/ L'"attentato" di San Pietroburgo e gli sciacalli di questa "Barba...

L'"attentato" di San Pietroburgo e gli sciacalli di questa "Barbarossa" dell'informazione

 


di Diego Bertozzi

Non c'è da stupirsene più di tanto: ogni attentato terroristico che avviene al di fuori dello spazio sacro occidentale, è oggetto di una vomitevole "doppia morale" che ne impedisce la condanna, divulga letture che in altre occasioni si definirebbero "complottiste", fino a giungere ad una sorta di giustificazione (la repressione del regime) dell'azione terrorista. I fatti tragici di San Pietroburgo avvengono nel pieno ri-dispiegamento di una russofobia da Ottocento e proprio per questo da ieri leggiamo vera e propria spazzatura da irregimentazione bellica.



Avessero il coraggio di abbandonare il "tra le righe" per dire chiaramente quel che pensano: i russi sono sottouomini, crepano diversamente, e Putin si è fatto l'attentato per rafforzare il proprio potere. Gli sciacalli più ignobilmente coraggiosi quelli de L'Unità: "attentato" tra virgolette.







.......................

Perché per Berlino i morti russi non meritano di essere ricordati?

Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa