/ Lavrov avverte sui rischi della decisione degli Stati Uniti di in...

Lavrov avverte sui rischi della decisione degli Stati Uniti di inviare truppe aggiuntive in Medio Oriente

 

Il ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov ha avvertito dei rischi sulla decisione degli Stati Uniti di inviare un ulteriore contingente militare nella regione del Medio Oriente.


"Per quanto riguarda la decisione di Trump di inviare 1.500 soldati supplementari che vengono schierati in Medio Oriente e Nord Africa, si sa che i rischi aumentano sempre quando le capacità militari sono rafforzate", ha dichiarato Lavrov.
 
Inoltre, il capo della diplomazia russa ha mostrato gradimento per "formare un concetto, un sistema di sicurezza" e proposto di "iniziare con semplici operazioni come la trasparenza nelle questioni militari, inviti per le esercitazioni, lo sviluppo di altre misure di fiducia con la partecipazione della Lega araba, delle Nazioni Unite, dell'Unione europea (Unione europea) e dei cinque paesi membri del Consiglio di sicurezza come garanti ".
 
Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha annunciato la decisione di inviare circa 1.500 truppe aggiuntive in Medio Oriente per proteggere le forze armate statunitensi
 
Oltre all'invio di 1.500 soldati, la scorsa settimana Washington ha annunciato lo schieramento di un battaglione di sistemi di difesa aerea Patriot e di aerei da ricognizione in Medio Oriente, secondo il Pentagono, a causa di "più credibili notizie che i gruppi appoggiati dell'Iran intendano attaccare il personale statunitense "in questa regione.
 
Situazione nel Golfo Persico
 
Lavrov ha spiegato che l'iniziativa dell'Iran di firmare un accordo di non aggressione nel Golfo Persico potrebbe rappresentare un primo passo verso il raggiungimento della distensione nell'area.
 
"Concordare di non attaccarsi a vicenda sarebbe, a quanto pare, il primo passo verso la distensione, e considereremmo tale patto come corretto", ha affermato il ministro degli Esteri russo.
 
Ieri, il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Yavad Zarif ha dichiarato che il suo paese è disposto a firmare un accordo di non aggressione con i paesi arabi.
 
Per Lavrov, la proposta di Teheran ha molto in comune con l'iniziativa della Russia di "iniziare il processo di formazione di un concetto di sicurezza nell'area del Golfo Persico".
Il capo della diplomazia russa ha indicato che il lavoro dovrebbe coinvolgere, oltre all'Iran, i paesi arabi e gli altri Stati limitrofi.
 
Secondo il diplomatico, la proposta è stata discussa in precedenza, ma tra i paesi arabi non vi è un'unica posizione in merito.
 
 
Fonte: Sputnik - Foto Reuters
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa