Lavrov definisce "terrorismo mediatico" la disinformazione occidentale

Lavrov definisce "terrorismo mediatico" la disinformazione occidentale

I nostri articoli saranno gratuiti per sempre. Il tuo contributo fa la differenza: preserva la libera informazione. L'ANTIDIPLOMATICO SEI ANCHE TU!

 

A margine della conferenza stampa con ilMinistro degli esteri italiano, Luigi Di Maio, il capo della diplomazia russa, Sergey Lavrov torna su un aspetto cruciale della crisi sull'Ucraina: la propaganda occidentale. Da sempre avanguardia per tutte le aggressioni della NATO, dalla ex Jugoslavia all'Iraq, fino a Libia e Siria.

"Sul fatto che abbiamo il senso della vergogna o meno, i nostri colleghi che iniziano la diffusione di calunnie, disinformazione, e praticano terrorismo mediatico, adesso non mi viene in mente nessuna altra parola, non credo che qualche volta si pentiranno di ciò, però bisogna metterlo in luce e questo avviene tutti i giorni, anche se a loro scivola tutto."

Lavrov ha aggiunto che "In un momento, è il 15 febbraio, in un altro il 16, adesso è il 20, e Liz Truss dice 'questo può succedere in ogni momento' da sembrare scorretto nelle mie previsioni sullo sviluppo di questi eventi."

Il ministro russo precisa: "mi risulta molto difficile caratterizzare queste azioni che considero inaccettabile per qualsiasi politico e qualsiasi diplomatico. Sono tentativi con mezzi inadeguati e se non possiamo definire escalation quello che stanno facendo loro, non so come definirla..."

Lavrov ha poi ricordato che le truppe russe "si sono schierate in tutta calma nel loro territorio. Hanno fatto esercitazioni, tolto le tende, sono salite sui vagoni e sono tornate alle loro caserme.", ma lamenta che "l'isteria continua. ecco dove sta l'escalation".

Il capo della diplomazia russa ha concluso: "Proprio con queste azioni, nel costante bombardamento con minacce e spaventi ."

La Redazione de l'AntiDiplomatico

La Redazione de l'AntiDiplomatico

L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa. Per ogni informazione, richiesta, consiglio e critica: info@lantidiplomatico.it

Strage di Suviana e la logica del capitalismo di Paolo Desogus Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Strage di Suviana e la logica del capitalismo

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso di Fabrizio Verde Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

Tra neoliberismo e NATO: l'Argentina sull'orlo dell'abisso

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA" LAD EDIZIONI 3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

3 LIBRI PER "CAPIRE LA PALESTINA"

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda di Geraldina Colotti Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

Trent’anni fa, il genocidio in Ruanda

La fine dell'impunità di Israele di Clara Statello La fine dell'impunità di Israele

La fine dell'impunità di Israele

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi di Giovanna Nigi "11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

"11 BERSAGLI" di Giovanna Nigi

Lenin, un patriota russo di Leonardo Sinigaglia Lenin, un patriota russo

Lenin, un patriota russo

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso di Giorgio Cremaschi Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il PD e M5S votano per la guerra nel Mar Rosso

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte di Francesco Santoianni Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

Il caso "scientifico" dell'uomo vaccinato 217 volte

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri di Savino Balzano L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

L'austerità di Bruxelles e la repressione come spettri

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia di Alberto Fazolo Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Ucraina. Il vero motivo di rottura tra Italia e Francia

Liberal-Autocrazie di Giuseppe Giannini Liberal-Autocrazie

Liberal-Autocrazie

Autonomia differenziata e falsa sinistra di Antonio Di Siena Autonomia differenziata e falsa sinistra

Autonomia differenziata e falsa sinistra

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE di Gilberto Trombetta L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

L'INDUSTRIA AUTOMOBILISTICA E L'INTERESSE NAZIONALE

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare di Michelangelo Severgnini Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Togg fii: l’Africa è un posto dove restare

Il primo dei poveri di Pasquale Cicalese Il primo dei poveri

Il primo dei poveri

Lenin fuori dalla retorica di Paolo Pioppi Lenin fuori dalla retorica

Lenin fuori dalla retorica

La crisi nel Corno d’Africa di Paolo Arigotti La crisi nel Corno d’Africa

La crisi nel Corno d’Africa

Registrati alla nostra newsletter

Iscriviti alla newsletter per ricevere tutti i nostri aggiornamenti