ALBA LATINA/Le 3 mosse con cui Maduro ha sconfitto il golpe della destra in V...

Le 3 mosse con cui Maduro ha sconfitto il golpe della destra in Venezuela

 

l'AntiDiplomatico ha bisogno del tuo aiuto. Una tua piccola donazione può essere vitale per la nostra battaglia di informazione.

 

Ancora un golpe tentato dalla destra in Venezuela. Ancora una sonora sconfitta per quella forze violente e reazionarie che nei fatti hanno mostrato di godere su uno scarso sostegno popolare. Al contrario della Rivoluzione Bolivariana. 

 

Ma come ha fatto il governo venezuelano a fermare questo ennesimo tentativo di colpo di Stato ordito dall’opposizione telecomandata da Washington? Sostanzialmente con tre mosse. Contrastando le fake news diffuse ad arte per generare caos nel paese, controllando i militari ribelli con il minimo uso della forza e invitando la popolazione a sostenere il presidente Nicolás Maduro.

 

Da subito, fin da quando l’autoproclamato presidente ad interim Juan Guaidó attraverso i social network ha annunciato «l’inizio della fase finale dell’Operación Libertad», ministri, funzionari del Governo, così come diversi leader del potere Legislativo, hanno iniziato a diffondere informazioni molto accurate con l’obiettivo di contrastare le fake news diffuse dai golpisti. 

 

A questo proposito, spiccano i diversi tweet o le dichiarazioni del Ministro della Comunicazione e Informazione, Jorge Rodriguez, del Presidente dell’Assemblea Nazionale Costituente (ANC), Diosdado Cabello, del ministro della Difesa Vladimir Padrino López e il procuratore generale Tarek William Saab.

 

Seguiti ovviamente dalle attività del presidente Maduro che tramite Twitter condannava il golpe, mentre al contempo inviava reparti scelti del corpo di sicurezza per sedare il gruppo di soldati ribelli che si trovavano nelle vicinanze della base militare di La Carlota. 

 

Uso minimo della forza per controllare la manciata di militari golpisti

 

Il golpe è stato soffocato con un uso minimo della forza. 

 

Il distributore di Altamira dell'autostrada Francisco Fajardo, che collega la base militare di La Carlota, è stato teatro dello scontro tra il pugno di militari a sostegno di Guaidó e gli ufficiali delle forze di sicurezza del governo venezuelano.

 

Le forze di sicurezza venezuelane hanno lanciato bombe lacrimogene contro i soldati ribelli che erano trincerati nella strada di Altamira e hanno offerto resistenza per alcune ore.

 

Maduro ha denunciato che i golpisti in risposta ai gas lacrimogeni hanno utilizzato armi, anche di grosso calibro, tra cui quattro mitragliatrici 7,62 mm di tipo AFAG. 

 

Il popolo rivoluzionario scende in piazza

 

Nello stesso momento in cui le forze armate bolivariane sono state convocate per fermare il gruppo golpista, le autorità venezuelane hanno fatto appello al popolo a scendere in piazza per sostenere il governo di Maduro.

 

In questo modo, il popolo rivoluzionario si è concentrato nei pressi del palazzo presidenziale formando una sorta di cordone umano per difendere il governo del presidente Nicolás Maduro e respingere il colpo di Stato.

Fonte: teleSUR
Notizia del:
Notizia del:
 
Copyright L'Antiplomatico 2013 all rights reserved - Privacy Policy Change privacy settings
L'AntiDiplomatico è una testata registrata in data 08/09/2015 presso il Tribunale civile di Roma al n° 162/2015 del registro di stampa