World Affairs/L'attacco dell'OPCW agli informatori che hanno svelato le falsità...

L'attacco dell'OPCW agli informatori che hanno svelato le falsità sull'uso delle armi chimiche in Siria un ulteriore prova del marciume di questo organismo

 
Fonte articolo
 
Tentando di screditare gli informatori che mettono in dubbio il suo rapporto su un attacco chimico in Siria, l'OPCW ha solo confermato l'autenticità dei documenti trapelati, l'esperienza delle persone coinvolte e il proprio marciume.

 
Da mesi ormai, due informatori - un individuo identificato solo come "Alex" e l'ex specialista Ian Henderson - hanno testimoniato e presentato documenti che indicano che il rapporto finale sull'incidente dell'aprile 2018 a Douma è stato documentato per suggerire che le forze governative siriane avrebbero potuto aver usato armi chimiche e quindi giustificare retroattivamente gli attacchi missilistici statunitensi, britannici e francesi contro la Siria, che erano stati effettuati prima ancora che la missione OPCW arrivasse lì per indagare.
 
Giovedì scorso, l'Organizzazione per la proibizione delle armi chimiche ha cercato di screditarle sostenendo che non erano veri e propri informatori, ma scontenti dipendenti che hanno violato la riservatezza e mancavano di esperienza e accesso a tutte le prove.  
 
Questo era abbastanza per la legione di propagandisti tradizionali per dichiarare che avevano ragione, gli informatori screditati e il rapporto Douma corretto al 100%.
 
Non devono essersi preoccupati di leggere il piccolo esercizio dell'OPCW in semantica, perché ciò che effettivamente ha fatto - forse inavvertitamente - è stato confermare che i documenti trapelati erano autentici e che gli informatori avevano accesso alle prove di cui avevano discusso.
 
Ad esempio, afferma che uno degli informatori "non era un membro" della missione di accertamento dei fatti a Douma - ma poi dice anche che " ha accompagnato" e "assistito" la FFM, e in seguito è stato "assegnato a condurre un inventario " delle prove sensibili raccolte.
 
  
L'OPCW deve incolpare solo se stesso di questa situazione. Dopotutto, nel 2013 l'organizzazione ha certificato che la Siria aveva smantellato i suoi laboratori di armi chimiche e consegnate agli Stati Uniti e nel Regno Unito per distruggerli, avendo supervisionato il processo e ispezionato le strutture. Eppure ha permesso a se stesso di essere usato dalle potenze occidentali e dai jihadisti che hanno sostenuto - in una campagna per effettuare comunque il "cambio di regime" a Damasco.
 
Nel lontano 2012, l'amministrazione Obama ha impostato l'uso di armi chimiche come una "linea rossa" che avrebbe scatenato una "azione militare cinetica" in stile libico in Siria. L'iniziativa diplomatica russa che ha visto il disarmo della Siria ha contrastato quel piano, ma non ha impedito ai "ribelli moderati" come l'affiliata di Al Qaeda Al-Nusra di mettere in scena incidenti che potrebbero essere incolpati del governo del presidente Bashar Assad, tutti nella speranza di provocando un intervento esterno e vincendo la guerra per loro.
 
La cosa su questi "attacchi chimici" è che accadono sempre quando i "ribelli" stanno perdendo e l'esercito siriano avanza con facilità. Ciò significa che il governo siriano non ha assolutamente bisogno di usare armi chimiche per nessun motivo, militare o politico, a differenza dei miliziani, che hanno assolutamente bisogno di tali incidenti per mantenere viva la loro causa.
 
Pubblicando un rapporto su Douma pieno di omissioni e insinuazioni, l'OPCW si è effettivamente schierato dalla parte di questi terroristi, così come dei paesi che hanno lanciato unilateralmente attacchi contro la Siria, sfidando apertamente il diritto internazionale. 
 
Quindi ha scelto di affrontare le critiche alla sua complicità nella più grande menzogna dopo le armi di distruzione di massa irachene, attaccando gli informatori. Per un'organizzazione che dovrebbe salvaguardare il mondo dalla proliferazione di armi pericolose, non è solo una brutta pagina, è un colpo al cuore alla sua credibilità.
 
 Secondo Piers Robinson, condirettore dell'Organizzazione per gli studi sulla propaganda (OPS) ed ex professore all'Università di Sheffield, il fulcro dell'indagine dell'OPCW è un tentativo di screditare "ispettori coraggiosi e di grande esperienza che evidentemente hanno cercato di dire la verità al mondo ".
 
"In tal modo l'OPCW sta eludendo le prove scientifiche convincenti ora di dominio pubblico che indicano sia che i cilindri sono stati posizionati a mano e che le vittime non sono state uccise dal cloro proveniente da bombole di gas cadute in elicottero. L'OPCW sta coprendo la scienza la verità e la prevenzione della giustizia e della verità per le vittime. Ma la verità continuerà a emergere e la direzione dell'OPCW inevitabilmente si troverà di fronte a dover sistemare la propria casa o altrimenti perdere credibilità", sottolinea lo studioso.
 
 
Peter Ford, ex ambasciatore del Regno Unito in Siria ed esperto di affari in Medio Oriente, fa eco al co-direttore dell'organizzazione no profit, affermando che "non sono gli informatori a mancare di credibilità come affermato dall'OPCW ma l'OPCW stessa".
 
Ford amette l'attenzione sul fatto che l'OPCW "non riesce nemmeno a fare alcuno sforzo per rispondere alla sostanza delle riserve espresse dagli informatori".
 
"Qualsiasi confutazione di tali riserve dovrebbe spiegare i segni di manomissione delle prove rilevati dagli ispettori (posizionamento manuale delle bombole di cloro) e l'incoerenza dei sintomi video delle presunte vittime con gli effetti noti del cloro gassoso", ha spiegato.
 
Secondo lui, "fino a quando questi punti non saranno affrontati, i racconti degli informatori avranno più credibilità delle affermazioni deboli da parte dell'OPCW". Inoltre, si potrebbe chiedere fino a che punto qualsiasi revisione può essere "indipendente" quando viene commissionata e pagata dall'OPCW stesso, aggiunge Ford.
 
Il comportamento di OPCW fa nascere ulteriori sospetti
 
L'ex diplomatico richiama l'attenzione sui tempi del rilascio della pubblicazione dell'OPCW, che ha coinciso con l'avanzata delle forze del governo siriano nell'ultimo bastione dei terroristi in Siria.
 
"È inquietante che i tentativi delle potenze occidentali e dell'organizzazione internazionale che controllano di ristabilire un po'di credibilità a quell'organizzazione stiano emergendo proprio mentre i tentativi dei media corporativi occidentali di suscitare una frenesia di preoccupazioni umanitarie su Idlib stanno raggiungendo il culmine e proprio mentre ie forze siriane e altre forze che tentano di rimuovere i jihadisti sostenuti dall'Occidente da Idlib sono pronti per la vittoria ", suggerisce Ford.
 
Secondo lui, la situazione che si sta svolgendo evoca forti ricordi di Douma, "in cui è stato fabbricato un falso attacco di armi chimiche per consentire alle potenze occidentali di fare un ultimo disperato tentativo di salvare i loro delegati".
 
"Stiamo per vedere una nuova produzione vincitrice di un Oscar, come indicano alcuni report allarmanti?" chiede retoricamente l'ex diplomatico britannico.
 
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa