Lavoratori Gkn: Pronti ad un "Nuovo 18 settembre". Sciopero generale una necessità

Lavoratori Gkn: Pronti ad un "Nuovo 18 settembre". Sciopero generale una necessità

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

I lavoratori della Gkn di Campi Bisenzio temono un nuovo attacco padronale. Le procedure di licenziamento dopo la sentenza a loro favorevole potrebbero riaprirsi. L'azienda cercherà in maniera subdola di presentare in maniera edulcorata i licenziamenti. I lavoratori sono pronti a questo scenario. Probabilmente dopo la pausa natalizia prepareranno un "nuovo 18 settembre", ovvero una grande mobilitazione per rilanciare la loro lotta e quella generalizzata contro le politiche di licenziamento, delocalizzazioni e precarietà.

Le maestranze GKN sanno che una lotta generalizzata prevedere il coinvolgimento di altre categoria e comparti. Dalla nazionalizzazione aziendale, non quella come l'ILVA sottolineano i lavorator,i ma che parta dal basso che sia un piano anche un vero piano di sostenibilità pubblica. Nel loro ultimo documento preparatorio alla prossima assemblea del 5 dicembre evidenziano la necessità di uno sciopero generale e generalizzato che non sia finalizzato ad una momento o a una dato, ma che sia la spinta per una convergenza delle varie lotte. Una sfida che, difficile o meno, ha l'opportunità non solo di essere lanciata, ma che può dare una nuova linfa alla lotta di classe che i padroni e politici temono più che mai.

Post Facebook Collettivo Di Fabbrica - Lavoratori Gkn Firenze

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

L'agenda Draghi-Meloni di Giorgio Cremaschi L'agenda Draghi-Meloni

L'agenda Draghi-Meloni

L’Iran come la Siria nel 2011? di Francesco Santoianni L’Iran come la Siria nel 2011?

L’Iran come la Siria nel 2011?

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE di Marinella Mondaini L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

L'Ambasciatore russo "convocato" dalla Farnesina su ordine dell'UE

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)   di Bruno Guigue Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Combattere l'imperialismo significa nominarlo (e smascherarlo)

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso" di Antonio Di Siena Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Gas a questi prezzi. "L'euro non ha più senso"

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona di Thomas Fazi Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Draghi o non Draghi, resta la gabbia dell'eurozona

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva? di Michelangelo Severgnini Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Libia, l'Italia si prepara alla guerra preventiva?

Gorbachev: ritorno alla terra di Daniele Lanza Gorbachev: ritorno alla terra

Gorbachev: ritorno alla terra

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube di  Leo Essen I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

I 25 anni di Google e il potere "ipnotico" di YouTube

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo di Paolo Pioppi Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Donbass: la sinistra europea che copre l'imperialismo

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra di Damiano Mazzotti Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Populismo terminale. La dispersione della sinistra e della destra

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti