "rave sì o rave no" di fronte al non violento (sottolineando non violento) sgombero di Modena, si dilettano nell'immaginare che "assembramenti non autorizzati" siano solo quelli dove giovanissimi senza patria e famiglia ballano convulsamente a ritmi assordanti, assumendo droghe e magari facendo sesso libero..
 
E invece no.
 
Il popolo che in questi due anni è sceso in piazza contro il  green pass, contro l'obbligo vaccinale, contro il divieto stesso di manifestare e di riunirsi HA "COMMESSO IL REATO" di ASSEMBRAMENTO NON AUTORIZZATO e avrebbe rischiato, con la nuova norma del governo Meloni fino a 6 anni di carcere!
 
6 anni di carcere per chi si riunisce senza essere autorizzato.
 
Pensateci un attimo.

Cosa significa?
 
Il rave party non c'entra nulla, è solo una "scusa" scatenante, che incontra il favore acritico delle "persone per bene".
 
Ma la norma serve ad altro.
 
La macelleria sociale legata alla co-belligeranza dell'Italia nella crisi ucraina e alle suicide sanzioni alla Russia non sarà gestibile a livello di ordine pubblico.
 
Le mobilitazioni di chi brucia le bollette, degli agricoltori e dei pescatori, le proteste dei panificatori, i picchetti degli operai, le manifestazioni degli studenti, delle piccole e medie imprese costrette a chiedere saranno "assembramenti non autorizzati" al pari di un rave party.
 
E puniti come reati penali.
 
Il governo della "libertà dal green pass" si trasforma in quello che fin dall'inizio aveva preparato il regime draghiano: repressione violenta di qualsiasi espressione pubblica di difesa e rivendicazione dei diritti democratici e costituzionali.
 
Nel frattempo, l'opposizione di sinistra riparte dall'articolo di genere e dallo spauracchio del fascismo.....

Agata Iacono

Agata Iacono

Sociologa e antropologa

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza di Leonardo Sinigaglia Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

Perire con il "vecchio mondo"? L'Italia e la questione indipendenza

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula di Geraldina Colotti Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

Gaza. L'America Latina progressista si stringe intorno a Lula

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Brecht e il Festival di Sanremo di Francesco Erspamer  Brecht e il Festival di Sanremo

Brecht e il Festival di Sanremo

Saras in mani stranieri e non è una notizia? di Paolo Desogus Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Saras in mani stranieri e non è una notizia?

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia di Giorgio Cremaschi Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

Unrwa, una vergogna (storica) per l'Italia

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio di Francesco Santoianni La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

La bufala dell'"accordo" sul fentanyl e le nuove guerre dell'oppio

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia di Alberto Fazolo La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

La mozione PD e il macabro teatrino di colonia Italia

Genocidio, il tabù della parola di Giuseppe Giannini Genocidio, il tabù della parola

Genocidio, il tabù della parola

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ di Michelangelo Severgnini SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

SHUGALEY NO, IL TESTIMONE SÌ

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo di Giuseppe Masala A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

A Monaco si è deciso la rottura della NATO che conoscevamo

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo di Paolo Arigotti La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

La morte di Aleksej Naval’nyj, tra dubbi e doppiopesismo

Meno salari più spese militari di Michele Blanco Meno salari più spese militari

Meno salari più spese militari

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti